Home Idee di viaggio Spiagge della Sicilia: le 10 più belle per le vacanze estive

Spiagge della Sicilia: le 10 più belle per le vacanze estive

ULTIMO AGGIORNAMENTO 20:03
CONDIVIDI
spiagge della sicilia belle
Spiaggia del Bue Marino, Macari (iStock)

Spiagge della Sicilia: le 10 più belle per le vacanze estive. Dove andare al mare.

Estate è sinonimo di mare e quando si parla di mare non si può fare a meno di citare le meravigliose coste del sud Italia, con la loro stupefacente varietà e straordinaria bellezza paesaggistica. Dalle distese di sabbia fine e impalpabile alle calette rocciose e impervie, non c’è Regione del Sud che non abbia delle meraviglie marine, conosciute o nascoste.

Dopo avervi mostrato le 10 spiagge più belle della Sardegna per le vacanze, andiamo in Sicilia per segnalarvi quelle che non dovete perdervi per nulla al mondo questa estate.

Leggi anche –> Bandiere Blu 2019: le spiagge premiate in Sicilia e Sardegna

Spiagge della Sicilia: le 10 più belle per l’estate

Vacanze estive in pieno svolgimento, ma c’è chi ancora è incerto su dove andare e ha bisogno di qualche consiglio dell’ultima ora. O semplicemente chi è curioso e vuole conoscere meglio le bellezze e i tesori delle coste italiane e cerca la spiaggia per la gita di un giorno o anche soltanto conoscere quali sono le spiagge spettacolari, magari per una vacanza a fine estate o l’anno prossimo.

La Sicilia è una delle mete da sogno per una vacanza al mare su grandi spiagge sabbiose o baie coperte, circondate da uno scenario mediterraneo mozzafiato. Ecco le 10 spiagge della Sicilia più belle e imperdibili per l’estate 2019. Da segnare in agenda.

Spiaggia del Bue Marino, Golfo di Macari

Spiaggia del Bue Marino (iStock)

La spettacolare spiaggia del Bue Marino si affaccia sul Golfo di Macari, nella Sicilia Occidentale, vicino a San Vito Lo Capo. È una spiaggia selvaggia, di ciottoli bianchi, circondati da un territorio brullo di terra bruciata, arbusti e rocce, bagnata da un mare dai colori eccezionali: turchese, azzurro, indaco e blu. La spiaggia vera e propria è un fazzoletto bianco lungo la costa frastagliata del golfo, protetto dalle rocce, con fondale basso a riva, che degrada dolcemente, e vista panoramica sul Monte Cofano, a sud. Si arriva qui percorrendo una strada sterrata tra la macchia mediterranea. Un vero spettacolo della natura, dove la sera si ammira un tramonto mozzafiato sul mare.

Tonnara di Scopello, Riserva Naturale dello Zingaro

Tonnara di Scopello (Marco Salvatori, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

Non lontano dalla spiaggia del Bue Marino, dalla parte opposta della penisola di San Vito Lo Capo, poco più a sud sul Golfo di Castellammare si affaccia sempre in una baia di tanti colori, circondata dalle rocce, la stupefacente spiaggia della Tonnara di Scopello. Siamo all’interno della Riserva Naturale dello Zingaro, una zona di grande pregio naturalistico e dalla bellezza paesaggistica strabiliante. La spiaggia si trova su una baia protetta sulla quale si affacciano dal mare suggestivi faraglioni e prende il nome dall’antica tonnara originaria del 1.300 e oggi dismessa. Ombrelloni e lettini sono sulla terrazza che sporge dagli edifici, mentre si scende in acqua dal vecchio scivolo in cemento dove venivano trattati i tonni. L’acqua del mare ha colori che vanno dal turchese, allo smeraldo e al blu intenso, con fondale subito profondo. La località di Scopello è una frazione del comune di Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani.

Spiaggia dei Conigli, Lampedusa

Spiaggia dei Conigli (Wikicommons, pubblico dominio)

Un luogo paradisiaco che tutto il mondo ci invidia e che puntualmente rientra nelle classifiche internazionali delle spiagge più belle è la meravigliosa spiaggia dell’isola dei Conigli a Lampedusa. Pur essendo lontana dall’isola principale di Sicilia, situata nel cuore del Mediterraneo, Lampedusa è una piccola isola dal paesaggio straordinario che racchiude il carattere siciliano dei suoi abitanti e lo spirito della frontiera. La spiaggia dei Conigli è una distesa di sabbia bianchissima che si allunga sotto la costa rocciosa meridionale dell’isola, davanti alla quale, a pochi metri dalla riva, sorge la caratteristica isola dei Conigili, da cui prende il nome. Si tratta di un isolotto roccioso raggiungibile anche a piedi, attraversando il fondale basso dalle acque trasparenti e turchesi. Qui, ogni anno, vengono a deporre le uova le tartarughe Caretta Caretta.

Spiaggia di Calamosche, Oasi di Vendicari

Spiaggia di Calamosche, Oasi di Vendicari, Noto (iStock)

Spostandoci sulla costa orientale della Sicilia, una spiaggia bellissima è quella di Calamosche, una baia compresa nell’Oasi Faunistica di Vendicari. Si tratta di un’altra zona di straordinaria bellezza paesaggistica, dal territorio selvaggio, con una ricca biodiversità di flora e fauna. L’area è compresa nel comune di Noto, a ridosso alla punta estrema meridionale della Sicilia e nelle vicinanze dei capolavori del barocco, riconosciuti Patrimonio Unesco. La spiaggia di Calamosche è sabbiosa, circondata da dune e stretta tra due promontori rocciosi. Il fondale marino è basso e dolcemente degradante, mentre l’acqua è turchese e trasparente. Calamosche è stata eletta in più occasioni spiaggia più bella d’Italia. Nelle vicinanze sorge un0antica torre di avvistamento del 1.400, baluardo contro le invasioni dei saraceni. Tutto intorno una ricca vegetazione di arbusti, cespugli, piccoli alberi e fiori profumati.

Spiaggia di Isola delle Correnti, Portopalo di Capo Passero

Spiaggia di Isola delle Correnti, Portopalo di Capo Passero (iStock)

All’estremità della punta meridionale della Sicilia, una spiaggia da non perdere per nulla al mondo è la Spiaggia di Isola delle Correnti, affacciata sull’omonima isola nei pressi di Portopalo di Capo Passero. Se si escludono le isole di Lampedusa, Linosa e Pantelleria, siamo nel punto più meridionale della Sicilia, più a Sud c’è Malta. La spiaggia è formata da sabbia dorata con dune ed è bagnata da un mare trasparente, turchese e azzurro, con basso fondale a riva che degrada verso il largo. L’Isola delle Correnti è raggiungibile a piedi, con la bassa marea, attraversando il breve tratto di mare che la separa dal promontorio dove sorge la statua del Cristo Redentore.

Spiaggia di San Vito Lo Capo

Spiaggia di San Vito Lo Capo (iStock)

Dopo aver citato due spiagge bellissime nelle sue vicinanze, non potevamo non citare la meravigliosa e incredibile spiaggia di San Vito Lo Capo, che per la sua sabbia soffice e bianchissima il mare trasparente color turchese e smeraldo e le rocce dalla forma singolare ricorda certe immagini da cartolina della Thailandia o di Bora Bora. La grande spiaggia di San Vito si apre davanti al centro abitato, spaziosa e comoda da raggiungere, ombreggiata dalle palme. Sul lato orientale domina imponente montagna che segna l’estremità del promontorio. La spiaggia è ombreggiata dalla palme e servita da stabilimenti balneari e strutture ricettive, con ampi tratti liberi.

Spiaggia di Canneto, Lipari, Isole Eolie

spiagge-bandiere-blu-sicilia-2018
Canneto – Lipari (Stock)

Alle Isole Eolie e a Lipari, in particolare, troviamo tante spiagge bellissime, qui in particolare vogliamo segnalarvi la singolare spiaggia di Canneto. Situata lungo la costa orientale dell’isola, Canneto è una lunga spiaggia scura di sabbia e ciottoli, bagnata da un mare trasparente color blu intenso, dal fondale subito profondo. Sulla spiaggia si affaccia una fila di palme le facciate delle tipiche case dell’isola, bianche e colorate, in un panorama molto suggestivo. Sulla spiaggia sono presenti diversi stabilimenti balneari.

Scala dei Turchi, Realmonte

Scala dei Turchi (Vegafi, Wikipedia, Pubblico dominio)

Lungo la costa sud-occidentale della Sicilia, in provincia di Agrigento, una spiaggia da non perdere assolutamente è Scala dei Turchi, a Realmonte, che prende il nome dalla bianchissima scogliera a scalinata che caratterizza la baia.  Qui si ammira un suggestivo contrasto cromatico creato dalla spiaggia dalla sabbia scura, il bianco della scogliera e i colori del mare che vanno dall’azzurro al blu e allo smeraldo a seconda delle ore della giornata e della luce. Un luogo di straordinaria bellezza, ma estremamente fragile, perché la scogliera tende a sgretolarsi ed è minacciata dal turismo di massa, tanto che le autorità locali hanno vietato di salirvi. Un divieto in realtà poco osservato. La conformazione a scalinata della scogliera è dovuta all’effetto dell’erosione di vento e acqua, mentre il riferimento ai turchi è dovuto alle frequenti incursioni in passato dei pirati arabi, chiamati generalmente turchi. A 200 metri dalla riva si trovano due scogli, “u zitu” e “a zita”, che ricordano la storia di due giovani innamorati del posto.

Cala Junco, Panarea, Eolie

Panarea, Cala Junco (iStock)

Vi portiamo su un’altra isola delle Eolie, Panarea, piccolo gioiello dell’arcipelago, meta del turismo vip. Pur essendo molto piccola e rocciosa, Panarea offre diverse spiagge, graziose, raccolte e accoglienti. Su tutte, la più bella è considerata di Cala Junco, un fazzoletto di ciottoli bianchi, chiuso dalle rocce disposte ad anfiteatro e bagnato da un mare blu e smeraldo. La spiaggetta sorge sull’estremità meridionale dell’isola, accanto al villaggio preistorico di Punta Milazzese. Per arrivare a Cala Junco si deve percorrere un sentiero tra le rocce e gli arbusti mediterranei che parte da Cala Zimmari. Il sentiero richiede una camminata di circa mezz’ora, ma una volta raggiunta la caletta si apre uno scenario meraviglioso.

Cala Rossa, Favignana

spiagge più belle italia
Favignana, Cala Rossa, Isole Egadi (iStock)

Chiudiamo questa rassegna di spiagge siciliane bellissime con un’altra isola, ma questa volta alle Egadi, al largo della costa occidentale della Sicilia. Qui, l’isola principale dell’arcipelago è Favignana, famosa per la sua storica tonnara e le incantevoli spiagge, tra cui spicca la suggestiva Cala Rossa. La spiaggia è piccola, ma circondata da un paesaggio superbo di rocce alte, scavate dall’erosione, faraglioni a pinnacoli, grotte di tufo e un mare limpidissimo color turchese. L’arenile è poco più di una terrazza di sabbia, sassi e rocce, ma la bellezza del posto merita un po’ di scomodità. Il nome Cala Rossa risale alla storia antica, qui infatti fu combattuta una delle battaglie della Prima guerra punica e il nome viene dal sangue che fu riversato nella baia dopo la battaglia. Cala Rossa è considerata una delle spiagge più belle del Mediterraneo.

Altre informazioni turistiche sulla Sicilia: