CONDIVIDI
aquarius
(Facebook)

Aquarius: parla il falso nostromo pentito ma il suo video fake diventa virale con oltre due milioni di visualizzazioni e 100mila condivisioni.

Fa ancora discutere il caso della Nave Aquarius, mentre oggi il ministro Matteo Salvini annuncia una nuova chiusura dei porti italiani ad altre navi di ong. In questi giorni, quello che è accaduto ha dato adito a non poche polemiche, con una larga fetta dell’opinione pubblica che ha difeso le posizioni del governo Conte sull’immigrazione. Nel frattempo, sul web non mancano i mitomani che speculano su quanto sta avvenendo.

Leggi anche –> Aquarius, il sindaco di Livorno, Nogarin: “Apriamo il porto”

Il video del falso nostromo dell’Aquarius

Nelle scorse ore, è infatti apparso su Facebook un video pubblicato sulla pagina di tal Gian Marco Saolini. Si tratta di un personaggio non nuovo alla creazione di video fake: in una clip si fingeva ad esempio un capo ultrà della Juventus, in un’altra era un medico che chiedeva scusa. Stavolta ha tirato dal cilindro il personaggio di ‘Giovanni Titori’, un membro ‘pentito’ dell’equipaggio dell’Aquarius.

“Facevo parte fino a ieri dell’equipaggio dell’Aquarius”, racconta il giovane, che prosegue: “Sono stato fatto secco, eliminato e licenziato anche a malo modo semplicemente perché volevo parlare e dire la verità agli italiani, cosa che non potevo fare mentre ero a bordo. Ora che sono stato buttato fuori non mi interessa delle conseguenze di quello che dirò”. Il sedicente nostromo parla di gente felice sulla nave, con una sala ricreativa adibita ai migranti.

Leggi anche –> Salvini chiude i porti alla nave dei migranti, l’attacco di Laura Boldrini

Le reazioni al video del falso nostromo dell’Aquarius

Il video pubblicato è diventato virale, con oltre due milioni di visualizzazioni in meno di un giorno e ben 100mila condivisioni. Quello che stupisce è che – sebbene il video sia realizzato in maniera grossolana – in molti credono alle parole del sedicente nostromo. Appaiono infatti sulla bacheca commenti di questo tenore: “Ora perché ti hanno buttato fuori parli.. prima le palle dove stavano??? Di pancia e rabbia siamo tutti capaci prima che screditavano il nostro paese tu dove stavi?? A prendere lo stipendio?? Ora non ti lamentare .. Grazie della denuncia ma dopo licenziati siamo tutti bravi a parlare male”.

Oppure: “Bravo ragazzo ma ormai lo abbiamo capito tutti.che quelli non sono naufraghi. Tutto un business. Gli italiani (non tutti) sono campioni del mondo nel speculare sulle disgrazie della gente, vedi i terremoti che abbiamo avuto”.

Leggi anche –> Casale: “Mettete i figli di Salvini sull’Aquarius”, lui risponde: “Si vergogni”