Regno Unito: per i viaggiatori vaccinati basterà un test antigenico

Regno Unito: Regno Unito: per i viaggiatori vaccinati basterà un test antigenico. Le nuove regole.

regno unito viaggiatori test antigenico
Regno Unito: per i viaggiatori vaccinati basterà un test antigenico (Foto di Albrecht Fietz da Pixabay)

Nuove regole in arrivo per i viaggiatori che entrano nel Regno Unito e che semplificheranno ulteriormente l’ingresso nel Paese.

Come avevamo già riportato, il Regno Unito dallo scorso 4 ottobre ha smesso di chiedere ai viaggiatori completamente vaccinati il tampone negativo prima della partenza. Il tampone è chiesto solo entro 48 ore dall’arrivo nel Paese.

Dal prossimo 24 ottobre ci sarà un’altra novità: i viaggiatori vaccinati all’arrivo potranno sottoporsi a un test antigenico. Non sarà più richiesto il test molecolare (PCR). Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Gli Stati Uniti riaprono ai viaggiatori vaccinati: ecco quando

Regno Unito: per i viaggiatori vaccinati basterà un test antigenico

Si semplificano ulteriormente le regole per viaggiare nel Regno Unito. All’arrivo nel Paese, i viaggiatori dall’estero che siano completamente vaccinati potranno sottoporsi a un semplice test antigenico, entro 48 ore. Non saranno più obbligati a fare il tampone molecolare, come è stato finora.

La nuova regola si applicherà a partire dal 24 ottobre ai viaggiatori che provengono da Paesi che non sono compresi nella lista rossa per l’emergenza Covid-19. Naturalmente la nuova regola varrà non solo per gli stranieri in visita nel Paese ma anche per i britannci che rientrano da una vacanza all’estero. Un modo per agevolare le vacanze degli inglesi in cerca di sole e caldo.

Una richiesta di semplificazione che veniva anche dagli operatori del settore turistico, che da tempo chiedevano di permettere al rientro anche il test antigenico, molto meno costoso, per consentire la ripresa di un settore pesantemente penalizzato dalla pandemia.

Al momento, nella lista rossa dei Paesi a rischio Covid del governo britannico sono presenti solo 7: Colombia, Ecuador, Repubblica Domenicana, Haiti, Panama, Perù e Venezuela.

Vi ricordiamo che per entrare nel Regno Unito dal 1° ottobre sarà richiesto il passaporto, anche ai cittadini europei. La carta di identità non è più valida.

Leggi anche –> L’Australia riapre le frontiere dopo un anno e mezzo

Regole anti-Covid per entrare nel Regno Unito

Ricapitolando, oltre al passaporto che dal 1° ottobre è richiesto a tutti, ecco le regole di prevenzione anti-Covid per i viaggiatori che entrano o rientrano nel Regno Unito.

I viaggiatori che abbiano completato la vaccinazione (con due dosi di un vaccino o una sola in caso di vaccino monodose) da almeno 14 giorni, e che non abbiano transitato in Paesi categorizzati ad alto rischio/”lista rossa” nei 10 giorni precedenti l’arrivo nel Paese, possono beneficiare di procedure di ingresso semplificate:

  1. prenotare un tampone da svolgere nel Regno Unito entro il 2° giorno (48 ore) dopo l’arrivo (c.d. “day 2 test”) da una lista di distributori autorizzati (che dal 24 ottobre potrà essere un test antigenico);
  2. compilare un Passenger Locator Form (indicando gli estremi della prenotazione del tampone “day 2 test” e dichiarando di aver completato un ciclo di vaccinazione contro il coronavirus (in Italia o in altri Paesi accettati);
    3) viaggiare con un’attestazione vaccinale (tra cui la certificazione verde / green pass covid europeo, l’app NHS o un’altra attestazione con caratteristiche specifiche) da esibire, su richiesta, alla frontiera.

I viaggiatori che soddisfino questi requisiti, non devono sottoporti  a tampone prima della partenza e nemmeno a un periodo di isolamento cautelare dopo l’arrivo nel Regno Unito.

Ulteriori informazioni sul sito web Viaggiare Sicuri: www.viaggiaresicuri.it/country/GBR

Leggi anche –> Via libera ai corridoi turistici: si torna a viaggiare alle Maldive e a Sharm El Sheikh

viaggi regno unito vaccinati
Viaggi nel Regno Unito (Arrivi all’aeroporto di Londra Heathrow. Immagine di repertorio di Hollie Adams/Getty Images)