Dal Regno Unito nuove restrizioni di viaggio per la variante Omicron

Dal Regno Unito nuove restrizioni di viaggio per la variante Omicron del Coronavirus. Le ultime notizie.

regno unito restrizioni viaggio
Dal Regno Unito nuove restrizioni di viaggio per la variante Omicron (Boris Johnson in conferenza stampa. Foto di Hollie Adams – WPA Pool/Getty Images)

La nuova variante Omicron del Coronavirus, isolata in Sudafrica con la sigla B.1.1.529, è stata individuata ormai in tutto il mondo, in diversi Paesi d’Europa e anche in Italia.

L’Europa ha bloccato i voli in arrivo dal Sudafrica e da altri Stati africani meridionali. Nel frattempo il Regno Unito torna alle restrizioni di viaggio e all’obbligo di mascherina. Ecco cosa è successo nelle ultime ore.

Leggi anche –> Super Green Pass: le regole definitive nel decreto legge

Dal Regno Unito nuove restrizioni di viaggio per la variante Omicron

Fine del liberi tutti nel Regno Unito e ritorno ad alcune restrizioni per i viaggiatori che entrano nel Paese. La scorsa estate, tra lo sconcerto degli europei, la Gran Bretagna aveva abolito l’obbligo di mascherine anche al chiuso e ogni regola di distanziamento, tornando alle libertà prepandemia. Era il cosiddetto “Liberation day”, con riaperture delle discoteche e dei locali pubblici a piena capienza.

Ora che la nuova variante Omicron solleva nuove apprensioni in tutto il mondo, a causa della maggiore contagiosità e per il rischio di vanificare tutti gli sforzi e i sacrifici fatti finora, anche il Regno Unito ripristina alcune restrizioni.

Nel pomeriggio di sabato 27 novembre, il Primo Ministro Boris Johnson è comparso in diretta tv per un discorso alla nazione sull’introduzione delle nuove misure.

Torna l’obbligo di mascherina sui trasporti pubblici e nei negozi. Mentre vengono reintrodotte alcune restrizioni per gli arrivi dall’estero.

Leggi anche –> Zona rossa in Alto Adige: aumentano i Comuni con chiusure e coprifuoco

Nuove restrizioni di viaggio

Lo scorso ottobre, il Regno Unito aveva allentato diverse regole per gli ingressi dall’estero. Dal 4 ottobre non era più richiesto ai viaggiatori completamente vaccinati il tampone negativo da effettuare prima della partenza. Poi, dal 24 ottobre per il tampone richiesto entro 48 ore dall’arrivo nel Paese (day 2 test) era sufficiente un test antigenico e non era più obbligatorio il molecolare PCR.

Ora, le regole cambiano di nuovo. Per il test da effettuare entro 2 giorni dall’arrivo nel Regno Unito, tutti i viaggiatori internazionali dovranno sottoporsi a tampone molecolare PCR e stare in isolamento finché non riceveranno il risultato negativo.

Per informazioni di viaggio aggiornate sul Regno Unito: www.viaggiaresicuri.it/country/GBR

Inoltre, tutti i contatti stretti di persone infettate dalla variante Omicron dovranno stare in isolamento per 10 giorni.

Boris Johnson ha anche insistito sulla necessità della terza dose di vaccino, annunciando che verrà potenziata la campagna informativa per sollecitare la popolazione a sottoporsi a dose aggiuntiva o richiamo.

Leggi anche –> Olanda, scatta il lockdown: tutto chiuso dalle 17

viaggi regno unito vaccinati
Viaggi in Regno Unito (Arrivi all’aeroporto di Londra Heathrow. Immagine di repertorio di Hollie Adams/Getty Images)