CONDIVIDI
Leonardo Bonucci
(Claudio Villa/Getty Images)

Leonardo Bonucci verso il clamoroso addio al Milan, preoccupato da futuro società: ecco dove andrà il prossimo anno, PSG o Manchester United.

Esordio positivo ieri per il Milan, che nella prima uscita del precampionato ha battuto due a zero il Novara. Dopo la riammissione in Europa League, per i rossoneri era un test importante ed era presente in campo Leo Bonucci, nonostante le continue e insistenti voci di mercato che lo voglio lontano da Milanello e dall’Italia.

Dove eravamo rimasti? Leggi –> Bonucci e il Milan, c’è aria di crisi: il difensore non è incedibile

Bonucci verso l’addio al Milan: cosa sta accadendo

Il capitano del Milan sarebbe pronto al divorzio ad appena un anno dall’arrivo nella squadra, anche se le dichiarazioni di ieri sulla sentenza del Tas sembrano dire qualcos’altro: “Riconquistato ciò che avevamo raggiunto sul campo”, ha affermato infatti Bonucci, lasciando intravedere la volontà di restare al suo posto.

Di tutt’altro tenore invece sono state le parole di Rino Gattuso, allenatore dei rossoneri: “Bisogna rispettare le sue scelte. Lui vuole vincere, come noi del resto, ma bisogna ascoltare la volontà dei calciatori”. Il calciomercato intanto va avanti e a quanto si apprende Bonucci avrebbe già trovato la destinazione per il prossimo anno: l’agente del difensore rossonero Alessandro Lucci avrebbe avviato da qualche giorno i contatti con il ds del PSG Henrique Antero. Lo scrive ‘La Gazzetta dello Sport’.

Perché Bonucci vuole lasciare il Milan?

La base d’asta per avviare la trattativa col calciatore è di 40 milioni di euro. Da quella cifra in su pare che se ne possa discutere. Se dovesse accettare, si troverebbe di nuovo al fianco di Gigi Buffon, neo acquisto del PSG. Dietro al difensore rossonero ci sarebbe anche il Manchester United. Voci da fantamercato, certo.

Ma dopo le parole di Rino Gattuso in molti iniziano a pensare davvero a una partenza di Bonucci, dopo appena un anno. Il motivo sarebbe anche legato alle vicissitudini societarie del club, per cui è probabile che a un nuovo assetto più stabile del Milan corrispondano intenzioni diverse da parte del calciatore.