Beni culturali: riaperture di siti archeologici, chiese e musei

Beni culturali: le ultime riaperture di siti archeologici, chiese e musei. Cosa bisogna sapere.

beni culturali riaperture
Teatro Italico, sannita, di Pietrabbondante (Foto di Torquatus, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons)

Proseguono le riaperture al pubblico di monumenti e beni culturali, dopo le chiusure dei mesi scorsi a causa del lockdown. Con la riorganizzazione delle visite e degli spazi pubblici, per garantire le condizioni di sicurezza necessarie a prevenire i rischi di contagio del nuovo coronavirus, sempre più luoghi del nostro patrimonio storico e culturale tornano di nuovo visitabili.

La riapertura ufficiale di musei, monumenti, aree archeologiche e altri luoghi della cultura in Italia era stata fissata lo scorso 18 maggio, come previsto dal DPCM del 17 maggio 2020, nell’ulteriore step dalla fase 2 avviata a inizio maggio quando finalmente siamo tornati a uscire di casa liberamente. Non tutti i musei, però, hanno riaperto subito a causa delle esigenze di riadattare gli ambienti e riorganizzare percorsi di visita nel rispetto delle nuove norme di sicurezza sanitaria. Le riaperture di numerosi luoghi, così, sono state graduali, tra giugno e luglio.

Qui vi segnaliamo le ultime, quelle intorno alla seconda metà di luglio, che riguardano importanti beni culturali del nostro territorio. Occasione di visita e idea di viaggio per il prossimo weekend e per l’estate.

Leggi anche –> Musei, monumenti e parchi archeologici per il weekend in Italia

beni culturali riaperture
Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, interno (Foto di Sailko, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons)

Beni culturali: le ultime riaperture al pubblico

Il MiBACT, Ministero per i Beni Attività Culturali e Turismo, ha annunciato nuove riaperture di beni culturali in Italia, tra siti archeologici, chiese, musei e altri monumenti. Si tratta di quei luoghi storici e culturali che dovevano ancora riaprire alle visite del pubblico dopo i lunghi mesi di quarantena per l’emergenza sanitaria del Covid-19. Ora, il sito web del MiBACT, costantemente aggiornato, ha annunciato la loro riapertura.

Sulla base delle disposizioni previste dal DPCM del 17 maggio 2020, elenchiamo di seguito le ultime riaperture di musei, parchi archeologici, archivi e biblioteche statali.

Leggi anche –> Mosaici di Ravenna di notte, visite guidate per l’estate

Riaperture di martedì 14 luglio:

  • Museo delle Navi Romane a Nemi (RM),
  • Museo Archeologico Nazionale di Ferrara,
  • Museo Nazionale di Castello Pandone a Venafro (IS),
  • Castello di Capua a Gambatesa (CB),
  • Museo della città e del territorio di Sepino (CB).

Leggi anche –> Il Duomo di Siena riapre alle visite, con un’offerta speciale

Fortezza di Santa Barbara di Pistoia (Foto di Tommaso Fedeli, CC BY-SA 3.0, Wikimedia Commons)

Riaperture di mercoledì 15 luglio:

  • Santuario italico di Pietrabbondante (IS),
  • Fortezza di Santa Barbara a Pistoia
  • Oratorio di San Desiderio a Pistoia
  • Ex Chiesa del Tau a Pistoia,
  • Archivio di Stato di Pistoia,
  • Museo nazionale della Certosa monumentale di Calci (PI).

Riaperture di giovedì 16 luglio:

  • Galleria “Giorgio Franchetti” alla Ca’ d’Oro di Venezia.

Nei giorni scorsi, segnala sempre il sito del MiBACT è tornata accessibile al pubblico la Cappella dell’Annunziata a Cori, in provincia di Latina.

Tanti luoghi bellissimi, testimonianza della nostra storia, arte, cultura e antiche tradizioni. Per un viaggio alla riscoperta delle origini dell’Italia e della sua storia straordinaria.

Orari e modalità di apertura sono verificabili sui siti internet dei singoli istituti culturali, mentre al link http://www.beniculturali.it/luoghiaperti è possibile ricercare i luoghi della cultura finora tornati accessibili al pubblico.

Leggi anche –> La Reggia di Caserta lancia un abbonamento low cost

beni culturali riaperture
Ca’ D’Oro a Venezia (Foto di Zairon, CC BY-SA 4.0, Wikimedia Commons)