La città fantasma mozzafiato a due passi da Roma

Vicino Roma si trova una città abbandonata dall’immenso fascino: è l’antica Canale Monterano  vicino al Lago di Bracciano 

Poco distante da Roma, immersa in una rigogliosa vegetazione si trova una città fantasma, una città abbandonata da secoli, ma di enorme fascino: Canale Monterano. E’ indubbiamente la città abbandonata più bella e suggestiva d’Italia, un luogo da vedere perfetto per una gita fuori porta.

Come in un film vi ritroverete davanti ad affascinanti rovine nascoste dalla vegetazione, che raccontano di un tempo di prestigio e di nobiltà.

Visita Monterano: la città fantasma più spettrale in Italia
Visita Monterano: la città fantasma più spettrale in Italia

A dividere la città ci sono i fiumi Mignone e Bicione, mentre non poco distanti si trovano i Monti della Tolfa ed i Monti Sabatini che fanno parte del cuore pulsante della Riserva Naturale di Monterano.

Visitare la città fantasma di Canale Monterano

A meno di un’ora da Roma nella Riserva Naturale di Monterano alle spalle del Lago di Bracciano si trova questa spettacolare città fantasma di Canale Monterano. La si raggiunge con un facile percorso a piedi in una vegetazione rigogliosa che offre anche la meraviglia di poter vedere delle cascate. Si tratta della Cascata della Diosilla, una piccola cascata ma di grande fascino.

In questo paradiso naturale seguendo la mulattiera come dei moderni Indiana Jones arriverete all’antica città di Canale Monterano: ad accogliervi i resti della chiesa di San Bonaventura, la fontana ottagonale, i resti della mura e del palazzo Orsini. Tutto immutato dal 1799 quando gli abitanti lasciarono per sempre la città.

La storia di Canale Monterano

Nel Lazio si trovano città antichissime e Canale Monterano è una di queste. Le sue origini risalgono infatti agli Etruschi all’VII secolo a.C. che scelsero questa zona vicino Manziana e il lago di Bracciano per i suoi fitti boschi. Canale Monterano diventerà poi un centro importante per i romani – e l’acquedotto che si può ancora ammirare è lì a testimoniarlo – ma soprattutto sarà molto attivo nel Medioevo.

La città di Monterano viene acquistata dalla famiglia degli Orsini nel Cinquecento, ma conobbe il suo splendore con i familiari di papa Clemente X Altieri. Questi grazie a Gian Lorenzo Bernini, trasformarono l’abitato in una piccola capitale Barocca, con splendidi monumenti che fecero da modello negli anni successivi. Sono di questa fase il convento di Monterano, la fontana ottagonale di San Bonaventura, nonché la fontana del Palazzo Ducale.

Il declino di Monterano inizia nel 1770 quando un’epidemia di malaria decimò buona parte della popolazione. In seguito l’abbandono del luogo divenne definitivo dopo il tragico scontro tra i sostenitori del Papa e i giacobini francesi. Nel 1799 le truppe francesi saccheggiarono e distrussero il paese spingendo gli ultimi abitanti ad abbandonare il borgo.

Gita a Canale Monterano

L’aspetto spettrale della città ha ispirato tantissimi registi, i film più famosi che hanno usato Monterano come location sono “Ben-Hur”,  la serie de “La freccia nera”, alcune scene de “Le tre rose di Eva 3 ” e “Puoi baciare lo sposo” è un film del 2018 diretto da Alessandro Genovesi, dove ci sono state alcune riprese vicino al Canale di Monterano.

Una gita a Canale Monterano, la città fantasma più suggestiva d’Italia, è da non perdere. Facile da raggiungere e di enorme fascino.