CONDIVIDI
maltempo sull'italia
Il Castello Sforzesco di Milano sotto la neve, il 1° marzo 2018 (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Maltempo sull’Italia: la neve arriva al Nord, aggiornamento meteo. Milano e Bologna si risvegliano imbiancate. Continuano i disagi nei trasporti.

Ieri i primi fiocchi di neve hanno imbiancato Genova e Venezia, regalando scenari suggestivi, soprattutto sulla città lagunare. Oggi, come annunciato dalle previsioni meteo, la neve è arrivata a Firenze, Bologna e soprattutto Milano. Alla suggestione dei paesaggi innevati si accompagnano, tuttavia, inevitabilmente, i disagi, in particolare nei trasporti. La situazione meteo aggiornata.

Maltempo sull’Italia: la neve arriva al Nord

Oggi, giovedì 1° marzo, inizia la primavera meteorologica, ma le condizioni climatiche sull’Italia sono tutt’altro che primaverili. Il maltempo imperversa con freddo ovunque e nevicate che hanno interessato un po’ tutto il Paese, dal Centro Italia, il più colpito, soprattutto sulle regioni adriatiche, a Roma, Napoli, la Puglia, la Sardegna e ora anche il Nord Italia, finora risparmiato dalla neve, ma non dal freddo gelido.

L’ondata di gelo siberiano portata da Buran ha stravolto le condizioni meteo di tutta Italia, con crollo delle temperature anomalo per il periodo, soprattutto dopo un inverno piuttosto mite. Insomma, dopo un inverno primaverile, la primavera vera tarderà ancora ad arrivare, con un inverno che si è manifestato a fine stagione e ancora durerà fino a metà marzo, anche se non con questo freddo eccezionale.

Oggi giovedì 1° marzo la neve è continuata a cadere al Centro Italia, anche sulla costa adriatica seppure non con l’intensità dei giorni scorsi. Più intense le nevicate nell’entroterra.

Piazza Cordusio di Milano all’alba sotto la neve , 1° marzo 2018 (MIGUEL MEDINA/AFP/Getty Images)

Questa mattina si sono risvegliate sotto la neve Firenze, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Milano, Torino e le pianure settentrionali. Fortunatamente senza troppi disagi, poiché la neve era stata prevista e soprattutto gli accumuli sono stati di pochi centimetri. Diversa la situazione in Liguria, dove la neve già caduta ieri a Genova ha continuato a scendere, facendo scattare l’allerta, soprattutto per il ghiaccio, anche se non si registrano gravi criticità. Nevica anche sul Veneto.

Questa mattina, era stato chiuso per neve un tratto dell’autostrada del Sole A1 tra Arezzo e Chiusi, in direzione sud, poi riaperto dopo lo spargimento di sale.

L’aeroporto Marconi di Bologna è aperto, anche se si registrano alcuni ritardi e possibili cancellazioni di voli a causa delle condizioni meteo.

Sullo snodo ferroviario bolognese i treni sono abbastanza regolari, con ritardi non eccessivi, al massimo di una ventina di minuti. Comunque, in via precauzionale è stato cancellato il 50% dei treni regionali. Stesse cancellazioni di treni regionali anche a Firenze, dove sono circolerà l’80% dei treni a lunga percorrenza.

Per informazioni più dettagliate sulla situazione dei trasporti, rimandiamo al nostro articolo: Neve Italia: disagi nei trasporti.

A Livigno, in Alta Valtellina, dove il freddo non è certo eccezionale, il termometro è sceso a -30 gradi centigradi.

Maltempo sull’Italia: le previsioni per le prossime ore

Continua il maltempo sullItalia, con precipitazioni a carattere nevoso al Centro-Nord, anche in pianura e sulle coste, seppure in modo meno intenso rispetto ai giorni scorsi e con accumuli ridotti.

La neve caduta in queste ore soprattutto al Nord Italia è dovuta all’incontro tra l’ondata di gelo siberiano portata da Buran, in esaurimento sulla Penisola, e una perturbazione in arrivo dall’Atlantico con aria meno fredda. L’incontro-scontro tra aria mite e aria gelida ha provocato le nuove nevicate al Centro-Nord, che tuttavia sono meno intense di quanto annunciato da alcuni meteorologi. Nelle prossime ore, soprattutto al Centro lungo il versante adriatico la neve dovrebbe tramutarsi in pioggia, facendo sciogliere gli accumuli nevosi. Il problema allora sarà il ghiaccio sulle strade, dovuto alle temperature ancora basse.

Al Sud Italia sta piovendo e il rischio ora è rappresentato dal fenomeno chiamato “gelicidio“, ovvero la pioggia che si trasforma subito in ghiaccio appena tocca terra a causa delle temperature rigide. Un fenomeno pericolosissimo, perché a differenza del ghiaccio misto a neve, quello formato dalla sola pioggia è una lastra trasparente, invisibile agli automobilisti. Occorre dunque prestare molta attenzione.

Le nevicate sull’Italia portate dalla nuova perturbazione saranno più intense su Emilia Romagna, bassa Lombardia, basso Piemonte e Liguria. In serata le precipitazioni si trasformeranno in pioggia, con rischio di gelicidio, su Romagna e Liguria, eccetto a Genova, dove la neve resisterà più a lungo.

Il passaggio da neve a pioggia si avrà anche sulle regioni del Centro e del Sud: Toscana, Marche, zone interne di Campania e Puglia. La neve resisterà più a lungo sull’alta Toscana, alte Marche e Umbria settentrionale, ma anche qui arriverà la pioggia in tarda serata. Se le precipitazioni piovose faranno sciogliere gli accumuli delle abbondanti nevicate dei giorni scorsi, in particolare al Centro e sulle regioni adriatiche, il pericolo sarà il ghiaccio che si formerà a causa delle temperature ancora rigide. Il gelicidio è atteso su alte Marche e Romagna a che lungo la costa.