Home Dove, come e quando Divieti di Capodanno 2019 nelle città italiane: botti e spray al peperoncino

Divieti di Capodanno 2019 nelle città italiane: botti e spray al peperoncino

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:58
CONDIVIDI

divieti di capodanno

Divieti di Capodanno: botti e spray al peperoncino. Tutto quello che c’è da sapere sulle limitazioni nelle piazze delle città italiane.

È arrivato il giorno di San Silvestro, quello dell’ultima notte dell’anno, in cui ci si appresta a festeggiare l’arrivo dell’anno nuovo. Il Capodanno 2019 è carico di attese e tanti festeggiamenti, tra cene, cenoni, veglioni, serate danzanti, concerti, teatro, spettacoli e chi più ne ha più ne metta.

Molti italiani festeggeranno all’aperto, partecipando ai tanti concertoni nelle piazze delle città italiane o scenderanno in strada dopo il cenone, per i fuochi di artificio e per scambiarsi gli auguri in un brindisi collettivo. Prima di fare festa, però, è bene conoscere le regole e i divieti introdotti nelle città italiane. In molti centri è stato vietato lo spray al peperoncino o i botti di Capodanno. Ecco tutto quello che c’è da sapere città per città.

Divieti di Capodanno nelle città italiane

Questa notte, allo scoccare della mezzanotte si festeggerà Capodanno 2019. Molti scenderanno in strada per partecipare agli spettacoli e ai concerti in piazza, altri usciranno solo a mezzanotte per brindare all’aperto o magari far esplodere qualche petardo. Attenzione, però, che in molte piazze sono stati vietati i botti e i piccolo fuochi sparati dai privati, con multe per i trasgressori. Poi, quasi tutte le città, tranne Roma, hanno deciso di vietare per questa notte lo spray urticante al peperoncino, dopo la tragedia della discoteca di Corinaldo. Ecco tutti i divieti nelle principali città italiane per la notte dell’ultimo e primo dell’anno.

Roma. non sarà vietato portare con sé spray urticanti, perché ritenuti strumenti per la difesa personale. Invece, la sindaca Virginia Raggi ha firmato l’ordinanza che vieta l’utilizzo di petardi, botti e artifici pirotecnici in occasione dei festeggiamenti di fine anno. Il provvedimento, come scrive Il Messaggero, prevede il divieto assoluto di usare materiale esplodente come fuochi artificiali, razzi e giochi pirotecnici dalle 00.01 del 31 dicembre 2018 alle 24.00 dell’1 gennaio 2019, su tutto il territorio di Roma Capitale. Sono esclusi dal divieto: bengala, fontane, bacchette scintillanti, trottole e girandole luminose. Il programma del Capodanno in piazza a Roma.

Milano. In piazza Duomo si terrà stasera il concerto di Francesco Gabbani ed è previsto il numero chiuso, per un massimo di 20mila persone. La piazza sarà transennata e verranno allestiti nove varchi per far entrare il pubblico. Gli spettatori non potranno portare fuochi d’artificio o petardi, né bottiglie di vetro, né lattine, né bombolette di spray al peperoncino e altri oggetti potenzialmente pericolosi, come i selfie stick. Nelle altre zone della città, invece, l’uso di petardi e fuochi è invece ammesso nel rispetto delle norme.

Napoli. Inutile qui vietare botti e petardi, che si potranno vendere e usare in tutte le zone della città, ovviamente nel rispetto delle norme. Per la sicurezza del pubblico, tuttavia, in piazza del Plebiscito e nelle zone dove sono in programma i festeggiamenti, non è ammessa la vendita di alcolici in bottiglie, bicchieri di vetro o lattine. Non è stata emessa un’ordinanza specifica sul divieto di portare spray al peperoncino, ma uno schieramento di forze dell’ordine, anche in borghese, sarà pronto a intervenire in caso di momenti di tensione e per identificare eventuali malintenzionati pronti a replicare la follia dello spray al peperoncino. Come spiega Il Mattino.

Torino. Vietati petardi e botti nel centro storico, mentre nelle altre zone della città l’uso è permesso nel rispetto delle norme. Per piazza Castello, dove si terrà uno spettacolo di magia, è previsto un piano di sicurezza che vieta contenitori in vetro, lattine, spray, compresi quelli al peperoncino e altri oggetti potenzialmente pericolosi.

Bologna. Un’ordinanza comunale prevede il divieto totale di vendita e uso di fuochi di artificio in ogni parte della città, anche nelle zone private che interferiscono con il suolo pubblico. Inoltre nel centro, dove si svolgeranno i festeggiamenti in Piazza Maggiore, non si potranno portare spray al peperoncino o bottiglie e contenitori in vetro.

Genova. Spray al peperoncino vietato a Capodanno anche nel capoluogo ligure, dove i festeggiamenti principali si svolgeranno in piazza De Ferrari, che si trasformerà in un grande teatro a cielo aperto, con musica e giochi di luce. Vietato anche il possesso del materiale pirotecnico in ogni zona pubblica o aperta al pubblico della città. Così come sono vietati anche la vendita e l’uso di bevande in contenitori di vetro o metallici.

Firenze. La città è stata tra le prime a vietare gli spray urticanti nelle piazze delle feste di Capodanno. Un divieto introdotto già lo scorso anno e confermato anche quest’anno da un’ordinanza del sindaco Dario Nardella, che ha messo al bando lo spray da piazzale Michelangelo e piazza del Carmine. Chi ha con sé lo spray al peperoncino dovrà lasciarlo nei contenitori predisposti dagli organizzatori dei concerti. Invece in caso di botti e petardi, anche questi vietati, non si potrà accedere alle piazze della festa. Nelle zone dove sono in programma eventi pubblici sono vietate anche le bottiglie di vetro.

Matera. La città dove si terrà il grande spettacolo di Capodanno trasmesso in diretta da Rai1, lo spray al peperoncino è stato vietato dall’ordinanza del sindaco Raffaello De Ruggeri, proprio per “per prevenire situazioni di pericolo e di panico e il ripetersi di eventi tragici come quelli di Corinaldo”, è specificato. Lo spray sarà vietato nella centrale piazza Vittorio Veneto dove sarà allestito il palco.

Bari. Nel capoluogo pugliese, dove si terrà l’altro grande show trasmesso in diretta tv, da Mediaset, l’ordinanza del sindaco vieta la somministrazione e la vendita di bottiglie di vetro, lattine di alluminio e bottiglie di plastica con tappo e di portare spray urticanti. I divieti scattano dalle 13.00 del 31 dicembre fino alle 5.00 del 1° gennaio 2019 e riguardano la zona di corso Vittorio Emanuele, via Roberto da Bari, nel tratto compreso tra corso Vittorio Emanuele e via Piccinni, piazza Chiurlia e piazza Massari.

Venezia. In tutta la città metropolitana, quindi anche a Mestre e Marghera, sono vietati petardi e fuochi d’artificio per i possibili danni al patrimonio culturale, è proibita la vendita e l’utilizzo di bottiglie di vetro ed è vietato portare lo spray al peperoncino nelle piazze e nei luoghi di festa. da non perdere a Venezia lo spettacolo dei fuochi di artificio.

Brescia. Vietato lo spray urticante in piazza Loggia, dove si terrà la grande festa dell’ultimo dell’anno. La piazza sarà a numero chiuso, con l’ingresso di un massimo di cinquemila persone, che entreranno da due varchi presidiati. Vietati anche alcolici, bottiglie di vetro, lattine e fuochi d’artificio.

A cura di Valeria Bellagamba