I 3 posti più originali dove andare vicino Roma (e che pochissimi conoscono)

Cosa fare nei dintorni di Roma. Ecco 3 posti originali e particolari dove andare per una gita vicino Roma

Vicino Roma ci sono tantissimi posti da scoprire. E se alcuni sono belli e famosi, altri sono molto meno conosciuti. Ma non per questo meno belli. Se quello che state cercando è proprio una gita o una passeggiata in un luogo particolare allora questi 3 posti sono quelli che fanno per voi.

 

Abbiamo scelto 3 posti nei dintorni di Roma insoliti e fuori dall’ordinario. Luoghi molto suggestivi e affascinanti per trascorrere una giornata insolita a pochi chilometri dalla Capitale. Unica accortezza: muovetevi in auto. I posti che vi suggeriamo infatti non sono facilmente raggiungibili con i mezzi.

I 3 posti insoliti più belli vicino Roma

Nel Lazio ci sono innumerevoli posti da visitare. La Regione è infatti ricchissima di borghi, meraviglie naturali e architettoniche e anche a poca distanza da Roma troverete tanti posti belli da vedere.

Ma se non volete solo vedere un bel posto, ma vivere un’esperienza, ecco allora questi tre luoghi sono quelli giusti per voi.

  • Bosco Sacro di Bomarzo
  • Canale Monterano
  • Sant’Angelo Roccalvecce

Il Parco dei Mostri per una gita da paura

Immaginatevi di camminare per un bel bosco e poi improvvisamente trovarvi di fronte sculture mostruose e case storte. E no, non è un nuovo parco divertimento, ma un parco costruito nel 1500.

Siamo in provincia di Viterbo a Bomarzo dove il principe Orsini a metà del XVI secolo affidò all’architetto Pirro Ligorio la costruzione di un bosco con sculture mitologiche e mostruose. In tanti hanno cercato di comprendere il significato simbolico di quelle sculture e Salvador Dalì che visitò il parco lo definì un’invenzione storica unica. E il Parco dei mostri lo rimane tuttora.

La città fantasma di Canale Monterano

Sentirsi Indiana Jones a pochi chilometri da Roma. E’ questa la sensazione che si ha andando a visitare Canale Monterano. Questo è infatti un borgo fantasma a cui ci si arriva con un breve trekking immerso nella natura.

Canale Monterano ha origini antichissime: centro già etrusco, diventò piuttosto importante nel Medioevo. Poi sul finire del 1700 la malaria prima e le truppe francesi poi portarono al declino del paese che fu definitivamente abbandonato.

Oggi rimangono i resti delle importanti costruzioni di un tempo avvolti dalla vegetazione: il castello, la Chiesa senza soffitto e il Convento di San Bonaventura. E poi c’è l’antico Acquedotto. Iconica la fontana in quella che era la piazza del paese.

Il Paese delle fiabe

Se avete voglia di vivere un’esperienza come Alice nel Paese delle Meraviglie, allora andate dritti a Sant’Angelo Roccalvecce. Siamo vicino Viterbo nel cuore della Tuscia dove sorge questo piccolo paesino interamente ricoperto di murales che le è valso il soprannome di Paese delle Fiabe.

Ogni muro infatti è stato dipinto con personaggi della fiabe da Pinocchio al Piccolo Principe, da La Spada nella Roccia a Peter Pan ad Hansel e Gretel.

Una mappa vi guida alla scoperta di questi spettacolari murales, ma potete anche girare liberamente lasciandovi stupire dalla bellezza e dal fascino di questo luogo.
Un paesino che era destinato a diventare fantasma, ma che la magia delle fiabe lo ha reso invece uno dei posti più belli e insoliti dove andare.

Pronti ad andare nei posti particolari vicino Roma?

Bellezze naturali, posti incantevoli da vedere in estate o in autunno, o in qualsiasi altra stagione. Vicino Roma c’è davvero tanto da vedere e ci sono anche posti particolari e insoliti.

Previous articleI passaporti più potenti al mondo nel 2022, per viaggiare senza visto
Next articleLe alghe sono commestibili e, soprattutto, sono un super food da scoprire
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.