Foliage in Umbria: i luoghi più belli da visitare

Foliage in Umbria: i luoghi più belli da visitare per ammirare i colori d’autunno.

foliage umbria
Montefalco, Umbria (Adobe Stock)

In questi tempi di incertezza per il Covid-19, di chiusura di locali, limitazioni agli spostamenti e il pericolo di assembramenti, una delle poche cose che ci rimangono è la natura. Una passeggiata in mezzo a un bosco o tra i filari dei vigneti ad ammirare i bellissimi colori dell’autunno è l’idea di viaggio di questo momento.

Un viaggio limitato ai confini della propria regione perché sebbene non siano formalmente vietati gli spostamenti tra le regioni, il DPCM del 24 ottobreraccomanda fortemente di non spostarsi, con mezzi di trasporto pubblici o privati, salvo che per esigenze lavorative, di studio, per motivi di salute, per situazioni di necessità, per svolgere attività o usufruire di servizi non sospesial di fuori della propria regione di residenza. Inizialmente questa limitazione era stata introdotta per i comuni, poi è stata rivista nella versione definitiva del DPCM.

Possiamo dunque fare passeggiate nella aree naturali della nostra regione, anche uscendo dal comune di residenza. Un toccasana in un momento difficile e di tensione come questo. Continuiamo così la nostra rassegna sul foliage e sui luoghi più belli per ammirarlo nelle varie regioni italiane. Vi proponiamo i luoghi più belli dell’Umbria per ammirare le foglie che cambiano colore in autunno.

Leggi anche –> Strade del vino: i migliori itinerari del gusto in Italia

Foliage in Umbria: i luoghi più belli dove andare

Le nostre attività in questo momento sono limitate, ma possiamo sempre rifugiarci nella natura. Il territorio italiano offre un paesaggio naturale ricchissimo, dove ritemprarsi dallo stress e dalle fatiche della vita quotidiana. Luoghi di straordinaria bellezza e con un antico patrimonio di tradizioni culturali. La campagna e la montagna sono le vie di fuga ideali in questo periodo difficile, segnato dalla pandemia. Qui possiamo tornare a ritmi più rilassanti  e trovare una dimensione più autentica.

Nei bellissimi boschi della nostra macchia mediterranea e delle Alpi è antica abitudine andare a passeggiare in autunno in cerca di funghi e castagne e allo stesso tempo osservare la magia della natura che cambia. Gli anglosassoni lo chiamano foliage, ma il fenomeno del cambiamento di colore delle foglie in autunno è conosciuto da sempre anche da noi ed è abitudine visitare i luoghi della natura per ammirarlo.

Dal giallo all’oro, dall’ocra al rosso e al marrone, i colori dell’autunno scaldano il cuore e aiutano a riconciliarci con noi stessi e con il mondo che ci circonda. In Italia abbiamo una vastissima offerta di luoghi dove ammirare questo spettacolo, qui vi portiamo alla scoperta di quelli dell’Umbria.

Montefalco

Montefalco, i vigneti del Sagrantino (Adobe Stock)

Non un bosco, questa volta, ma sinuose colline ricoperte da vigneti con foglie color oro e rosso. Siamo sulle colline di Montefalco, borgo umbro della provincia di Perugia dove si produce l’ottimo vino rosso Sagrantino. Montefalco fa parte del club dei Borghi più belli d’Italia e venire qui è l’occasione sia per visitare un delizioso centro storico, ricco di capolavori dell’arte, che per gustare l’ottima engastronomia locale e allo stesso tempo ammirare l’incantevole paesaggio umbro. Le dolci colline, gli uliveti, i cipressi, gli arbusti della macchia mediterranea e i filari di vite che scendono dalle colline sono una vista che rinfranca lo spirito. La tavolozza dei colori naturali, dal verde scuro dei sempreverde ai colori giallo, ocra, oro, rosso e marrone arricchisce questa straordinaria visione.

Leggi anche –> Boschi dove raccogliere le castagne in Italia: i più belli

Fonti del Clitunno

umbria
Fonti del Clitunno in autunno (Adobe Stock)

Lungo il percorso della Via Flaminia, l’antica strada romana che da Rimini arriva a Roma, prima di arrivare a Spoleto, troviamo un luogo di eccezionale bellezza paesaggistica. le Fonti del Clitunno. Una vera e propria meraviglia, dove la natura e la mano sapiente dell’uomo hanno saputo creare un luogo di rara armonia. Le Fonti del Clitunno sono un posto da visitare tutto l’anno, ma in autunno i colori caldi arricchiscono la bellezza del luogo, offrendo una varietà cromatica sorprendente. Il verde, il giallo, l’arancio e il rosso si specchiano nelle acque dove nasce il fiume Clitunno.

Questo luogo era molto amato dagli antichi romani che consideravano queste sorgenti sacre, luoghi di culto dedicati a Giove Clitunno. Lungo le rive del fiume sorgevano templi e ville fastose, perduti nei secoli anche a causa dei terremoti. Poco più  nord sorge il Tempietto del Clitunno, probabilmente dove una volta sorgeva un luogo di culto romano. Tempietto, tuttavia, è una chiesa del IV-V secolo d.C. a forma di piccolo tempio corinzio e fa parte del Patrimonio Unesco dei luoghi dei Longobardi in Italia.

Le Fonti del Clitunno oggi sono un parco, con una tipica casa in pietra all’ingresso e una grande varietà di specie vegetali e animali da ammirare: dai salici piangenti che sfiorano le acque alle anatre e ai cigni che galleggiano placidi.

Bosco di San Francesco, Assisi

Il Bosco di San Francesco visto dalla Via di Francesco, con vista su Rocca Maggiore (Foto di Mongolo1984 – Own work, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons)

L’incantevole Bosco di San Francesco si trova ad Assisi, ai piedi della storica Cattedrale, sul versante nord della collina su cui sorge la città e sotto l’imponente fortezza di Rocca Maggiore. Il bosco ha una superficie di 64 ettari e dal 2008 è di proprietà del FAI – Fondo Ambiente Italiano, che lo ha recuperato e sistemato e riaperto al pubblico nel 2011.

Il percorso di visita parte dalla Basilica di San Francesco, da un portone situato nel muro di cinta del piazzale davanti alla Basilica di Superiore. Da qui si imbocca un sentiero stretto che scende lungo il bosco, tra carpini, ginestre, aceri e querce roverelle che si tingono dei caldi colori d’autunno. L’itinerario arriva al torrente Tescio e attraversa l’antico complesso benedettino di Santa Croce, di cui ancora oggi sono visibili i resti dell’ospedale, del monastero, della chiesa romanica, del ponte, del mulino, che oggi ospita una osteria, e di una torre trecentesca eretta a difesa di un opificio. Il percorso termina in una radura sulla vallata del Tescio, dove spicca la Torre Annamaria, riportata alla luce dagli scavi archeologici, sede dell’opera di Land Art il Terzo Paradiso, realizzata da Michelangelo Pistoletto.

Leggi anche –> Boschi per cercare i funghi porcini in Italia: dove andare

Cascata delle Marmore

Cascata delle Marmore in autunno (Adobe Stock)

Infine, uno dei posti più spettacolari dove ammirare il foliage in Umbria: la Cascata delle Marmore, vicino Terni. Un luogo di sorprendente bellezza, dove la forza del fiume Velino, che scende da queste cascate create dagli antichi romani, irrompe tra gli alberi del bosco che cambiano colore, gettandosi nelle gole del fiume Nera. Dal verde intenso della primavera estate, la ricca vegetazione che circonda le cascate si tinge di verde scuro, giallo, oro, arancio, rosso e marrone. Un tripudio di colori che rendono ancora più bello ammirare questo luogo.

Leggi anche –> Foliage nelle Marche: i luoghi più belli per i colori d’autunno

Assisi, la Cattedrale, Rocca Maggiore e il Bosco (FAI – Fondo Ambiente Italiano)