Gargano come Maiorca? Contagi tra studenti dopo maxi vacanza in campeggio

Gargano come Maiorca? Contagi tra studenti dopo vacanza in campeggio. Cosa è successo.

gargano contagi studenti
Gargano come Maiorca? Contagi tra studenti dopo maxi vacanza in campeggio (Festa in spiaggia. Immagine di repertorio di Jason Blackeye su Unsplash)

Il Gargano rischia di trasformarsi in una seconda Maiorca a seguito dei casi positivi di Coronavirus individuati tra studenti di 16-19 anni che avevano partecipato ad una vacanza in campeggio per 400 ragazzi nella zona di Manfredonia.

Dopo la vacanza, al ritorno nelle loro regioni di residenza, sono stati riscontrati casi di positività al virus tra ragazzi della Lombardia e della Campania. Il caso, che è stato segnalato al Ministero della Salute, rischia di trasformarsi in un grosso focolaio, appunto come quello accaduto sull’isola di Maiorca, anche lì dopo una vacanza tra studenti per festeggiare la fine dell’anno scolastico. Ecco cosa bisogna sapere.

Leggi anche –> Variante Delta: quanto è diffusa in Italia, report ISS

Gargano come Maiorca? Contagi tra studenti dopo maxi vacanza in campeggio

Un focolaio di Coronavirus è stato scoperto tra studenti che avevano partecipato a un viaggio organizzato da Scuolazoo al villaggio African Beach di Ippocampo, vicino a Manfredonia, sul Gargano. Lo riporta Repubblica nell’edizione di Bari.

I ragazzi, studenti tra i 16 e i 19 anni, avevano partecipato al campeggio per festeggiare la fine della scuola. Un periodo di vacanza all’insegna della spensieratezza, meritato dopo un anno difficile, tra chiusure in casa e lezioni a distanza a causa della pandemia. Purtroppo, sembra che durante il soggiorno in campeggio non siano state rispettate quelle regole di base che ancora sono indispensabili per evitare i contagi: mascherine e distanziamento fisico con gli sconosciuti. Soprattutto tra ragazzi giovani che non sono ancora vaccinati o non completamente vaccinati. Regole sicuramente difficili da rispettare in clima di festa tra ragazzi molto giovani. Basta poco, però, per scatenare un focolaio. Ed è quello che accaduto in questo caso.

Leggi anche –> La variante Delta si diffonde nel mondo: i Paesi dove è stata trovata

Alla vacanza sul Gargano hanno partecipato centinaia di ragazzi e la mancata osservanza delle regole di prevenzione ha provocato al momento 14 casi di positività tra i partecipanti, scoperti quando i giovani sono rientrati a casa. Il numero dei contagiati, tuttavia, potrebbe essere molto più alto. Molti ragazzi potrebbero essere asintomatici ed essere ignari della loro positività.

I casi di Covid-19 sono stati individuati in Lombardia e Campania. I giovani trovati positivi sono 7 a Brescia e 8 in provincia di Avellino. I ragazzi di Avellino erano andati in vacanza con una comitiva di 24 giovani nel complesso, di cui 17 sono stati posti in quarantena. In isolamento sono anche le famiglie dei ragazzi contagiati. In tutto sono 40 persone in isolamento fiduciario in tutta Italia come conseguenza del focolaio del Gargano.

Altro focolaio nelle Marche

A inizio luglio un altro focolaio si era verificato nelle Marche a seguito di una festa affollata in un locale di San Benedetto. Circa 46 giovani, tra i 15 e i 24 anni, erano stati trovati positivi al Coronavirus, con il rischio di far volare in alto l’incidenza dei casi in regione.

Leggi anche –> Tokyo in stato di emergenza per Covid, Olimpiadi senza pubblico

covid focolaio variante delta
Covid non dà tregua: focolaio di variante Delta (immagine di repertorio di Emanuele Cremaschi/Getty Images)