CONDIVIDI
Francavilla, funerali di Marina e Ludovica: le due famiglie insieme nel dolore
(Websource/Archivio)

Francavilla: si sono tenuti oggi i funerali di Marina e Ludovica le due vittime dell’improvvisa follia di Fausto Filippone. Le due famiglie si sono strette oggi in un abbraccio consolatorio.

La chiesa in cui si sono tenuti i funerali di Marina Angrilli e Ludovica Filippone era gremita di parenti, amici, conoscenti e cittadini colpiti dalla tragedia di domenica scorsa a Chieti. La funzione è stata celebrata dal Arcivescovo della diocesi di Pescara-Penne monsignor Tommaso Valentinetti e vi ha partecipato tutta l’amministrazione comunale compreso il sindaco della città abruzzese Marco Alessandrini. Sebbene Francesco Angrilli (fratello della professoressa) avesse evitato di diffondere i dettagli per evitare che ci fosse troppa folla la vicenda ha avuto un risalto mediatico troppo forte per essere ignorata dalla cittadinanza.

La commozione dei presenti era evidente sia all’ingresso delle due bare, una bianca per la piccola Ludovica e una in legno per la mamma Marina, sia quando monsignor Valentinetti ha pronunciato delle belle parole in ricordo delle vittime: “Marina, insegnante capace e madre conscia delle sue responsabilità che tutte le mattine pregava in questa chiesa, e Ludovica, una bambina attenta, sveglia e intelligente al di sopra della media, sono state rapite dal male, dal nemico che continua a rapire nella morte le nostre vite, ma noi dobbiamo avere il coraggio di puntare il dito contro questo nemico”.

Mai parole furono più azzeccate per descrivere la follia omicida che ha colpito Fausto Filippone (il suo funerale è stato celebrato giovedì in forma privata), che lo ha portato a buttare dal balcone la donna che amava, che lo ha condotto a buttare quella figlia innocente dal viadotto e infine al suo suicidio. Un male che ha messo inginocchio, fatto accomunare nel dolore due famiglie che ancora oggi non trovano una spiegazione

Francavilla, Funerali Marina e Ludovica: l’abbraccio tra le due famiglie

Il momento più toccante della cerimonia è stato rappresentato dall’incontro tra le due famiglie che, unite nel dolore, si sono abbracciate per darsi conforto a vicenda.  Al termine della funzione è stato dato spazio ai bambini che frequentavano la classe di Marina che hanno ricordato con semplici e toccanti parole la propria insegnante, quindi è stato lasciato spazio ai compagni di classe di Ludovica che hanno intonato per l’amica scomparsa ‘Controvento‘ di Arisa, una canzone che la piccola amava e che aveva presentato ad un concorso canoro poco prima della tragedia. Anche in questo caso le parole della canzone risultano particolarmente azzeccate: “Tanto il tempo solo lui lo sa, quando e come finirà, la tua sofferenza e il tuo lamento, c’è quel vuoto che non sai”.