Musei e monumenti aperti in zona gialla: gli aggiornamenti

Musei e monumenti aperti in zona gialla: gli aggiornamenti dopo gli ultimi cambi di colore delle Regioni.

musei monumenti zona gialla
Castel del Monte (Adobe Stock)

Con le Regioni che cambiano colore e passano da zona gialla ad arancione e viceversa cambiano anche le aperture dei musei. L’ultimo DPCM del governo Conte aveva concesso la riapertura di musei, monumenti e aree archeologiche nelle Regioni gialle, quelle con il più basso indice di rischio contagio. Riaperture consentite solo nei giorni feriali, dal lunedì al venerdì, esclusi i festivi e i weekend, e con l’osservanza di tutte le regole di prevenzione anti-Covid applicate finora: distanziamento, mascherine e ingressi contingentati.

Un piccolo segnale di fiducia per un graduale ritorno alla normalità all’insegna della cultura e della bellezza.

Inizialmente, le prime Regioni gialle che nella seconda metà di gennaio hanno potuto riaprire i musei erano ancora poche: Basilicata, Campania, Molise, Sardegna, Toscana e Provincia autonoma di Trento. Alcune di queste avevano lanciato iniziative promozionali con ingressi gratuiti, come la Campania. Altre avevano programmato una riapertura graduale ma con grandi annunci. Una vera e propria festa.

Nelle settimane successive, le Regioni gialle sono aumentate, fino a comprendere quasi tutta Italia, salvo poche eccezioni. Questa situazione ha reso possibile ulteriori riaperture sul territorio nazionale. Purtroppo, però, è durata poco. Un nuovo aumento dell’incidenza dei contagi ha fatto tornare in arancione alcune Regioni, anche quelle che avevano riaperto i musei per prime a gennaio, come la Campania, la Toscana e la Provincia autonoma di Trento. Costrette a chiudere di nuovo. Nelle altre Regioni gialle, invece, rimane tutto com’era. Di seguito trovate l’elenco delle aperture aggiornato dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali.

Leggi anche –> I Musei Vaticani riaprono lunedì 1° febbraio

Musei e monumenti aperti in zona gialla

Cambiano le chiusure dei musei con il passaggio dal giallo all’arancione, domenica 21 febbraio, delle Regioni Campania, Emilia Romagna e Molise, secondo l’ultima ordinanza del ministro della Salute. Mentre erano già arancioni dalla settimana scorsa: Abruzzo, Liguria, Toscana e Provincia autonoma di Trento. Nel frattempo erano diventate gialle Puglia e Sicilia, potendo riaprire i loro musei.

Secondo l’ultimo elenco aggiornato, dunque, le Regioni gialle con i musei aperti dal lunedì al venerdì sono: Valle d’Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Friuli Venezia Giulia, Marche, Lazio, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia e Sardegna. Dunque 12 Regioni che erano già in zona gialla e ci rimangono, salvo nuovi cambiamenti, e dove lunedì prossimo si potrà tornare nei musei (perché in questo weekend come da regolamento restano chiusi).

La mappa aggiornata delle Regioni gialle e arancioni dal sito web del Mibact

Anche se in zona gialla, non tutti i musei, i monumenti e le aree archeologiche potrebbero essere aperti o aver già riaperto. In alcune Regioni, infatti, si stanno riorganizzando le strutture per riaprile in sicurezza, nel rispetto di tutte le norme igienico-sanitarie.

Per conoscere quali luoghi della cultura hanno riaperto o stanno per riaprire, trovate l’elenco aggiornato sul sito web del MiBACT. Qui trovate le date di apertura di tutti i musei, monumenti, centri culturali e aree archeologiche statali. Per ulteriori approfondimenti, invece, sui luoghi della cultura di competenza regionale o comunale, dovrete controllare sui siti ufficiali della vostra Regione o del vostro Comune.

Riapre Castel del Monte

Infine, tra i monumenti statali più importanti d’Italia, tanto da essere raffigurato sulla moneta da 1 centesimo di euro, segnaliamo la riapertura lunedì 22 febbraio di Castel del Monte, in Puglia, nella zona di Andria. Fatto costruire dall’imperatore Federico II di Svevia, Castel del Monte è una fortezza dalla singolare pianta ottagonale. L’edificio è stato completato solo dopo la morte dell’imperatore, nel 1250, e mescola stili diversi, nordeuropei e islamici. Sorge su una collina dell’Altopiano delle Murge, nell’omonima frazione di Castel del Monte del comune di Andria. Dal 1996 Castel del Monte è Patrimonio Unesco.

Il monumento sarà visitabile dal lunedì al venerdì, dalle 9.00 alle 18.00. Informazioni su: www.beniculturali.it/evento/riapertura-castel-del-monte

Leggi anche –> Il Duomo di Milano riapre alle visite al pubblico

Castel del Monte, Puglia castelli belli Italia Natale
Castel del Monte, Puglia