CONDIVIDI
pasquetta 2018
Pasquetta 2018, dove andare in gita (iStock)

Le vacanze di Pasqua si stanno avvicinando, anche se siamo ancora in pieno inverno. Manca poco più di un mese alla agognata settimana di riposo, la prima vera vacanza dell’anno, a meno che non abbiate avuto la fortuna di essere già partiti per un bel viaggio o una settimana bianca. Vi abbiamo segnalato diverse proposte di viaggio per le vacanze di Pasqua 2018, idee per tutti i gusti e le esigenze.

Pasqua sarà domenica 1° aprile, Pasqua bassa a inizio primavera. La settimana di vacanza andrà da giovedì 29 marzo a martedì 3 aprile. Quindi, il Lunedì dell’Angelo, Pasquetta, sarà lunedì 2 aprile. Proprio di Pasquetta vogliamo parlarvi qui. Questa giornata di festa in Italia è tradizionalmente dedicata alla classica gita fuori porta, per fare il picnic all’aperto con parenti e amici oppure dedicare una giornata ad altre attività all’aperto, come escursioni o sport. C’è chi ne approfitta per visitare una città d’arte o un museo. Per chi non va in vacanza fuori durante la settimana di Pasqua, c’è sempre l’alternativa della gita fuori porta a Pasquetta. Qui vi proponiamo alcune mete dove andare.

Pasquetta 2018: dove andare per la gita fuori porta

Per Pasquetta 2018, ecco dove andare e cosa fare in Italia per la classica gita fuori porta. Un appuntamento irrinunciabile per molti italiani. Il Lunedì dell’Angelo, giorno di Pasquetta,quest’anno  sarà il 2 aprile, forse un po’ presto per fare il picnic all’aperto. In molte parti d’Italia non sarà un clima molto mite, sempre che il tempo sia clemente, ma gli irriducibili del picnic hanno comunque tante occasioni, soprattutto al Centro-Sud, mentre sulle Alpi ci sarà la possibilità di passare una giornata sugli sci. Ecco i nostri suggerimenti.

Gita in campagna per il picnic

Picnic (Thinkstock)

Se non volete rinunciare al picnic nel giorno di Pasquetta, sappiate che il 2 aprile (il giorno del Lunedì dell’Angelo 2018) non farà molto caldo in molte parti d’Italia. A prescindere dalle condizioni meteo, in diverse zone della Penisola sarà ancora rigido per stare all’aperto stesi su un prato. Non sarà così ovunque e qualche luogo con il clima mite per stare all’aperto lo troverete di sicuro, nelle zone con il clima più mite, al Centro-Sud, in riva al lago o vicino al mare. I luoghi dove dovreste trovare un clima più mite sono le località rivierasche della Liguria, come il Parco delle Cinque Terre (attenzione al numero chiuso), la Toscana meridionale, nel Parco della Maremma, la zona di Capalbio e dell’Argentario, nel Parco del Circeo, sul Gargano, in Puglia, e nel Parco dei Nebrodi, nel nord-est della Sicilia.

Giornata a sciare

Piste da sci a Cervinia (iStock)

Una valida proposta per trascorrere la giornata di Pasquetta 2018, se siete vicini alle montagne è quella di trascorrere una giornata sugli sci. L’inizio della primavera consente ancora di sciare in molte località sulle Alpi. Pensiamo ad esempio alle piste di Cervina e a quelle del vicino comprensorio sciistico di Zermatt, il vasto Matterhorn Ski Paradise, uno dei più grandi d’Europa, a quote elevate. Oppure alla piste di Bormio e dell’Alta Valtellina, con la possibilità di chiudere una giornata sulla neve rilassandosi alle terme. Segnaliamo anche il Passo del Tonale e il comprensorio dell’Adamello Ski, infine le Dolomiti, con la Val di Fassa, ai piedi dell’imponente Marmolada, la vetta dolomitica più alta, nelle splendide località di Canazei e Moena, con la possibilità di fare tutto il giro delle principali valli dolomitiche sugli sci grazie al mega comprensorio sciistico del Sella Ronda. Per chi abita al Centro Italia, invece, c’è la possibilità di sciare in Abruzzo, a Campo Imperatore e Prati di Tivo, sul Gran Sasso.

Passeggiata nel bosco

Cammino nel bosco (iStock)

Gli amanti della natura e delle escursioni, sceglieranno probabilmente di fare una passeggiata nel bosco. Coperti bene, poiché non farà tanto caldo, potrete passeggiare quasi ovunque. Qui vi consigliamo una bella camminata nei boschi della macchia mediterranea vicini alla costa, come il Parco del Conero, nell’entroterra di Ancona o la Foresta Umbra sul Gargano. Consigliamo anche il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, tra Toscana e Romagna, dove andare alla scoperta di santuari come quello di Camaldoli, il Bosco di San Francesco, vicino ad Assisi, altro luogo mistico, o quello de La Verna, con l’omonimo santuario, in Toscana, altro importante luogo francescano. Da visitare anche il bel bosco della Mesola, nei pressi del Delta del Po.

Escursione su un’isola

Ponza (iStock)

Il giorno di Pasquetta può essere anche l’occasione per la visita ad un’isola. Certo, non sarete i soli, nelle località più famose e frequentate ci saranno molti turisti, ma la bellezza delle nostre isole, marine e lacustri, merita un po’ di sofferenza. Le mete principali sono le isole del Golfo di Napoli, Ischia, Capri e Procida, che attireranno sicuramente un gran numero di visitatori. Da vedere, con un’escursione in barca in partenza dalle coste del Lazio, le Isole Pontine o Ponziane, le splendide Ponza e Ventotene. Da vedere anche l’Isola del Giglio, con il traghetto in partenza da Porto Santo Stefano, sull’Argentario. Al Nord Italia, mete perfette per una gita di un giorno sono l’Isola di San Giulio sul Lago d’Orta, l’Isola Bella sul Lago Maggiore e Monte Isola sul Lago d’Iseo.

Gita al lago

Castiglione Del Lago (iStock)

I laghi che abbiamo citato sopra sono tutti perfetti per una gita di Pasquetta, alla scoperta di luoghi pittoreschi, dove fare sport, gustare la cucina locale e dedicarsi al relax. Al Centro Italia, una meta classica delle gite di primavera è il Lago Trasimeno, in Umbria, con i borghi arroccati che si specchiano sulle sue acque, la natura circostante e gli isolotti oasi naturali. Un’altra meta ideale è il Lago di Bracciano, mentre se cercate la natura selvaggia, dove ammirare tante specie animali, soprattutto praticando il birdwatching, la trovate nei suggestivi laghi di Lesina e Varano, ai piedi del promontorio del Gargano. Infine, una meta classica delle gite di Pasquetta è il Lago di Garda, con tante attrazioni per grandi e piccini: le incantevoli cittadine affacciate sul lago, le terme e soprattutto il parco di divertimenti Gardaland.

Visita ad una città d’arte

Siena, Piazza del Campo (YinYang, IStock)

Visitare una bella città d’arte è un bel modo per impiegare il giorno di Pasquetta, soprattutto se non dovete fare molta strada per raggiungere la vostra meta. Forse è meglio evitare le grandi mete come Roma, Firenze e Venezia, che saranno affollatissime e optare piuttosto per città medie, comunque bellissime, come la meravigliosa Siena, con la sua spettacolare Piazza del Campo e l’imponente Torre del Mangia, oppure Perugia, che ha tantissimo da offrire con il suo caratteristico centro storico medievale. Perugia, poi, è vicina al Lago Trasimeno quindi potete unire visita al lago e alla città. Sempre in Umbria consigliamo le stupende Spoleto e Orvieto. In Toscana è da vedere anche Arezzo, poi le eleganti e ricche Mantova e Cremona, in Lombardia. Salerno e Benevento, in Campania; Parma in Emilia Romagna; Treviso e Vicenza in Veneto. Lecce e Otranto in Puglia. Insomma ogni regione ha le sue città d’arte da visitare, anche al di fuori delle mete principali.

Visita ad un borgo storico

Il castello e il borgo di Gradara (Wikipedia, Pubblico Dominio)

Nello stessi filone della visita alle città d’arte è quella al borghi storici che da Nord a Sud costellano il nostro territorio. Anche qui avete solo l’imbarazzo della scelta, tra luoghi famosi e altri meno e tutti da scoprire. Quelli più importanti, forse, si trovano nelle regioni del Centro Italia. Pensiamo a luoghi come Spello, Nocera Umbra, Bevagna, Todi, per citare quello quelli dell’Umbria. Poi San Gimignano, Montepulciano, Pitigliano, Anghiari, Montemerano, Bagno Vignoni in Toscana. Civita di Bagnoregio, la città che muore, nel Lazio, insieme ai borghi vicino Roma di Nemi, Castel Sant’Angelo, Castel di Tora, Arpino e Calcata. Da vedere anche quelli nelle Marche: Corinaldo, Offida, Serra San Quirico, Grottammare, Mondavio, Frontino, Montelupone e su tutti il romantico borgo di Gradara, con la Rocca Malatestiana, dove è ambientata la tragica storia di amore di Paolo e Francesca, meta perfetta per tutto l’anno. Da non perdere i borghi marinari della Liguria, non solo alla Cinque Terre, come Tellaro, Laigueglia, Finalborgo, Camogli, Porto Venere, Varigotti, e tanti altri.

Vi ricordiamo, poi, che grazie all’accordo tra l’Associazione Borghi Più Belli d’Italia e Trenitalia, molti borghi italiani potranno essere facilmente raggiunti in treno.

Visita ad un luogo abbandonato

Abbazia di San Galgano (Simon Matzinger, CC BY 4.0, Wikicommons)

Infine, concludiamo questa rassegna sulle mete da visitare in una gita di un giorno a Pasquetta 2018, con una vista a quei luoghi abbandonati ma carichi di fascino. Su tutti la misteriosa e mistica Abbazia di San Galgano, in Toscana dominata dall’Eremo di Montesiepi all’interno del quale è custodita la spada nella roccia, appartenuta al santo. Un’altra bellissima abbazia abbandonata, visitabile grazie al Fai che l’ha acquistata, è l’abbazia romanica di Santa Maria a Cerrate, nel territorio del comune di Lecce. Da vedere anche l’imponente e romantica Rocca Calascio, in Abruzzo, scenario del famoso film Lady Hawke; il suggestivo paese fantasma di Craco, in provincia di Matera, e il paese abbandonato di Monterano antica, a nord di Roma, nell’omonima Riserva naturale.

Insomma, le occasioni per una bella gita di Pasquetta non mancano. A voi la scelta.

Tra le altre cose da fare a Pasquetta 2018, segnaliamo:

 

 

A cura di Valeria Bellagamba