Nuova variante Covid dall’Africa meridionale: bloccati i voli da 7 Stati

Nuova variante Covid dall’Africa meridionale: bloccati i voli da 7 Stati. Allarme nel mondo.

nuova variante covid africa
Nuova variante Covid dall’Africa meridionale: bloccati i voli da 7 Stati (Adobe Stock)

L’allarme è scattato la sera di giovedì 25 novembre: è in arrivo dall’Africa meridionale una nuova variante del Coronavirus, l’ennesima, che sarebbe molto più contagiosa e potrebbe “bucare” l’immunità da vaccinazione e perfino quella naturale di chi è guarito dal Covid.

Va precisato che è ancora troppo presto per formulare delle conclusioni esatte. Tuttavia, c’è una comprensibile apprensione tra i governi e le autorità sanitarie mondiale. Tanto che nella tarda serata di ieri e nella prima mattina di oggi sono arrivati i primi provvedimenti, con il blocco dei voli provenienti da 7 Stati africani. Una misura che ha preso anche l’Italia. Ecco tutto quello che sappiamo finora.

Leggi anche –> Viaggi sconsigliati in Germania e Danimarca: dove non andare

Nuova variante Covid dall’Africa meridionale: bloccati i voli da 7 Stati

Cresce la preoccupazione per la pandemia e non solo per il nuovo boom di contagi in Europa, con le situazioni drammatiche dei Paesi dell’Est ma anche quelle preoccupanti di Austria e Germania. Ora, come in incubo che non vuole finire mai, arriva una nuova variante dall’Africa meridionale che sarebbe molto più contagiosa della Delta, quella che circola attualmente, e sembra che potrebbe superare gli anticorpi e l’immunità dati dal vaccino e perfino quelli naturali acquisiti con la malattia.

Questa nuova variante, chiamata Nu, nome scientifico B.1.1.529, avrebbe molte più mutazioni di quelle finora conosciute, fino a 32 mutazioni. È stata individuata nella provincia sudafricana di Gauteng, la stessa delle città di a urbana di Johannesburg e di Pretoria. Si tratta della provincia più piccola del Sudafrica, il cui territorio è quasi interamente occupato dalle aree urbane delle due grandi città. Dunque una zona ad alta densità di popolazione e dove non è difficile immaginare come si sia potuto diffondere il virus, in un Paese ancora scarsamente vaccinato. In Sudafrica solo il 28,08% della popolazione ha ricevuto una dose di vaccino anti Covid.

Per difendersi dalla nuova variante, i Paesi europei hanno iniziato a bloccare i voli in arrivo dal Sudafrica e altri dell’Africa meridionale. Anche l’Italia ha adottato questa misura.

La mattina di venerdì 26 novembre, il Ministro della Salute Roberto Speranza ha annunciato il blocco dei voli in arrivo da 7 Stati africani: Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini (ex Swaziland). È vietato l’arrivo in Italia di chi negli ultimi 14 giorni è stato in uno di questi Paesi.

“I nostri scienziati sono al lavoro per studiare la nuova variante B.1.1.529. Nel frattempo seguiamo la strada della massima precauzione”, ha spiegato Speranza.

Ulteriori informazioni sul sito del Ministero della Salute: www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioComunicatiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5845

Gli altri Paesi che hanno bloccato i voli dall’Africa meridionale sono Regno Unito, Singaporee ed Israele. Proprio in Israele è stato individuato il primo caso di infezione da Coronavirus con la nuova variante.

Nel frattempo, altri Stati europei hanno bloccato i voli in arrivo dai Paesi africani a rischio: Francia, Austria, Norvegia, Repubblica Ceca.

Aeroporto di Milano Malpensa, Terminal 2 (iStock)