Green Pass in hotel, stop ai no vax in Germania e Austria

Per poter andare in albergo è necessario avere il Green Pass. I Paesi dove è richiesto, le regole per soggiornare in hotel

regole green pass alberghi
Il Green Pass in hotel: i Paesi dove è richiesto

No Green Pass? Niente hotel! L’aggravarsi della quarta ondata – e la preoccupazione per la nuova variante Omicron – ha spinto i Governi di tutto il mondo ad un’ulteriore stretta. Così alcuni Paesi chiudono le frontiere – come il Giappone  – altri scelgono delle formule di lockdown parziale – come i Paesi Bassi – altri come l’Italia, la Germania, l’Austria, la Svizzera, la Grecia, la Francia e la Spagna – applicano il Green Pass o Super Green Pass.

Aumenta la lista di luoghi dove per per entrare è richiesto il certificato verde e quelli dove è necessario essere vaccinati o guariti dal covid. Senza Green Pass è dunque impossibile viaggiare.

Leggi anche -> Variante Omicron, i Paesi chiudono le frontiere a tutti i viaggiatori <<

Green pass per andare in hotel: le regole in Italia e all’estero

Tutti i Paesi Europei hanno aumentato le restrizioni per i no-vax, aumentando la lista di luoghi dove è necessario avere il certificato per accedere. Fra questi compare per la prima volta anche l’hotel. Finora infatti il Green Pass era richiesto solo per accedere al ristorante o al bar, ora invece in Italia e non solo è indispensabile per soggiornare.

Dal 6 dicembre in Italia per soggiornare in hotel bisognerà mostrare il Green Pass base, ovvero quello che si può ottenere non solo con il vaccino o con la guarigione dal Covid, ma anche con il tampone. Nelle regioni gialle, come il Friuli Venezia Giulia, la regola del Green Pass in hotel è già scattata.

Germania e Austria: stop ai viaggi dei no vax

green pass hotel
Le regole per il Green Pass in hotel in Germania e Austria. Berlino e l’isola dei musei

Non aver fatto il vaccino contro il covid rende impossibile andare in alcuni Paesi. Ad esempio negli Stati Uniti possono entrare solo vaccinati; in Europa con un tampone negativo ci si può muovere ovunque, ma in alcuni Paesi senza vaccino non si può far pressoché nulla.

In Germania i no vax non possono proprio andare in hotel, né nei bar, né nei ristoranti, musei, cinema e teatri e nemmeno nei negozi (ad eccezione di quelli essenziali). Dal 27 novembre gli alberghi accettano solo ospiti vaccinati o guariti dal covid. E’ la regola del 2G (geimpft oder genesen, ovvero vaccinato o guarito) applicata in tutta la Germania.

Il Green Pass 2G tedesco è richiesto a tutti gli adulti sopra i 18 anni, mentre per i minori fra i 6 e i 18 anni viene richiesto per soggiornare in hotel e per entrare in tutti i luoghi da Super Green Pass un tampone negativo. Sotto i 6 anni non viene richiesto nulla.

Stessa situazione in Austria. Intanto per entrare nel Paese non basta il tampone antigenico, ma è richiesto il molecolare (con validità di massimo 72 ore), inoltre la regola del 2G si applica quasi ovunque. Compresi i mercatini di Natale e gli impianti di risalita sulle piste da sci.

Per andare in hotel bisogna essere vaccinati o guariti dal Covid. Questa richiesta si applica a tutti gli adulti e anche ai ragazzi dai 12 anni; per i bambini dai 6 agli 11 anni basta un tampone negativo, mentre per i minori di 6 anni non è richiesto nessun certificato o test.

Regole in Francia per andare in hotel

regole hotel estero
Il quartiere di Montmartre a Parigi. Il Pass Sanitaire è richiesto quasi ovunque

Il Pass Sanitaire è stato introdotto in Francia quest’estate e limita l’accesso in determinati luoghi pubblici solo alle persone vaccinate, guarite dal Covid o che abbiano un test – pcr o antigenico – negativo.

Tra i luoghi in cui è richiesto non è menzionato specificatamente l’hotel per il solo soggiorno, ma è obbligatorio avere il green pass sia per accedere al ristorante dell’hotel, al bar, alla piscina, alla spa e anche per avere il servizio in camera. Alcuni hotel infatti richiedono il Green Pass al momento del check-in.

Le regole in Spagna per il Green Pass

In Spagna il Green Pass era stato introdotto a livello nazionale, poi è stato revocato e ora sono le singole regioni a deciderne l’utilizzo. In base dunque a dove andare vigono regole diverse, dettate anche ovviamente dall’incidenza dei casi.

Per entrare nel Paese è necessario il Green Pass e il PLF, ossia il documento da compilare online sulla propria permanenza. Poi in Catalogna il Certificato verde è richiesto nei bar e nei ristoranti, discoteche ed eventi. Non è richiesto per soggiornare in hotel. Stessa situazione a Madrid.

regole green pass spagna
La Sagrada Familia a Barcellona. Il Ggreen Pass è tornato in Spagna

Dunque il Green Pass in hotel non è obbligatorio ovunque in Europa, ma l’inasprirsi della situazione pandemica porterà ad ulteriori restrizioni soprattutto per i no-vax.

 

 

Previous articleFriuli Venezia Giulia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no
Next articleLe luminarie di Natale 2021 a Savona: un cuore illuminato per una festa d’amore
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.