ViaggiNews

Spiagge delle Eolie: le più belle dell’arcipelago

lunedì, 8 maggio 2017

Spiagge delle Eolie. Costa di Stromboli (iStock)

Se questa estate non sapete ancora dove andare in vacanza, sappiate che in Italia ci sono tantissime bellezze naturali da scoprire e alcune spiagge talmente belle da farvi pensare di essere ai Caraibi!

Dopo la nostra guida alle Isole Eolie e una rassegna dettagliata delle spiagge isola per isola, vogliamo proporvi l’elenco le spiagge più belle e imperdibili dell’intero arcipelago. Le Eolie sono caratterizzate da spiagge bellissime e particolari, inconfondibili. Qui selezioniamo quelle che non potete perdervi in una visita al magnifico arcipelago vulcanico se decidete di fare un’escursione in barca, oppure andare al mare per prendere il sole e fare il bagno. Queste sono le spiagge da vedere assolutamente.

Spiagge delle Eolie le più belle dove andare

Le spiagge bellissime delle Eolie da vedere assolutamente. Ecco dove dovete andare.

Spiaggia dell’Asino

Spiaggia dell’Asino, Vulcano, Eolie (TripAdvisor)

La spiaggia dell’Asino si trova sull’isola di Vulcano ed è una baia suggestiva di sabbia nerissima con la montagna alle spalle da dove spuntano ginestre e fichi d’india. Un luogo selvaggio ed elegante al tempo stesso, grazie agli stabilimenti balneari e alle strutture che fanno di questo luogo un ritrovo mondano, con tanto di pista da ballo. La spiaggia dell’Asino si raggiunge via terra scendendo un ripido sentiero che esce dalla provinciale 178 prima di raggiungere la spiaggia di Gelso.

Cala Junco

Panarea, Cala Junco (iStock)

Sull’isola di Panarea sorge una delle spiagge più belle di tutte le Eolie, Cala Junco, situata sulla costa sud-occidentale dell’isola, vicino al villaggio preistorico di Capo Milazzese. La spiaggia si apre su una baia ad anfiteatro circondata da rocce e affacciata su un mare azzurro intenso, con sfumature turchesi e smeraldo, dove spuntano scogli e faraglioni, disegnando una scenografia incredibilmente suggestiva. Cala Junco ha un arenile sassoso. In estate è molto affollata, questo però non le toglie il fascino di spiaggia più bella di Panarea e tra le più belle delle Eolie. Cala Junco si raggiunge a piedi in una mezz’ora circa dal centro abitato di San Pietro, passando per Drauto. Vi si accede attraverso un antico sentiero che percorre il costone roccioso a picco sul mare. All’epoca del villaggio preistorico era probabilmente usata come darsena. Un angolo di paradiso da non perdere.

Praia di Vinci

Spiaggia Praia di Vinci, Lipari, Eolie (Ghost-in-the-Shell, CC BY 2.0, Wikicommons)

Sull’isola di Lipari, la principale delle Eolie, si affaccia sulla costa sud-occidentale, all’altezza di Punta della Crepazza, la suggestiva spiaggia di Praia di Vinci, una striscia di sabbia e ciottoli, raggiungibile solo via mare, chiusa da un costone di roccia rossiccio alle spalle. Un luogo bellissimo e selvaggio, bagnato da un mare trasparentissimo dall’acqua color smeraldo.

Spiaggia dell’Acquacalda

Lipari, Acquacalda, con vista su Salina (iStock)

Sempre a Lipari, sulla costa settentrionale, si trova la lunga spiaggia di Acquacalda, con vista sull’isola di Salina.Il panorama è spettacolare, la spiaggia è di sassi e ciottoli scuri ed è servita da stabilimenti balneari e strutture ricettive. La parte più orientale, dove si affacciano dalla montagna le cave di ossidiana e pomice, prende il nome di spiaggia Papesca.

Baia di Pollara

Baia di Pollara, Salina, Eolie (fab., CC BY 2.0, Wikicommons)

Sull’isola di Salina, la spiaggia più famosa e imperdibile è quella di Pollara. Si affaccia sulla costa nord-occidentale dell’isola, a ridosso del promontorio roccioso di Punta Perciato. Qui sotto una ripida scogliera ad anfiteatro si apre una piccola baia rocciosa con scalini e discese al mare, usati come approdo per piccole barche di pescatori. La spiaggia è impervia ma di una bellezza stupefacente, una delle più belle delle Eolie. Oltre ai gradini in pietra, la baia è composta di ghiaia e sassi scuri, con un’acqua limpidissima, di colore blu e smeraldo. Sul fondale sono visibili i resti del cratere di un antichissimo vulcano sommerso, segnato anche dagli scogli e faraglioni in mare. Fare il bagno qui è come farlo nella bocca del vulcano. Dalla baia di Pollara si ammira uno dei tramonti più belli del mondo. La spiaggia si raggiunge percorrendo un sentiero ripido con scalinata che passa davanti alla casa dove furono girate alcune scene del film Il Postino, con Massimo Troisi. Il sentiero è stato intitolato all’attore.

Capo Graziano

Filicudi, spiaggia di Capo Graziano (iStock)

La spiaggia di Capo Graziano è la più famosa e bella di Filicudi. Si trova nella parte sud-orientale dell’isola e ha la forma di mezzaluna, situata sulla baia formata dalla penisola e dal promontorio di Capo Graziano. La spiaggia è formata da ciottoli chiari levigati ed è bagnata da uno stupendo mare cristallino, subito profondo, con i colori di tutte le gradazioni dell’azzurro. Alle spalle della spiaggia su Monte Graziano si trovano i resti di un antichissimo villaggio risalente all’Età del Bronzo. La spiaggia prosegue per un lungo tratto fino al porto di Filicudi.

Spiaggia di Scari

Stromboli, spiaggia di Scari (iStock)

Sulla suggestiva isola di Stromboli sorge sulla costa nord-orientale la grande spiaggia di Scari. Una lunga spiaggia nera, formata da ciottoli lavici e con una vista panoramica sullo scoglio di Strombolicchio. La spiaggia si trova davanti al centro abitato di San Vincenzo ed è sperata in due parti dal molo impiegato per l’approdo dei traghetti. La grande spiaggia viene usata anche per il ricovero delle barche. L’arenile nero di Scari è bagnato da un’acqua limpida e cristallina, in un gioco di contrasti, tra spiaggia e mare davvero suggestivo.

Alicudi Porto

Alicudi Porto, Eolie (Benjamín Núñez González, CC BY-SA 4.0, Wikicommons)

L’isola di Alicudi, impervia e poco accessibile, offre pochi tratti di spiaggia. Tra questi, va ricordata la spiaggia di Alicudi Porto, adiacente allo scalo dell’isola, sotto il centro abitato principale, e facilmente accesssibile. Parte della spiaggia è destinata al ricovero delle barche dei pescatori, il resto si estende verso sud, affiancato da una stradina in cemento che fa da lungomare. Il grigio nero dei ciottoli che formano l’arenile contrasta con il blu profondo del mare, l’azzurro del cielo, i colori delle barche e il bianco delle case eoliane. Uno scenario imperdibile.

Spiaggia di Rinella

Porto e spiaggia di Rinella, Salina, Eolie (Ji-Elle, CC BY-SA 3.0, Wikicommons)

L’Isola di Salina offre un’altra spiaggia incantevole, quella di Rinella, dal nome della frazione del comune di Leni. Si tratta di una suggestiva baia a forma di mezzaluna, con sabbia e rocce scurissime, affacciata su un mare color smeraldo. La baia è chiusa da un costone roccioso ricoperto di vegetazione, dove sono scavate alcune grotte che venivano usate come ricovero per le barche dei pescatori. Il fondale marino è basso e offre uno spettacolo eccezionale agli amanti delle immersioni. In acqua si possono osservare gli “sconcassi“, fenomeni vulcanici che consistono nella fuoriuscita di gas e vapori dal fondale.

Spiaggia delle Fumarole

Spiaggia delle Fumarole, Vulcano (fab. CC BY 2.0, Wikicommons)

Infine, sempre sull’isola di Vulcano troviamo un’altra spiaggia molto bella e particolare, la spiaggia delle Fumarole, nei pressi dl Porto di Levante e dei Fanghi di Vulcano, la piscina naturale termale all’aperto sempre molto frequentata. Qui ci si immerge per i trattamenti termali e la cura della pelle. Benefici vengono anche dalle acque sulfuree in mare aperto, come quelle della spiaggia delle Fumarole, appunto. La spiaggia è formata da sabbia e sassolini, con scogli affioranti dalle acque limpide e azzurre del mare.

Video: spiagge delle Eolie

Tags:

Altri Articoli Interessanti: