ViaggiNews

Spiagge del Salento: le più belle e imperdibili

giovedì, 27 aprile 2017

Maldive del Salento (iStock)

Vi portiamo alla scoperta delle spiagge del Salento più belle. Quelle da non perdere per un’estate da favola al mare. Vere e proprie meraviglie che non hanno nulla da invidiare ai paradisi tropicali esotici. Spiagge bianchissime di sabbia finissima, baie con formazioni rocciose spettacolari, acque turchesi e limpidissime, con fondali sia bassi che profondi, dove tuffarsi per un bagno da sogno o per immersioni indimenticabili. Tutto questo grazie alla varietà della costa della Penisola Salentina, condivisa tra due mari, l’Adriatico e lo Ionio. Da una parte la costa alta e rocciosa, dall’altra la costa pianeggiante e sabbiosa. Entrambe meritevoli di più di una vacanza per essere visitate, esplorate e vissute.

Spiagge del Salento: le più belle dove andare

Il Salento ha un’offerta incredibile di spiagge, anche molto diverse tra loro, a seconda del tratto costiero. A est, la penisola pugliese è bagnata dal Mare Adriatico e ha una costa prevalentemente rocciosa, dove si aprono baie e spiagge, a tratti anche di sabbia. A est, sul Mar Ionio abbiamo una costa soprattutto pianeggiante, con ampi litorali sabbiosi, intervallati da baie e calette chiuse da costoni di rocce basse dominate da torri di avvistamento. In entrambi i casi si tratta di coste selvagge, dove è la natura a farla da padrone, con ampi tratti liberi, ma anche stabilimenti balneari. Accanto alle zone più libere, dominate da dune sabbiose o ripide rocce troviamo anche i servizi turistici: villaggi, campeggi, alberghi, stabilimenti balneari attrezzati, case vacanza, discoteche, bar e ristoranti.

Punta Prosciutto

Punta Prosciutto

Una delle spiagge più belle e incontaminate della costa ionica salentina è quella di Punta Prosciutto. Si trova a nord di Porto Cesareo, al cui comune appartiene, compresa tra le località di Torre Colimena e Padula Fede. La spiaggia si apre su una lunga baia pianeggiante e  ha un lungo arenile di sabbia soffice e bianca, con sfumature che vanno dall’ocra al rosa. Il fondale del mare è basso e l’acqua trasparentissima e cristallina, color turchese. Alle spalle della spiaggia salgono dune naturali secolari, ricoperte da una fittissima vegetazione mediterranea. Un vero e proprio paradiso naturale, dove sono presenti spiaggia libera e stabilimenti balneari.

Marina di Pescoluse

Spiaggia di Pescoluse

Un altro litorale stupefacente è quello di Marina di Pescoluse, sempre sulla costa ionica salentina, ma molto più a sud, vicino alla punta di Santa Maria di Leuca. La costa di Marina di Pescoluse si affaccia su una baia da favola, che non a caso prende il nome di Maldive del Salento. Qui l’acqua è trasparentissima, color turchese e azzurro, con fondali bassissimi di sabbia e roccia. La spiaggia è una lunghissima distesa di sabbia bianca, rosa e dorata. Anche qui troviamo dune naturali alle spalle della spiaggia, ricoperte di vegetazione mediterranea.

Torre dell’Orso

Torre dell’Orso (Foto di Psymark, da Wikipedia, CC BY-SA 4.0)

La splendida spiaggia di Torre dell’Orso sorge invece sulla costa salentina del Mare Adriatico. Anche qui abbiamo una spiaggia sabbiosa chiusa da una baia circondata dalla vegetazione mediterranea e protetta dalla pineta. La spiaggia è stata più volte premiata con la “Bandiera Blu d’Europa” per il mare particolarmente limpido e i servizi, ed è meta preferita dagli amanti della pesca subacquea. La spiaggia rende il nome dalla torre di avvistamento che sorge su un costone roccioso a nord e di cui sono rimasti i ruderi. È lunga quasi un chilometro ed è facilmente raggiungibile dalla strada litoranea adriatica. Torre dell’Orso alterna tratti di spiaggia libera a stabilimenti balneari ed è adiacente al centro abitato, quindi ben servita. A sud della baia si possono ammirare i faraglioni gemelli detti “le due sorelle”. Secondo la leggenda, due donne, ammaliate dalla bellezza del luogo, si gettarono in acqua rischiando di perdere la vita. Gli dei mossi a pietà e decisero di salvare loro la vita, trasformandole in roccia, così che potessero vivere in eterno nelle acque che tanto amavano. Poco più a nord di Torre dell’Orso troviamo un’altra meraviglia del mare: la Grotta della Poesia, una piscina naturale scavata nella costa rocciosa.

Baia dei Turchi

Baia dei turchi

Sempre sulla costa adriatica salentina, più a sud di Torre dell’Orso, troviamo Baia dei Turchi. Una lunga spiaggia di sabbia bianca, alle spalle della quale sorge subito la roccia calcarea interamente ricoperta di vegetazione mediterranea. Un luogo selvaggio, con mare trasparente e turchese e fondale basso. La baia prende il nome dai turchi che sbarcarono qui durante l’assedio di Otranto nel XV secolo. La spiaggia è per lo più libera e selvaggia, ma ci sono anche stabilimenti balneari.

Torre Lapillo

Torre Lapillo (Yellow.Cat, CC BY 2.0, Wikicommons)

Di nuovo sulla costa ionica salentina troviamo un’altra fantastica spiaggia sabbiosa, dal litorale lunghissimo e le acque calde, trasparenti e turchesi. Torre Lapillo sorge poco più a nord del centro abitato di Porto Cesareo e più a sud di Punta Prosciutto, su una baia a forma di mezzaluna dominata dalla omonima torre di avvistamento del XVI secolo, detta anche Torre di San Tommaso. Anche qui abbiamo un fondale marino molto basso, con acque limpidissime che vanno dal trasparente al turchese, all’azzurro e allo smeraldo. La sabbia è soffice e bianca. Sul lato nord, case, villette, hotel e B&B si affacciano direttamente sulla spiaggia, mentre nella zona sud prevalgono dune e vegetazione mediterranea.

Spiaggia Scalo di Furno

Porto Cesareo, Lido Tabù (Hydruntum, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Sempre sul litorale di Porto Cesareo, poco più a sud di Torre Lapillo si affaccia la spiaggia di Scalo di Furno, una baia sabbiosa con stabilimenti balneari, dune e vegetazione mediterranea bagnata da un mare limpidissimo, color turchese intenso. La spiaggia è una lunga lingua di sabbia soffice e bianchissima, al largo della quale sorgono scogli e isolotti, come l’isola a forma di cuore. a Nord, su una piccolissima baia adiacente si staglia la Torre Chianca.

Torre San Giovanni

Torre San Giovanni, Ugento, spiaggia (Krystal 981, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Più a sud verso Leuca e prima delle Maldive del Salento, sulla costa di Ugento, sorge la località marina di Torre San Giovanni, con litorale sia sabbioso che roccioso. Il litorale roccioso è affiancato dal lungomare, mentre più a sud si trova la spiaggia sabbiosa, con sabbia bianchissima e dune ricoperte di vegetazione mediterranea, fondale basso e acque trasparentissime e turchesi. Numerosi gli stabilimenti balneari. Torre San Giovanni è servita anche da un porticciolo turistico.

Cala dell’Acquaviva

Acquaviva di Marina di Marittima (Salento81, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Una caletta meravigliosa incastonata in una stretta insenatura rocciosa ricoperta di vegetazione mediterranea e bagnata da un’acqua limpida, color azzurro e smeraldo. Si tratta di Cala dell’Acquaviva di Marina di Marittima, sulla costa adriatica salentina. La cala si trova a sud di Castro Marina sul litorale di Marina di Marittima. Questo tratto di costa è roccioso e frastagliato, caratterizzato da grotte, insenature e piccole spiagge ricavate sulla roccia. La Cala dell’Acquaviva è affollatissima in estate, con i bagnanti che occupano ogni angolo o terrazzo roccioso. Il fondale è subito profondo. Un litorale da ammirare dalla barca.

Queste sono solo alcune delle numerose, bellissime spiagge del Salento.

VIDEO: spiagge del Salento e della Puglia

Tags:

Altri Articoli Interessanti: