ViaggiNews

Guida di Mykonos: alla scoperta dell’isola greca del divertimento

venerdì, 9 giugno 2017

guida di mykonos

Guida di Mykonos. Little Venice, Grecia (iStock)

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle bellissime isole della Grecia. Dopo la guida generale del Paese, quella dell’arcipelago delle Isole Cicladi e quella di Santorini, è arrivato il momento di proporvi la guida di Mykonos. L’isola è una popolare meta turistica e ha la fama di luogo di divertimento e trasgressione.

Mykonos (anche Micono in italiano) si trova nella parte orientale dell’arcipelago delle Cicladi, vicina alle isole di Tinos, Syros, Naxos e Paxos, al centro del Mar Egeo e non lontano dall’isola di Ikaria. Ha una superficie di 86 km², il suo territorio è prevalentemente montuoso, formato da rocce di granito, e il punto più alto è a 341 metri sul livello del mare. Al largo della sua costa occidentale sorgono le isole di Delos e Rineia che appartengono alla stessa municipalità di Mykonos. Altri isolotti disabitati circondano l’isola.

Mykonos fu abitata fin dal neolitico e seguì le sorti delle altre isole del Mar Egeo, con diverse occupazioni da parte dei fenici, dei cretesi, degli ioni e dei romani, dotto i quali Mykonos conobbe un periodo di prosperità. Finì quindi sotto l’Impero bizantino e sotto il dominio dei veneziani, fino all’occupazione ottomana. Ottenuta l’indipendenza dai turchi, tuttavia, le isole delle Cicladi vennero abbandonate a causa dell’estrema povertà. Solo intorno alla metà del XX secolo, grazie al turismo, Mykonos e le altre isole sono tornate a ripopolarsi. Oggi l’isola è una meta cosmopolita, che attrae visitatori da tutto il mondo. Scoperta dagli hippies negli anni ’70 a lungo è stata considerata il paradiso della comunità LGBT per i suoi costumi tolleranti. Oggi è conosciuta come la capitale estiva della tolleranza in genere ed è una meta di vacanza mondana e volta al divertimento sul genere di località come Ibiza e Rimini.

Il nome Mykonos viene dalla mitologia greca, da Mykons, figlio del re di Delos, Anios, a sua volta nato dall’unione del dio Apollo con la ninfa Rhoio. Sull’isola avvenne la battaglia tra Zeus e i Titani.

Mykonos, Mulini a vento (Zigomitros Athanasios, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

Guida di Mykonos: dove andare e cosa vedere

La città capoluogo si chiama Mykonos, ma è conosciuta anche con il nome di Chora (per distinguerla dall’isola). Si trova sulla costa occidentale ed è abitata dalla maggior parte dei residenti dell’isola, poco meno di 10mila persone. Gli altri centri abitati, situati per lo più sulla costa sono: Agios Ioannis, Agios Stefanos, Ano Mera (nell’entroterra), Kalafati, Ornos, Platys Gialos, famosa località balneare, Psarrou, Tourlos.

L’isola di Mykonos offre scorci incantevoli, con splendide vedute sul mare dalla costa e dalle alture circostanti. La sua costa è molto frastagliata, dove tra promontori e baie si aprono splendide spiagge prevalentemente sabbiose.

La prima cosa da vedere è sicuramente la splendida città di Chora (o Mykonos), il centro principale dell’isola, dove sorgono le tipiche casette bianche con finestre e porte azzurre, attraversate da stradine e piazzette lastricate. Dai balconi e dalle finestre si affacciano fiori colorati, che contribuiscono a creare uno scenario romantico e pittoresco. Ai bordi delle strade troviamo le sedie in legno, bianche e azzurre, delle taverne e dei ristoranti che danno un aspetto ancora più caratteristico al luogo.

Da vedere a Chora la Piccola Venezia, Little Venice (Alefkandra). Si tratta di un quartiere di case bianche con balconi in legno affacciate direttamente sull’acqua in una baia a forma di mezza luna. Le case e la baia formano uno scenario molto caratteristico e romantico, un luogo perfetto per ammirare il tramonto. Oggi gli edifici ospitano bar, ristoranti e locali alla moda. Un luogo molto affollato all’ora dell’aperitivo.

Vicino alla Piccola Venezia, poco più a sud sulla stessa baia, si trovano i celebri mulini a vento di Mykonos, svettano sul mare dalla collina di un piccolo promontorio.Da qui si ammira una vista stupenda sulla Piccola Venezia e sul mare e ovviamente è un altro luogo fantastico per guardare il tramonto. I mulini risalgono al XVI secolo e sono da sempre uno dei simboli di Mykonos, raffigurati in moltissime cartoline.

Case a Mykonos (iStock)

Mykonos ospita circa 400 chiese, la più importante è Panagia Paraportiani, la chiesa ortodossa più famosa dell’isola, situata lungo la costa di Chora, al termine della Piccola Venezia, nei pressi del porto vecchio. Si tratta di un vero e proprio gioiello architettonico risalente al 1425 e completato nel XVII secolo, la cui particolarità sta nell’essere formato da più cappelle, di cui quattro al pian terreno e una al piano superiore. Il caratteristico complesso religioso è interamente dipinto di bianco, si affaccia sul mare, regalando una vista magnifica.

Sull’isola si trovano anche diversi musei. Il più importante è il Museo archeologico, aperto tutto l’anno. Gli altri musei aperti durante la stagione turistica, da aprile a ottobre, sono il Museo marittimo dell’Egeo, il Museo dell’agricoltura, quello del Folklore e il Mulino Bolis.

Infine, il punto forte dell’isola: le sue fantastiche spiagge. Se ne trovano davvero moltissime, per tutti i gusti, da quelle più modaiole e vivaci, con feste, musica e balli sulla sabbia, a quelle più appartate, per il relax o il naturismo, fino alle spiagge per gli sportivi. Le spiagge più belle e popolari sono quelle della costa meridionale, dove si aprono splendide baie di sabbia dorata riparate dal vento. Tra le più famose ricordiamo: Paradise Beach e Super Paradise Beach, spiagge con bar e locali per il divertimento fino all’alba, Paraga, famosa spiaggia di hippies oggi molto frequentata dagli italiani, Kalafatis e Platis Gialos.

Super Paradise Beach, Mykonos (iStock)

Guida di Mykonos: cosa fare

Tra le attività da fare a Mykonos prevalgono ovviamente quelle balneari e quelle legate al divertimento. Bagni di sole e mare, immersioni, surf, escursioni in barca sono le classiche attività turistiche dell’isola, accompagnate da mega feste in spiaggia, tra musica, balli e trasgressione. Non c’è bisogno di lasciare la spiaggia per trovare il divertimento, a Mykonos si festeggia 24 su 24. Nella città di Chora, poi, potete andare nei locali tradizionali e alla moda: cene romantiche nei ristoranti e nelle taverne tipiche, serate nei club più alla moda, nei bar e nelle discoteche. Imperdibile l’aperitivo all’ora del tramonto alla Piccola Venezia. Vi ricordiamo le nostre guide ai migliori bar ristoranti dell’isola, per consumare pasti come la colazione o uno spuntino, e ai bar per l’aperitivo e la serata.

Da visitare, poi, la vicina isola di Delos, con il suo spettacolare parco archeologico Patrimonio dell’Umanità Unesco. Uno dei siti archeologici più importanti di tutta la Grecia

Guida di Mykonos: informazioni pratiche

Quando andare

Il periodo ideale per visitare l’isola di Mykonos è ovviamente la bella stagione, che qui va dalla primavera all’autunno. Nei mesi centrali dell’estate Mykonos è molto affollata e per evitare il caos è preferibile venire qui a giugno a settembre. Di massima la stagione turistica va da aprile a ottobre. Nei mesi invernali la maggior parte delle strutture ricettive e turistiche sono chiuse, così come i collegamenti sono ridotti.

Nonostante le temperature elevate, che in estate possono arrivare anche fino a 40° con il sole molto forte, il clima a Mykonos è asciutto e mai afoso, grazie al vento Meltemi che soffia sull’isola, come sulle altre Cicladi.

Come arrivare e muoversi

In aereo. Mykonos è ben collegata alle principali città europee grazie all’aeroporto internazionale che dista a soli 3 km dalla città di Chora. Qui atterrano i voli di numerose compagnie aeree, anche low cost.

In nave. Mykonos è raggiungibile con i traghetti che partono dal porto del Pireo, e impiegano circa 6-7 ore di viaggio, e dai più veloci aliscafi, che impiegano circa 3 ore. Gli altri porti di partenza sono Rafina e Lavrio.

Sull’isola di Mykonos ci si sposta in scooter o un auto, che si possono noleggiare presso diverse agenzie. Le spiagge principali dell’isola sono collegate da un servizio di autobus.

VIDEO: Guida di Mykonos

Tags:

Altri Articoli Interessanti: