Spaccio di droga, cocaina tra le banane: la spiegazione del negoziante

Scoperto un ingente carico di cocaina purissima tra le banane di un esercizio commerciale, l’insolito spaccio di droga e la giustificazione.

spaccio di droga banane
Storia di spaccio di droga e banane Foto dal web

L’ultima frontiera dello spaccio di droga? Nascondere le sostanze stupefacenti tra le banane. Proprio questo è quanto fatto da alcuni ingegnosi trafficanti, che hanno utilizzato il frutto giallo per antonomasia per cercare di condurre di nascosto i propri loschi affari. La vicenda giunge dal Canada, e più precisamente dalla località di Kelowna, nella provincia della Columbia Britannica.

Leggi anche –> Bambino prende droga, papà lascia cocaina sul divano poi il dramma

Ma sembra che il tutto non sia avvenuto in maniera deliberata. Gli investigatori sono infatti portati a credere che il carico scottante costituito da 21 pacchetti contenenti cocaina purissima siano finiti per puro caso all’interno di un normale negozio di alimentari. Il proprietario dell’esercizio, che da anni conduceva il proprio business del tutto legale, ha compiuto una scoperta sconcertante che riguarda suo malgrado lo spaccio di droga.

Leggi anche –> Subisce stupro due volte, 22enne violentata mentre acquista droga

Spaccio di droga, l’incredibile equivoco che ha coinvolto il negoziante

Nella normale consegna di fornitura di banane si trovavano i pacchetti contenenti in tutto ben 800mila dosi di polvere bianca. Lui stesso ha avvertito quindi con solerzia le autorità del luogo. Stando agli indizi raccolti dalle forze dell’ordine, la droga avrebbe dovuto avere un’altra meta e sarebbe invece finita lì a seguito di un mancato ritiro.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Traffico di droga, diplomatico arrestato: usava auto dell’ambasciata

Forse perché le trattative per la cessione degli stupefacenti si erano concluse in maniera negativa, oppure per qualche altro motivo. Fatto sta che poi la cocaina è finita dove mai nessuno avrebbe immaginato di trovarla. I fatti risalgono al febbraio del 2019 ma sono emersi soltanto ora alla ribalta delle cronache.