Portogallo riapre tutto: cosa vedere e le regole di accesso

In Portogallo verranno rimossi tutti i divieti anti-covid. Si torna alla normalità. Ecco cosa vedere a ottobre in Portogallo e le regole per andare

portogallo riapre
Il Portogallo riapre tutto. Cosa vedere in questo periodo

Tornare ad assistere ad uno spettacolo di Fado in un locale dell’Alfama sorseggiando un bicchiere di Porto o immergersi nella confusione di praça de Rossio o far la fila per acquistare le migliori pasteis de nata della città. Meraviglioso, vero? Ed è tutto reale. Già perché a Lisbona e in Portogallo si torna alla normalità pre-covid: riapre tutto.

Questo traguardo è stato raggiunto grazie a una capillare e massiccia campagna di vaccinazione. Ben l’84% della popolazione ha avuto la doppia dose: numeri che rendono il Portogallo il Paese più vaccinato al mondo. Dopo di lui ci sono gli Emirati Arabi con l’80.8% e Singapore con il 77.3%.

Portogallo, dal 1 ottobre riapre tutto

Con tutti i numeri a favore e una situazione epidemiologica sotto controllo il Portogallo è pronto a riaprire tutto. Dal 1 ottobre 2021 le misure anticovid finora in vigore verranno notevolmente allentate e riapriranno attività bloccate dall’inizio della pandemia, ovvero da marzo 2020.

Dopo oltre un anno e mezzo si tornerà a ballare in Portogallo. Riaprono infatti i locali notturni, discoteche comprese. Per entrare sarà però necessario avere il Green Pass così come per andare al ristorante nel weekend. Non ci saranno invece più limiti al numero di commensali nei ristoranti, né limiti agli eventi o ai matrimoni. Il Green Pass non servirà più per entrare in palestra, né per gli hotel.

Il Certificato verde servirà invece per viaggiare in treno, aereo, nave e per partecipare ad eventi sportivi. Così come sarà obbligatorio indossare la mascherina in tutti i luoghi al chiuso, sale da ballo comprese e sui mezzi di trasporto.

Andare in Portogallo in ottobre: cosa vedere

La revoca dei divieti in Portogallo rende ancora più attraente andare nel Paese lusitano. In ottobre le temperature sono ancora piacevoli: si può girare per la città, andare a fare delle escursioni e perfino passare qualche ora in spiaggia (il bagno lo sconsigliamo però!).

La Torre di Belem, una delle cose da vedere a Lisbona

Lisbona, la capitale del Portogallo, è un città dall’indiscutibile fascino. In questo periodo dell’anno i caldi colori dell’autunno la rendono ancora più suggestiva. Il panorama che si gode da uno dei tanti miradouro è meraviglioso, come girare fra i vicoli dell’Alfama o visitare il Monastero dos Jeronimos.

In questo periodo poi si può girare tranquillamente nei dintorni. Andate dunque a Sintra, il pittoresco villaggio con il suo colorato Palazzo, a pochi chilometri da Lisbona oppure andate a Cabo da Roca, il punto più a ovest d’Europa.

andare in portogallo
Il Palazzo De La Pena a Sintra

Altra destinazione in Portogallo è Oporto. Questa città vi conquisterà e in questo periodo potrete ancora attardarvi a bere all’aperto nei bar del quartiere di Ribeira. Poi qui potrete andare in giro fra i vigneti della zona e gustare le prime bottiglie della vendemmia dell’anno.

In estate tutti si affollano sulle spiagge dell’Algarve, ad ottobre invece ci sono solo gli appassionati di surf e qualche fortunato turista. Fare il bagno è poco indicato visto che le temperatura dell’acqua è piuttosto fredda, ma in spiaggia si può stare, oltre che si possono visitare i tanti paesini e le meraviglie naturali della regione, poi Capo de St Vincent con il suo imponente panorama o magari fare una gita in barca al Parco de Ria Formosa a Faro.

portogallo
Una delle meravigliose spiagge dell’Algarve

Le regole di accesso per andare in Portogallo

Per andare in Portogallo è necessario avere il Green Pass che certifichi l’avvenuta certificazione o la guarigione dal Covid. Se non si è vaccinati invece bisognerà fare un tampone prima della partenza e uno all’arrivo in Portogallo, entro le 48 ore.

Tutti i viaggiatori devono compilare il PLF, ovvero il documento da compilare online con i propri contatti e indirizzi di riferimento in Portogallo. Il PLF va compilato online prima della partenza e va mostrato al personale della compagnia aerea alla partenza e alle autorità portoghesi all’arrivo.

Il Portogallo che riapre tutto con un ritorno quasi alla normalità è un ottimo motivo per andare a visitare questo splendido Paese.

Previous articleFoliage in Abruzzo: i luoghi dove ammirare le foglie d’autunno
Next articleBerlino, i maestosi palazzi e i giardini riaprono al pubblico
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.