A Melbourne termina il lockdown da record: il più lungo del mondo

A Melbourne termina il lockdown da record: il più lungo del mondo. Cosa bisogna sapere.

melbourne lockdown record
A Melbourne termina il lockdown da record: il più lungo del mondo (Adobe Stock)

Un lockdown da record, lungo 262 giorni. È quello che è appena terminato nella città australiana di Melbourne. Nessun’altra città nel mondo è stata chiusa così a lungo.

Ora, grazie alla recessione della pandemia di Covid e al notevole avanzamento di una campagna vaccinale che in Australia era iniziata a rilento, più indietro di quella di Europa e America, la città può riaprire. Ecco cosa succede adesso.

Leggi anche –> Gli Stati Uniti riaprono ai viaggiatori vaccinati: ecco quando

A Melbourne termina il lockdown da record: il più lungo del mondo

A Melbourne il lockdown era in vigore da quasi 9 mesi. Per ben 262 giorni la città è rimasta chiusa per prevenire la diffusione dei contagi di Coronavirus. Una strategia di contenimento dell’epidemia che è stata tra le più rigide al mondo, insieme a quella della Nuova Zelanda. I due Paesi, infatti, hanno deciso di perseguire l’obiettivo “zero Covid”, ovvero azzeramento dei contagi.

Un obiettivo che, tuttavia, i due Paesi hanno da poco abbandonato perché impossibile da raggiungere a causa della più contagiosa variante Delta del virus. Così, Australia e Nuova Zelanda più che puntare sulle chiusure hanno deciso di dare un nuovo impulso alla campagna vaccinale, iniziata molto a rilento. Nel giro di poche settimane le vaccinazioni sono salite in modo repentino e anche la curva dei contagi è tornata a scendere. Questo a ha permesso di allentare le restrizioni.

A inizio ottobre è stato dato l’annuncio della riapertura delle frontiere a novembre, per permettere agli australiani di viaggiare e agli stranieri residenti in Australia di tornare nel loro Paese di origine. I viaggi all’estero erano fermi da marzo 2020. Il Paese, invece, riaprirà ai turisti internazionali nel 2022.

Fine lockdown

Sydney proroga ancora il lockdown: continuano le chiusure (Westfield Shopping Centre di Sydneu, desolato. Foto di Lisa Maree Williams/Getty Images)

In questo anno e mezzo di pandemia, l’Australia ha avuto numerosi lockdwon, con un alternarsi continuo di chiusure, aperture e di nuovo chiusure a seconda dell’andamento della curva dei contagi.

La scorsa estate, la città di Sydney era tornata in lockdown, con chiusura di tutti i negozi non essenziali e divieto per la popolazione di allontanarsi dal proprio quartiere. Era la fine di giugno e il provvedimento di chiusura è stato prorogato di mese in mese e anche inasprito. Solo pochi giorni fa, l’11 ottobre la città di Sydney ha riaperto, dopo 107 giorni e 4 mesi di lockdown. Il confinamento è stato rimosso una volta che nello stato di Sydney, il New South Wales, è il 70% della popolazione sopra i 16 anni è stata completamente vaccinata.

Se 107 giorni di lockdown sembra un tempo infinito, quello di Merlborne con i suoi 262 giorni e quasi 9 mesi di chiusura è stato di gran lunga superiore. Il lockdown più lungo del mondo. Va precisato, ttuttavia, che non si tratta, però, di 262 giorni consecutivi, ma del periodo complessivo di sei lockdown da marzo 2020. L’ultimo era iniziato lo scorso agosto.

Il secondo lockdown più lungo del mondo è stato quello di Buenos Aires, in Argentina, con 234 giorni di chiusura.

Da venerdì 22 ottobre riapriranno tutte le attività che erano state chiuse. Caffè, pub e ristoranti saranno accessibili alle persone completamente vaccinate. La capienza nei locali sarà ancora limitata e sarà obbligatorio indossare la mascherina al chiuso. La riapertura dei locali al pubblico è comunque un grande risultato. Anche nello Stato di Melbourne, quello di Victoria, il lockdown è stato eliminato con la vaccinazione completa del 70% della popolazione.

La città di Melbourne è stata inserita nella top 10 delle città più sicure al mondo, secondo il Safe Cities Index 2021 (SCI) dell’Economist.

Leggi anche –> Olimpiadi 2032 assegnate all’Australia: saranno a Brisbane

Melbourne (Di Diliff, CC BY 2.5, Wikicommons)