CONDIVIDI

Pasquetta 2018 in Sardegna: cosa fare, proposte per trekking ed escursioni. Dove dormire e dove mangiare. Gli eventi della tradizioni e i riti pasquali.

pasquetta 2018 sardegna
I paesaggi della Sardegna (Ruiu Michele/pubblico dominio)

Sono in molti quelli che stanno scegliendo cosa fare il prossimo due aprile, giorno di Pasquetta. Le tre idee preferite dagli italiani sono come sempre mare, montagna o aperta campagna. Sicuramente in molti sceglieranno di restare in una grande città, approfittando magari per visitare i tanti musei aperti nella Penisola. Resta fuor di dubbio che soprattutto nel giorno di Pasquetta in tanti vorranno stare con i propri amici più cari, organizzando una gita fuori porta. Tra le mete più ambite del periodo, c’è la Sardegna, che offre prezzi competitivi e posti inesplorati tutti da scoprire. In questi giorni sull’isola il clima è primaverile e la speranza è resista anche nelle prossime settimane, sebbene il meteo per il weekend pasquale al momento non prometta nulla di buono.

Cosa fare a Pasquetta: alcune idee

Cosa fare in Sardegna a Pasquetta 2018: trekking ed escursioni

Murales in Barbagia (foto pubblico dominio)

Pasquetta in Sardegna vuol dire itinerari di trekking ed escursioni. Una di queste, nell’intero weekend di Pasqua, può darci la possibilità di scoprire le isole dell’arcipelago della Maddalena, come l’isola di S. Stefano o di Spargi, costeggiando le magnifiche coste di Palau e Maddalena. Il trekking prevede circa 2 km di passeggiata leggera tra i graniti e la macchia mediterranea. Scoprirete così i suggestivi fortini, degustando ovviamente le tipicità enogastronomiche. Un altro itinerario prevede un viaggio sonoro nella Sardegna antica e sacra, coi suoi templi secolari. Tra i siti proposti, la Tomba dei Giganti Sa Domu e S’Orku, Nuraghe Is Paras, il pozzo di Santa Cristina, il nuraghe Lugherras. Altra meta del giorno di Pasquetta sarà l’Ogliastra: gli ingredienti di questo percorso sono paesaggi unici, siti archeologici e naturali, prodotti tipici della tradizione enogastronomica. I più audaci possono avventurarsi sul Massiccio del Gennargentu, in Barbagia, oppure nel Supramonte di Orgosolo, reso celebre anche e purtroppo da alcuni fatti di cronaca. In questo caso, immancabile è una visita ai murales della zona. Sempre in Barbagia, sorge l’Oasi faunistica di Sa Portiscra, un’area di incomparabile bellezza. Al suo interno, il Parco del Cervo e il villaggio Nuragico “Or Murales”. Altra opzione è un’escursione nel territorio di Seulo a Sa Stiddiosa. Infine, potreste essere interessati a un’escursione in kayak nel golfo di Pula.

Pasquetta nelle grandi città: ecco dove andare e cosa vedere

Pasquetta 2018 in Sardegna: dove dormire e dove mangiare

Tra le proposte per soggiornare, consigliamo l’Hotel La Bitta di Arbatax in Ogliastra. Si tratta di una struttura a quattro stelle, con una meravigliosa vista sul mare. Si potranno scegliere il servizio di camera e colazione, la mezza pensione o la pensione completa, tutto a partire da 69€ a persona. Un soggiorno completo a partire da 90€ a persona è la proposta dell’Agriturismo S’ Ozzastru, a Dorgoli: vengono inclusi la cena di Pasqua e la colazione e il pranzo di Pasquetta. L’Agriturismo Saride di Alghero propone cena e pernottamento di Pasqua, colazione e pranzo di Pasquetta a 100€. Lo stesso pacchetto ha un costo di 115€ a persona all’Agriturismo Su Solianu di Barisardo, nell’Ogliastra. Sconti del 50% per il soggiorno dei più piccini propongono l’Hotel Ristorante Badde Rosa e l’Hotel Ristorante Edera. Per chi dovesse solo scegliere il pranzo di Pasquetta, offre un menù tipico a 30€ l’Hotel Rifugio d’Ogliastra, a Jerzu.

Eventi a Pasquetta 2018 in Sardegna

Anche in Sardegna, come in praticamente tutta Italia, grande risalto viene dato alla tradizione e ai Riti della Settimana Santa. Per chi volesse prolungare la propria permanenza, arrivando prima di Pasquetta, sicuramente molto sentita è la Settimana Santa di Alghero, con riti che coinvolgono numerose confraternite sia italiane che catalane e sono organizzati dalla Confraternita della Misericordia, detta anche dei Germans Blancs. Si tratta di riti sentiti anche in altre zone della Sardegna, come a Castelsardo e Cuglieri. Si concluderà invece il sabato di Pasqua la Sagra del riccio ad Alghero. A Foresta Burgos, invece, Pasquetta vuol dire ormai da cinque anni il Mercato Contadino, che mette in vetrina le eccellenze dei prodotti tipici locali insieme ai gioielli dell’artigianato artistico. Si tratta di uno dei siti naturalistici più suggestivi della Sardegna e nel corso della giornata viene offerta la possibilità di escursioni e visite guidate a prezzi più che accessibili a chiunque. Infine, tra le opzioni per una Pasquetta all’aria aperta c’è il parco di San Leonardo di Siete Fuentes, tra boschi di lecci, querce e olmi e le famose sorgenti delle Sette Fonti.

Leggi anche –>

A cura di Gabriele Mastroleo