Il passaporto più potente del mondo: chi avanza e chi retrocede

passaporto più potente
Passaporto giapponese (iStock)

Qual è il passaporto più potente del mondo: chi avanza e chi retrocede.

Viaggiare per il mondo non è uguale per tutti, a prescindere dal budget di cui disponete, quello che spesso fa la differenza è il passaporto del Paese di provenienza. Alcuni passaporti, infatti, danno libero accesso a tutti i Paesi del mondo e permettono di viaggiare con tranquillità, altri solo dietro adempimento di formalità, da quelle di base come la richiesta del visto in ambasciata o consolato a quelle più complesse, altri ancora hanno forti limitazioni negli spostamenti internazionali e negli accessi ad altri Paesi oppure non consentono proprio di viaggiare, a causa di situazioni di guerra, embargo, sanzioni internazionali o tensioni fra Stati.

Per questi motivi, ogni anno viene redatta la classifica dei passaporti più “potenti” del mondo, quelli con cui si può andare ovunque.

Il passaporto più potente del mondo 2018

Il passaporto è il documento che ci permette di viaggiare all’estero, attraversare frontiere e visitare altri Paesi. Non tutti i passaporti, però, hanno lo stesso potere. Ci sono quelli che aprono tutti i confini e quelli invece che sono fortemente limitati, per una varia serie di ragioni. Dipende sempre dal Paese di provenienza, dalla sua posizione nella comunità internazionale, dalla sua reputazione e dagli accordi internazionali. Un Paese in guerra, fortemente destabilizzato o dove il terrorismo è forte, difficilmente avrà un passaporto che consente ai propri cittadini di viaggiare liberamente da uno Stato all’altro, anche solo per turismo. Oltre alle normali formalità, come il visto, saranno richiesti anche altri adempimenti.

Per questo motivo ogni anno, o più volte all’anno, viene stilata la classifica dei passaporti “più potenti” al mondo, ovvero quelli che danno libero accesso a tutti i Paesi. L’elenco più prestigioso e affidabile è quello di Henley Passport Index, elaborato dalla società di consulenza Henley & PartnersCitizens.

passaporto più potente
Passaporto con visto (iStock)

La sorpresa di quest’anno è il nuovo passaporto più potente del mondo: quello del Giappone. Con il passaporto giapponese, infatti, si può accedere a 190 Paesi nel mondo senza visto o con il viso all’ingresso. Un grande privilegio per i cittadini giapponesi.

Il Giappone ha conquistato l’accesso libero al 190° Paese nel mondo, ottenendo l’ingresso senza visto in Myanmar a inizio ottobre. In questo modo ha scavalcato Singapore, che con il passaporto senza visto in 189 Paesi del mondo, si piazza secondo. La Germania, che aveva iniziato il 2018 in cima alla classifica, come Paese con il passaporto più potente del mondo, scivola al terzo posto con 188 Paesi a cui i suoi cittadini possono accedere senza visto. Sullo stesso gradino del podio si piazzano Francia e Corea del Sud.

I vertici della classifica sono stati determinati in parte dall’Uzbekistan che ha deciso di eliminare la formalità del visto per i cittadini francesi lo scorso 5 ottobre, mentre ai giapponesi e cittadini di Singapore era stato tolto già lo scorso febbraio. La Corea del Sud, invece, ha ottenuto l’ingresso senza visto in Myanmar il 1° ottobre scorso.

Al quarto posto dei Paesi con il passaporto più potente del mondo troviamo l’Italia, in compagnia di Danimarca, Finlandia e Svezia. Italiani, danesi, finlandesi e svedesi possono entrare senza visto o con apposizione del visto all’arrivo in 187 Paesi del mondo.

Seguono al quinto posto Norvegia, Regno Unito, Austria, Lussemburgo, Paesi Bassi, Portogallo e Stati Uniti, i cui cittadini possono visitare 186 Paesi senza bisogno del visto. Al sesto posto, con l’ingresso in 185 Paesi, troviamo: Belgio, Svizzera, Irlanda e Canada. Poi al settimo, Australia, Grecia e Malta, i cui cittadini hanno diritto di accesso senza visto in 183 Paesi. All’ottavo posto con 182 Paesi si piazzano Nuova Zelanda e Repubblica Ceca. Quindi l’Islanda al nono posto con 181 Paesi a cui accedere liberamente; mentre chiudono la top 10 al decimo posto, con l’accesso a 180 Paesi: Ungheria, Slovenia e Malaysia.

I passaporti con la mobilità più bassa sono quelli di: Pakistan, i cui cittadini possono entrare senza visto o con visto all’arrivo solo in 33 Paesi del mondo, la Siria e la Somalia con 32 Paesi. Mentre all’ultimo posto ci sono Afghanistan e Iraq, il cui passaporto dà libero accesso solo in 30 Paesi al mondo.

La classifica dei passaporti più potenti del mondo secondo l’Henley Passport Index si basa su informazioni fornite dall’International Air Transport Authority (IATA) e riguarda 199 passaporti verso 227 destinazioni di viaggio. L’indice viene aggiornato in tempo reale nel corso dell’anno, appena le nuove norme sui visti entrano in vigore.

Sul passaporto e gli altri documenti necessari per viaggiare all’estero per gli italiani segnaliamo:

A cura di Valeria Bellagamba

Leggete tutte le nostre notizie su Google News