Coppia scomparsa, “Sebastiani ossessionato da Elisa, progettava un bunker nei boschi”

coppia scomparsa Piacenza
È mistero sulla coppia scomparsa a Piacenza, le autorità cercano lui – FOTO: Twitter

Proseguono le ricerche di Massimo Sebastiani e di Elisa Pomarelli, la coppia scomparsa da quasi due settimane nel Piacentino. Ed emergono nuovi elementi.

Ancora nessuna traccia della coppia scomparsa in provincia di Piacenza. E che in realtà coppia non era. Di Massimo Sebastiani, e soprattutto di Elisa Pomarelli, non si sa più niente dallo scorso 25 agosto. Ovvero da quando i due sono stati a cena in un locale insieme per poi far perdere le loro tracce. Lui però è stato visto dapprima fare benzina con la sua auto, ma senza Elisa, come riportato dalle immagini estrapolate dalle telecamere del circuito chiuso di sicurezza del distributore, e poi c’è chi racconta di averlo individuato mentre si incamminava a notte inoltrata con uno zaino in spalla. Gli investigatori ritengono che possa essersi dato alla macchia nei boschi circostanti, che ricoprono una vasta area. In essa sono presenti anche diversi bacini artificiali ed il timore è che Sebastiani, 45 anni, possa avere ucciso la 28enne Pomarelli – che non ricambiava le sue avances stando al racconto di un loro amico comune – per poi gettarne il corpo in qualche specchio d’acqua.

LEGGI ANCHE –> Isabella Noventa, in vendita sottoprezzo la lussuosa villa di Freddy Sorgato – FOTO

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Coppia scomparsa, la sorella di Elisa non crede all’ipotesi uccisione

Questo conoscente è stato raggiunto da Radio Sound e la cosa è stata raccontata anche dal quotidiano ‘Il Messaggero’. “Massimo era ossessionato da lei, la quale però non voleva sentire ragioni e si limitava ad essere sua amica. “Una amicizia che sembrava anche bella ed equilibrata. Passavano molto tempo insieme, lui la portava sul suo trattore e sperava sempre che Elisa potesse cedere. Ma in tre anni di conoscenza nulla è mai cambiato. Ed ora penso a lui come in preda ad un raptus, potrebbe avere agito senza ragionare e capire quanto di grave compiuto. Eppure mai ha dato segnali di squilibrio”. Francesca, la sorella minore di Elisa, sapeva altrettanto bene di come Sebastiani fosse innamorato di Elisa. “Ma non gli farebbe mai del male, tiene troppo a lei. Non penso che possa averla ammazzata. Magari la tiene imbavagliata da qualche parte”, ha detto la giovane a SkyTg24.

LEGGI ANCHE –> Marito accoltella moglie: “Chiudi gli occhi, ho una sorpresa” dopo un rapporto

“Voleva costruirsi un bunker nei boschi”

Intanto gli investigatori hanno perlustrato la sua casa di Campogrande di Carpaneto, ma senza trovare indizi rilevanti. I Ris di Parma hanno invece trovato tracce di Elisa Pomarelli sull’auto dell’uomo, poi sequestrata al pari dell’abitazione. Intanto presso Veleia è stato individuato un possibile giaciglio del quale l’uomo si sarebbe servito per trascorrere la notte. Ed i cani molecolari hanno trovato anche un laccio utilizzato per la caccia di frode, a poca distanza. Le ricerche in zona sono riprese dopo due giorni di sospensione dovuti all’eventualità che Sebastiani possa essere armato ed anche pericoloso, vista la possibilità che possa sentirsi braccato. Alla battuta di ricerca partecipano membri volontari di Protezione civile, Soccorso alpino, Vigili del Fuoco, Croce Rossa, Anpas e Federcaccia, oltre che naturalmente le forze dell’ordine. Gli amici dell’uomo, che lavora come operaio, fanno sapere che lui conosce a menadito quei boschi e che aveva intenzione di costruirsi un bunker.