Pietro Genovese, chi è il figlio del regista Paolo che ha ucciso le due 16enni di Roma

Pietro Genovese, chi è il figlio del regista Paolo che ha ucciso le due 16enni di Roma. Il giovane 20enne ha falciato sulla strada Gaia e Camilla mettendo fine alla loro vita. Dalle indagini emerge che il ragazzo fosse positivo ad alcol e droga.

Pietro Genovese

E’ nato 20 anni fa Pietro Genovese ed è il figlio del noto regista Paolo. Da oggi la sua vita è certamente molto cambiata poiché il giovane è ora indagato per omicidio stradale, dopo aver investito e ucciso questa notte due giovani 16enni, Gaia e Camilla.

Leggi anche –> Pietro Genovese, il 20enne che ha ucciso due ragazze in auto positivo al test di alcol e droga

Leggi anche –> Paolo Genovese distrutto, il figlio del regista ha investito e ucciso le due 16enni

Pietro Genovese, chi è il figlio del regista Paolo che ha travolto e ucciso le due 16enni a Roma

Pietro Genovese ha solo 20 anni e si è diplomato al liceo classico alcuni anni fa, precisamente al liceo Mameli di Roma. Il 20enne è anche uno sportivo, il giovane infatti gioca a rugby. Tra le sue passioni c’è inoltre ciò che lo accomuna con il padre, ovvero il cinema. Pietro è inoltre affetto dal morbo di Crohn, una malattia infiammatoria cronica dell’apparato digerente. Il padre aveva girato uno spot tempo fa proprio per sensibilizzare l’opinione pubblica su questa patologia.

Questa notte Pietro era alla guida di un suv quando ha investito a Roma le due giovani di 16 anni che attraversavano la strada all’incrocio tra via Flaminia Vecchia e una rampa di accesso all’Olimpica in zona corso Francia.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Pietro si è fermato subito a soccorrere le sue ragazze ma per Gaia e Camilla non c’è stato più nulla da fare. Resta ancora al vaglio degli inquirenti l’esatta dinamica dell’incidente che potrebbe essersi verificato in un momento in cui su Roma si stava abbattendo un forte temporale. Possibile potrebbe essere stato allora uno sbandamento dell’auto a causa del’acqua o la difficoltà per le due giovani di vedere l’auto che procedeva verso di loro. Oggetto di analisi è anche in queste ore il telefonino del giovane per comprendere se fosse stato oggetto di distrazione per lui in quei tragici momenti.
Pietro Genovese