I 10 luoghi da vedere nel Lazio: dove andare

I 10 luoghi da vedere nel Lazio: dove andare. Le bellezze della regione.

10 luoghi lazio
I 10 luoghi da vedere nel Lazio: dove andare (Torre Paola a Sabaudia, Circeo. Adobe Stock)

L’Italia è una continua meraviglia, tutta da scoprire, e ogni regione ha le sue caratteristiche uniche e particolari. Qui vogliamo segnalarvi i 10 luoghi bellissimi e imperdibili del Lazio, alcuni molto famosi.

Naturalmente, non ci sono solo Roma e i suoi dintorni, il Lazio offre davvero moltissimo, tra mare, isole, laghi incantevoli, campagne pittoresche, stazioni termali, città e borghi ricchi d’arte. E poi santuari, conventi, monasteri e montagne. Una regione ricchissima e tutta da scoprire.

Leggi anche –> I 10 luoghi bellissimi da vedere nelle Marche

Anguillara Sabazia, Lago di Bracciano, Lazio (iStoakc)

I 10 luoghi da vedere nel Lazio: dove andare

Dalla Città Eterna alle bellezze di Viterbo, dai laghi ai parchi marini e alle isole, vi proponiamo i 10 luoghi bellissimi e imperdibili della regione Lazio. Una selezione che per forza di cose è limitata ma che rappresenta la base fondamentale per chi vuole conoscere meglio questa bellissima regione.

Ecco quali sono i posti che dovete assolutamente vedere quando visitate il Lazio.

Lago di Bracciano

Castello Orsini-Odescalchi a Bracciano (Rabe, CC BY-SA 3.0, Wikipedia)

Uno dei posti più incantevoli del Lazio è il pittoresco Lago di Bracciano. Qui si staglia l’imponente Castello Orsini-Odescalchi, conosciuto anche semplicemente con il nome di Castello di Bracciano. Si tratta di una fortificazione a forma pentagonale con cinque torri, realizzata alla fine del XV secolo. Dal castello si ammira una vista spettacolare sul lago. L’edificio è usato per cerimonie e banchetti di nozze e anche come set cinematografico. Qui sono state girate anche alcune scene della serie tv sui Medici. Il castello sorge a ridosso del borgo di Bracciano, con una meravigliosa vista su lago e sulla campagna circostante. Da vedere anche gli altri borghi di Anguillara Sabazia e Trevignano Romano.

Parco del Circeo

Sabaudia e Parco del Circeo, Lazio (iStock)

Il Parco Nazionale del Circeo è una delle aree naturali più belle non solo del Lazio, ma d’Italia. Il Parco sorge a ridosso della costa sotto Latina e offre paesaggi selvaggi, ricchi di vegetazione mediterranea rigogliosa e un litorale con laghi costieri e grandi spiagge libere, tra le più belle del Lazio. Le località principali comprese nel Parco del Circeo sono Sabaudia, la cui spiaggia lunga e sabbiosa ha un grande lago alle spalle, e San Felice al Circeo, che sorge su un promontorio. Un territorio tutto da scoprire con escursioni

Viterbo

Viterbo (walencienne, iStock)

Viterbo ha un patrimonio architettonico e artistico di grandissimo pregio. Ha conservato parte del centro storico medievale, con scorci caratteristici che sembrano riportare indietro nel tempo. Conosciuta come la Città dei Papi, nel XIII secolo fu sede papale per alcuni decenni e ospitò il conclave. Nel centro cittadino sorge il bellissimo Palazzo dei Papi, con la Loggia affacciata su Piazza San Lorenzo. Da vedere anche le chiese della città e la suggestiva Villa Lante, nella frazione di Bagnaia, famosa per i suoi spettacolari giardini, con statue, fontane e un labirinto di siepi.

Da non perdere i dintorni di Viterbo: le zone termali, le splendide Tarquinia e Civita Castellana. Luoghi dove la natura e l’arte si completano a vicenda creando autentici capolavori.

Leggi anche –> Vacanza gratis nel Lazio per l’estate 2021: come funziona

Civita di Bagnoregio

Civita di Bagnoregio (Thinkstock)

Sempre nel viterbese, un luogo che merita una trattazione a parte è l’incredibile Civita di Bagnoregio. Borgo che sorge su un colle di tufo, nella valle dei calanchi. Chiamata, purtroppo, la Città che muore, a causa del terreno estremamente fragile sul quale poggia, che si sta sgretolando, Civita è una frazione del comune di Bagnoregio e nel tempo è stata progressivamente abbandonata dai suoi abitanti.

Il borgo sorge su un luogo impervio, la vecchia strada che saliva fino al paese da decenni non c’è più, e il centro abitato è collegato a valle da una passerella, un ponte pedonale in cemento armato costruito nel 1965. Eppure si tratta di un luogo unico al mondo, di straordinaria bellezza per il nucleo medievale di cassette in pietra e il paesaggio che lo circonda. Una meraviglia da visitare al più presto, prima che scompaia.

Lago di Bolsena

Capodimonte, Bolsena (iStock)

Il Lago di Bolsena è l’altro lago importante del Lazio. Anche qui troviamo un panorama splendido, di piccoli borghi arrampicati sulle colline che si affacciano sul lago. Bolsena è l’antica città romana di Volsinii che dà nome al lago di origine vulcanica. Siamo sempre in provincia di Viterbo e anche questo luogo ha un ricco patrimonio religioso di chiese e santuari. Il panorama sul Lago di Bolsena spazia fino al vicino Monte Amiata. Da visitare anche il borgo di Capodimonte che si sorge su un promontorio roccioso nella parte meridionale del lago. Vicino al Lago, nella zona nord, si trova il caratteristico borgo di Grotte di Castro, arrampicato sui Monti Volsini e con una ricchissima storia.

Rieti

Rieti (Alessandro Antonelli, CC BY 3.0, Wikipedia)

La città di Rieti e il territorio circostante sono tutti da scoprire. Racchiusa tra i Monti Reatini e Sabini, la città sorge su un’altura della Piana Reatina e ha un ricco patrimonio architettonico. Ricordiamo il Ponte Romano sul fiume Velino, le mura medievali, le chiese e i palazzi rinascimentali e barocchi. Da non perdere il territorio circostante e con borghi, i santuari e le abbazie. Da vedere tra questi, il santuario di Greccio, dove San Francesco allestì il primo presepe della storia, che fa parte dei quattro santuari francescani del Cammino di San Francesco nella Valle Santa reatina, insieme al santuario della Foresta, e al santuario di Fonte Colombo e al santuario di Poggio Bustone (convento di San Giacomo). Da visitare anche l’Abbazia di Farfa, dove si fermò Carlo Magno, il territorio della Sabina, con i suoi borghi, uliveti e colline.

Isole Pontine

Ponza (iStock)

Il Lazio ha anche delle stupende isolette come Ponza e Ventotene, nell’arcipelago delle Isole Pontine o Ponziane. Tra queste segnaliamo anche Santo Stefano, Palmarola, Zannone e Gavi. Solo Ponza e Ventotene, le principali, sono abitate, le altre sono per lo più scogli rocciosi ricoperti di erba, dove si aprono grotte. Palmarola è abitata d’estate. Santo Stefano ospita un carcere abbandonato. Ventotene e Ponza sono località balneari e si caratterizzano, soprattutto Ponza, per il bel borgo marinaro. L’isola di Ponza ha un paesaggio magnifico, con una costa frastagliata dove si aprono calette per lo più rocciose. Il borgo marinaro con il porticciolo di barche di pescatori è una meraviglia per gli occhi. Sull’isola si possono fare escursioni e visitare il fortino di Frontone.

Leggi anche –> Bandiere Blu 2021 Lazio: tutte le spiagge premiate

Subiaco

Subiaco. Monastero di San Benedetto (pietro scerrato, CC BY 3.0, Wikicommons)

Ai piedi dei Monti Simbruini sorge la cittadina di Subiaco, che ha appena ricevuto la Bandiera Arancione del Touring Club. Il territorio comunale si sviluppa sia in pianura che in montagna, dominato dalla Rocca Abbaziale, conosciuta anche come Rocca dei Borgia, costruita alla fine dell’anno mille a difesa della città dei santuari che ospita, come i vicini monasteri di Santa Scolastica e San Benedetto, autentici capolavori architettonici. Nel grande complesso religioso di Santa Scolastica si trovano la cattedrale omonima e l’abbazia territoriale di Subiaco. Sui vicini Monti Sumbruini è situata la stazione sciistica del Monte Livata. Ai margini di Subiaco sorge il Parco Naturale Regionale Monti Simbruini.

Tivoli

Tivola_Villa D'Este
Villa d’Este, Tivoli, Italy (iStock)

Appena fuori Roma sorge la bella cittadina di Tivoli, famosa per le splendide ville che sorgono nel suo territorio. Le più famose Villa Adriana e Villa D’Este. La prima è l’antica e grandiosa dimora dell’imperatore Adriano, un sito archeologico molto vasto che ha conservato parte della sua struttura, le statue del giardino, i teatri, le terme. La seconda è la villa cinquecentesca famosa per le fontane e i giochi d’acqua del suo sontuoso giardino all’italiana. Entrambe sono Patrimonio dell’Umanità Unesco. Merita anche il centro di Tivoli, che ospita molte chiese ed altri edifici religiosi.

Roma

Roma
Roma, Fontana di Trevi (Thinkstock)

Infine, tra le località del Lazio da visitare non si può non citare Roma, anche se meriterebbe una considerazione a parte. Nella Città dei Cesari e dei Papi ci sono tanti di quei monumenti e che ci vuole una vita per vederli tutti. Dal Colosseo, ai Fori Imperiali, al Circo Massimo, alle Terme di Caracalla, al Palatino, al Quirinale, passando per la Fontana di Trevi, Piazza Navona, Piazza di Spagna e Piazza del Popolo, Villa Borghese, Trastevere, l’isola Tiberina. E poi San Pietro, Castel Sant’Angelo e le altre basiliche romane. Senza contare i musei. Qui però vogliamo ricordarvi anche i dintorni: i Castelli romani e la loro stupenda campagna, Ostia e la sua città antica, una delle aree archeologiche più grandi del mondo. Insomma, qualunque sia il motivo di un viaggio a Roma, non ci sono scuse per non visitare almeno uno di questi tesori.

Leggi anche –> Visitare i Castelli Romani in treno: cosa vedere con il trenino dei Castelli

Lazio: Ostia Antica. VIDEO