CONDIVIDI
porto cesareo spiagge più belle
(istock)

Porto Cesareo spiagge più belle: dove andare al mare l’estate 2018 nella famosa località del Salento ionico.

Prosegue la nostra rassegna sulle spiagge più belle del Salento, la penisola meridionale della Puglia nota anche come tacco d’Italia. Affacciato su due mari, l’Adriatico e lo Ionio, il Salento offre coste e spiagge molto varie e bellissime. Uno spettacolo della natura con litorali sabbiosi e rocciosi, acque cristalline dai colori turchese, blu e smeraldo. Una meraviglia per gli occhi e un paradiso per le vacanze estive.

Vi abbiamo segnalato le spiagge da non perdere in Salento con le loro mappe, abbiamo proposto un elenco dettagliato di spiagge più belle del Salento ionico e di quello adriatico. Poi siamo scesi ancora più in dettaglio con le spiagge della bella Otranto e dintorni, sulla costa adriatica.

Qui vi portiamo alla scoperta delle spiagge più belle di un’altra località molto amata del Salento, questa volta ionico, Porto Cesareo, con le sue spiagge quasi caraibiche, di sabbia bianca e  acqua trasparente.

Porto Cesareo spiagge più belle dove andare

Ecco le spiagge più belle di Porto Cesareo dove andare al mare per l’estate 2018. Da Nord a Sud una carrellata di meraviglie nell’Alto Salento ionico.

Punta Prosciutto

Punta Prosciutto (Hydruntum, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Frazione a nord del comune di Porto Cesareo, al confine con Torre Colimena, in provincia di Taranto, Punta Prosciutto è forse una delle spiagge più belle di tutto il Salento. La spiaggia si affaccia su un’ampia baia si sabbia soffice e bianchissima, bagnata da un mare da sogno, trasparentissimo e turchese, dal fondale basso, con la presenza qua e là di rocce sul fondale. La sabbia ha infinite sfumature dall’ocra al rosa e si alza subito in dune naturali secolari ricoperte dalla rigogliosa macchia mediterranea. Qui si trovano ampi tratti liberi e zone con stabilimenti balneari, dotate di tutti i servizi. Punta Prosciutto è considerata una delle dieci spiagge più belle al mondo ed è compresa nel Parco Palude del Conte. Alle sue spalle si alzano dune secolari.

Torre Castiglione

Torre Castiglione, Porto Cesareo, Salento (iStock)

Poco più a est di Punta Prosciutto, dopo Padula Fede, troviamo la baia di Torre Castiglione, una delle tante spiagge di questa zona caratterizzata da suggestive torri di avvistamento. La località prende il nome dalla torre eretta nel XVI secolo dall’imperatore Carlo V, della quale però non resta che un cumulo di pietre, al contrario di altre località delle zona che conservano torri intatte. La spiaggia è formata da una cinquantina di metri di arenile sabbioso con dune ricoperte dalla macchia mediterranea. La baia è chiusa da un promontorio di scogli, dove si trovano i ruderi della torre.

Torre Lapillo

Torre Lapillo, Salento (iStock)

Superato un tratto di costa frastagliata e rocciosa incontriamo la l’ampia baia di Torre Lapillo, che prende il nome dall’omonima torre di avvistamento del XVI secolo, detta anche Torre di San Tommaso. La baia forma una grande mezzaluna dove si affaccia una lunga spiaggia di sabbia bianca e soffice, servita da numerosi stabilimenti balneari, bar e ristoranti, ma dotata anche di tratti liberi. A ridosso della spiaggia si trova il centro abitato, dove si trovano hotel, case in affitto, b&b, ristoranti e bar. Il fondale marino è basso e trasparente, con colori che vanno dal turchese chiaro all’azzurro e al blu intenso. La spiaggia è molto amata dai turisti inglesi.

Torre Chianca

Torre Chianca, Porto Cesareo (iStock)

Subito dopo la baia di Torre Lapillo, troviamo un tratto di costa frastagliato con due piccola baie, delimitate da un promontorio dove sorge la Torre Chianca. Qui si apre la piccola baia semicircolare con la spiaggia sabbiosa che prende il nome dalla torre. Un tratto di spiaggia libera e selvaggia con sabbia bianca e dorata con fondale basso e mare turchese. Un angolo protetto e riservato, incastonato tra gli stabilimenti balneari delle spiagge vicine. Sulla baia, vicino alla torre, si trova il Club nautico con l’approdo per le barche. Davanti alla alla baia di Torre Chianca sorgono l’Isola della Malva e l’isolotto a forma di cuore.

Spiaggia di Scalo di Furno

Porto Cesareo, Lido Tabù (Hydruntum, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Subito dopo Torre Chianca troviamo la spiaggia di Scalo di Furno, una baia sabbiosa con stabilimenti balneari, ma anche tratti liberi selvaggi dove sorgono dune ricoperte di vegetazione mediterranea. La spiaggia è bagnata da un mare limpidissimo, color turchese intenso e con fondale molto basso. La baia è divisa in due da un promontorio sul quale sorge il sito archeologico di Scalo di Furno, con un tratto più ampio a nord e uno più piccolo a sud., al largo sorgono scogli e isolotti. L’arenile è formato da sabbia soffice e bianchissima.

Spiaggia dell’Isola Grande

Spiaggia dell’Isola Grande, Porto Cesareo (iStock)

Al largo di Porto Cesareo sorge l’Isola Grande o Isola dei Conigli, con una costa frastagliata di rocce basse e sabbia con arbusti della macchia mediterranea. L’isola è un luogo di grande bellezza paesaggistica che ospita una riserva naturale. La spiaggia dell’Isola Grande si apre a mezzaluna verso il mare aperto con un arenile di sabbia bianca protetto da dune ricoperte dalle tamerici. La spiaggia è libera e selvaggia, il mare color turchese con fondale basso, che degrada dolcemente verso il largo. Si raggiunge con una piccola barca

Altri suggerimenti sul Salento, dove andare e cosa fare:

A cura di Valeria Bellagamba