CONDIVIDI
carnevale 2018
Carnevale di Ivrea, Battaglia delle Arance (iStock)

Tra le tante iniziative, celebrazioni, sfilate e manifestazioni del Carnevale 2018 una originalissima e assolutamente da non perdere è quella del Carnevale Storico di Ivrea, ben più di una semplice festa di carnevale e una vera e propria rievocazione storica.

Famoso in tutto il mondo per l’impressionante Battaglia delle Arance, in cui i cittadini di diverse fazioni si lanciano con veemenza una enorme quantità di arance, il Carnevale di Ivrea è la rievocazione di una rivolta popolare di epoca medievale, ecco perché è chiamato storico.

Il manifestazioni clou del Carnevale Storico di Ivrea 2018 sono in programma dal 10 al 13 febbraio.

Carnevale 2018: programma del Carnevale Storico di Ivrea

Quello di Ivrea è il più antico Carnevale storico d’Italia (il primo verbale risale al 1808), una manifestazione in cui la storia si mescola alla leggenda, dando vita ad una grande festa popolare dal forte valore simbolico. Nei giorni del carnevale l’intera comunità di Ivrea celebra, in un evento molto sentito e partecipato, la propria capacità di autodeterminazione, rievocando un episodio di affrancamento dalla tirannide medievale. Il feudatario locale, Marchese di Monferrato, tiranneggiava e affamava il popolo che si ribellò scatenando la battaglia delle arance. Affrontando a mani nude e senza protezioni i soldati del feudatario il popolo riuscì a cacciare il tiranno da Ivrea.

Questo episodio, a metà tra storia e leggenda, viene evocato ogni anno in occasione del Carnevale e la Battaglia delle Arance è l’evento principale, che si tiene per tre giorni nelle principali piazze della città. Il cittadini che rappresentano il popolo, a piedi e senza protezioni, affrontano a colpi di arance i soldati del feudatario che stanno su carri trainati da cavalli e indossano protezioni e costumi simili ad armature.

La Battaglia delle Arance non è tuttavia l’unica manifestazione del Carnevale Storico di Ivrea, che ha inaugurato le celebrazioni già il 6 gennaio con la marcia di apertura del Carnevale e la prima uscita di Pifferi e Tamburi, suonati da musicisti in costume storico. In questo giorno si è tenuta anche l’investitura ufficiale del Generale, con la Santa Messa in Duomo e Cerimonia dei Ceri

Un carnevale con un complesso cerimoniale, che attinge a diverse epoche storiche fino a culminare nel Corteo Storico. Protagonista del corteo è la Vezzosa Mugnaia (Violetta), simbolo di libertà ed eroina della festa, fin dalla sua apparizione nel 1858. Ad accompagnarla ci sono: la sua Scorta d’Onore, Toniotto, il suo sposo, il Generale, di origine napoleonica che guida il brillante Stato Maggiore, il Sostituto Gran Cancelliere, cerimoniere e rigido custode della tradizione, il Magnifico Podestà garante della libertà cittadina, gli Alfieri con le bandiere dei cinque rioni, rappresentati dagli Abbà, uno per ognuno dei cinque rioni, e la banda di Pifferi e Tamburi.

Secondo la leggenda fu il gesto eroico di Violetta, la figlia di un mugnaio, a liberare il popolo dalla tirannia. Ribellatasi allo ius primae noctis imposto dal tiranno, Violetta lo uccise con la sua stessa spada e la Battaglia delle arance rievoca proprio questa rivolta.

In segno di partecipazione alla festa tutti i cittadini e i visitatori, a partire dal Giovedì Grasso, su ordinanza del Generale, scendono in strada indossando il classico Berretto Frigio, un cappello rosso a forma di calza che rappresenta l’adesione ideale alla rivolta e l’aspirazione alla libertà, come fu per i protagonisti della Rivoluzione Francese.

Programma:

  • Domenica 28 gennaio 2018: Fagiolate di Bellavista e San Giovanni; passaggio del Libro dei Verbali dal Gran Cancelliere al Sostituto; Prise du Drapeau; Alzata degli Abbà; sfilata del Corteo Storico.
  • Domenica 4 febbraio: Fagiolate di Montenavale, Cuj dij Vigne, Torre Balfredo e Santi Pietro e Donato; presentazione dei carri da getto e sfilata nelle vie del centro; Riappacificazione degli abitanti dei Rioni di San Maurizio e del Borghetto sul Ponte Vecchio; Alzata degli Abbà; sfilata del Corteo Storico; Generala in piazza di Città.
  • Giovedì 8 febbraio: Giovedì Grasso. Passaggio dei poteri civili dal Sindaco di Ivrea al Generale e Calzata del Berretto Frigio; sfilata del Corteo Storico; Festa dei bambini in piazza Ottinetti; fagiolata Cuj d’via.
    Palma; visita del Corteo Storico al Vescovo e degli Abbà al Sindaco; Investitura degli Oditori ed Intendenti Generali delle Milizie e Genti da Guerra del Canavese; Città in Festa.
  • Sabato 10 febbraio 2018: Presentazione della Scorta d’Onore della Mugnaia; presentazione della Vezzosa Mugnaia dalla loggia del Palazzo Municipale; marcia del Corteo Storico; fiaccolata goliardica e sfilata delle squadre degli aranceri a piedi in Lungo Dora e Feste degli aranceri nelle piazze cittadine.
  • Domenica 11 febbraio 2018: Fagiolate del Castellazzo, San Lorenzo, via Dora Baltea e San Bernardo; Cerimonia della Preda in Dora; inquadramento dei Carri da getto in corso Massimo d’Azeglio e inizio della prima delle tre giornate di Battaglia; Corteo Storico; spettacolo pirotecnico sul Lungo Dora; Serata di Gala con gran ballo in onore della Vezzosa Mugnaia al Teatro Giacosa.
  • Lunedì 12 febbraio: Zappate degli Scarli As pianta ‘lpich a l’uso antic; inquadramento dei Carri da getto in corso Massimo d’Azeglio e inizio della seconda giornata di Battaglia; Corteo Storico; degustazione di merluzzo con cipolle appena fritti presso la sede del Comitato della Croazia Polenta e Merluzzo.
  • Martedì 13 febbraio: Martedì Grasso. Inquadramento dei Carri da getto in corso Massimo d’Azeglio e inizio della terza giornata di Battaglia; Corteo Storico; premiazione dei Carri da Getto e delle squadre a piedi; abbruciamento degli Scarli nei vari rioni e abbruciamento in presenza della Mugnaia in piazza di Città; abbruciamento ultimo Scarlo in piazza Lamarmora e a seguire marcia funebre Advérze a giòbia ‘n bot.

Per ulteriori informazioni sul Carnevale Storico di Ivrea: www.storicocarnevaleivrea.it

Vi ricordiamo anche gli altri eventi del Carnevale 2018 in Italia:

Se invece preferite l’Europa, ecco gli eventi da non perdere:

A cura di Valeria Bellagamba