CONDIVIDI
stazione spaziale cinese
(screenshot video)

Stazione Spaziale Cinese verso la Terra: oggi la diretta del passaggio, venerdì la possibilità di vederla dal vivo, cosa accadrà nelle prossime ore.

Preoccupa ancora Tiangong-1, la Stazione Spaziale Cinese in orbita intorno alla Terra, il cui rientro incontrollato sul nostro Pianeta era stato annunciato per i primi mesi dell’anno. La stazione spaziale cinese non risponde più ai comandi a causa di un guasto avvenuto il 21 aprile 2016. Nei giorni scorsi, la Protezione civile italiana ha emesso un avviso su una possibile caduta di pezzi di Tiangong-1 sull’Italia, in una zona che comprende le regioni a sud dell’Emilia Romagna. In un aggiornamento, la Protezione civile spiega ora che “la stima dell’Agenzia spaziale italiana di rientro in atmosfera, soggetta a variazioni in funzione dell’evoluzione del flusso solare e tempeste geomagnetiche, prevede come data nominale il 1° aprile 2018 alle ore 3:00 UTC“. Intanto oggi alle 14 ora italiana sul sito del Virtual Telescope Project, in collaborazione con il Tenagra Observatories in Arizona, verrà mostrato in diretta uno degli ultimi passaggi di Tiangong-1.

Leggi anche –> Notizia shock: “Impatterà sulla Terra nel 2017 è fuori controllo”

Caduta stazione spaziale cinese: immagini radar, dove vederla in Italia

La diretta: come vedere la Stazione Spaziale Cinese

Il passaggio viene trasmesso dalle 14,00 anche sul sito Ansa Scienza e Tecnica, grazie alla diretta streaming con il Virtual Telescope. Ieri, aveva spiegato Gianluca Masi, responsabile del Virtual Telescope Project: “Abbiamo pensato di offrire a tutti l’opportunità di spiare questo singolare oggetto spaziale mentre sfila per una delle ultime volte tra le stelle prima che bruci nella nostra atmosfera. Vedremo un piccolo punto di luce muoversi tra le stelle, nel cielo dell’Arizona: solo qualche pixel, ma dal significato senz’altro speciale”. Insomma, si tratta solo di pochi frame ma che sicuramente attireranno la curiosità di tanti. Invece, per monitorare la situazione in tempo reale, si può consultare il sito web SatView, che dedica una pagina del portale proprio alla stazione spaziale. Sarà invece possibile vedere dal vivo Tiangong-1 venerdì 30 marzo, quando sorvolerà per l’ultima volta l’Italia. Lo spettacolo – secondo Masi – sarà ben visibile al Sud mentre al Centro e al Nord sarà molto più difficile, se non impossibile vederlo.

Per approfondire, leggi anche –> La Stazione Spaziale cinese potrebbe schiantarsi sull’Italia a Pasqua

Stazione spaziale cinese in caduta verso la Terra: dove si trova

Cosa accadrà nelle prossime ore alla Stazione Spaziale Cinese

In questo momento, la Stazione Spaziale Cinese si trova a 200 km dalla superficie terrestre, diretta verso l’America Centrale e dopo aver attraversato l’Atlantico si dirigerà verso il Sud della Spagna. Man mano che perderà energia, scenderà al ritmo di 4 o 5 chilometri al giorno. Questo ritmo sarà sempre più elevato, poi a circa 120 km di altezza inizierà a disintegrarsi. Spiega all’ANSA Luciano Anselmo, dell’Istituto di Scienza e Tecnologie dell’Informazione ‘A. Faedo del Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr): “Considerando che l’orbita percorsa dalla stazione Tiangong 1 non è circolare, possiamo dire che il punto più vicino alla Terra si è abbassato un po’ sotto i 200 chilometri e adesso la stazione spaziale cinese sta scendendo abbastanza in fretta”. Dunque viene confermata la possibilità che il rientro avvenga il giorno di Pasqua, con un margine di errore che va dal 31 marzo al 2 aprile. Per Anselmo, “ci sono ancora numerose variabili da prendere in considerazione” e solo 36 ore prima si potranno fare delle stime più precise. Cosa accadrà, dunque, sembra ancora presto per dirlo, tant’è che solo 4-6 ore prima sapremo esattamente se la fascia che si trova fra 42,8 gradi di latitudine Nord e 42,8 gradi di latitudine Sud e che comprende anche l’Italia, da Firenze in giù sarà esclusa da qualsiasi rischio di impatto.

Per saperne di più –> Stazione Spaziale Cinese Tiangong-1: dove si trova in questo momento

A cura di Gabriele Mastroleo