Home Dove, come e quando Estate 2020, Bonus vacanze fino a 500 euro: come funziona

Estate 2020, Bonus vacanze fino a 500 euro: come funziona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 21:39
CONDIVIDI

Decreto Rilancio: bonus vacanze 2020 in base al reddito per aiutare le famiglie e le imprese del turismo

bonus vacanze

Fra poco, se il trend di contagi continuerà a scendere e se tutti rispetteremo le misure di contenimento, potremo andare in vacanza. E per sostenere il turismo arriva il bonus vacanze 2020 che aiuterà le famiglie a poter partire. Che ciò accada lo sperano tutte le imprese turistiche che si stanno organizzando per accogliere gli ospiti con distanziamenti in spiaggia e percorsi diversi in hotel. Certo le vacanze dell’estate 2020 saranno ben diverse dalle altre: niente viaggi all’estero, si starà in Italia alla riscoperta del nostro Paese.

#Ripartiamodallitalia è l’hastag che stiamo promuovendo da inizio marzo. E’ necessario far ripartire l’economia del nostro Paese, sostenere il turismo duramente colpito dalla crisi della pandemia ed è l’occasione per conoscere meglio il nostro Paese. Per poter far tutto questo è necessario però un sostegno economico alle famiglie affinché possano andare in vacanza facendo così ripartire la macchina Italia. Ed per questo che è pronto il bonus vacanza: una sorta di voucher o detrazione fiscale che in base alla situazione reddituale permetterà di avere uno sconto fino a 500 euro in strutture alberghiere e per servizi turistici.

Bonus vacanze 2020: 500 euro di bonus

Si chiamerà Rilancio il nuovo decreto di maggio che conterrà le misure per aiutare l’economia del nostro Paese a rialzare la testa sostenendo famiglie e imprese. Diversi i provvedimenti presi per il settore del turismo uno dei più duramente colpiti dalla crisi e che da solo contribuisce al 13% del PIL del nostro Paese. La stagione che sta per iniziare si annuncia ovviamente difficilissima e priva di turisti stranieri. Un’assenza che pesa visto che rappresentano il 50% delle presenze totali. Il governo sta pensando a degli aiuti alle imprese turistiche (alberghi, agenzie di viaggio, etc) a fondo perduto e dei sostegni alle famiglie per poterle fare andare in vacanza, ossia il bonus vacanza.

Secondo la bozza del decreto questo bonus sarà riservato a famiglie con un ISEE non superiore ai 35 mila euro: sarà di 150 euro per nuclei composti da 1 sola, persone 300 euro per nuclei di due persone, 500 euro per nuclei sdi 4 o più persone. Sarà possibile ricevere un solo bonus per nucleo familiare. Il bonus dovrebbe essere utilizzabile al 90% come sconto sul costo della vacanza e 10% come detrazione fiscale. Il bonus sarà spendibile dal 1 luglio al 31 dicembre 2020.

Bonus vacanze 2020: 500 euro per il turismo, cancellazioni gratis, notti in omaggio

Per rilanciare il turismo sono numerose le proposte di regioni e agenzie di viaggio. Servono infatti degli incentivi economici per poter permettere alle famiglie di andare in vacanza in una situazione economica difficile come quella attuale. Il bonus vacanze 2020 del Governo già ipotizzato ad aprile sarà ovviamente la misura più importante, ma ce ne sono anche altre per riuscire ad assicurarsi una vacanza low cost e sicura ai tempi del coronavirus.

Ad esempio la Sicilia sta definendo la proposta di una notte gratis ogni tre di soggiorno presso una struttura ricettiva dell’isola. Il piccolo borgo di Valle dell’Angelo in Campania regala un bonus da spendere presso attività del paese a tutti i suoi turisti. Tour operator come Boscolo ma anche alberghi e villaggi stanno proponendo ai propri ospiti la cancellazione gratuita della vacanza anche solo 10 giorni prima della partenza. Un modo per ovviare ad eventuali cambiamenti o a possibili ripensamenti senza incorrere in nessun tipo di penali o sanzioni.

CONDIVIDI
Articolo precedenteFranca Valeri, chi è la figlia soprano Stefania Bonfadelli: vita e foto
Articolo successivoAlessandro muore di Leucemia a 20 anni, il dolore di amici e professori
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.