Via libera ai corridoi turistici: si torna a viaggiare alle Maldive e a Sharm El Sheikh

Via libera ai corridoi turistici: si torna a viaggiare alle Maldive, alle Seychelles, a Santo Domingo e a Sharm El Sheikh. Tutte le informazioni utili.

corridoi turistici maldive
Via libera ai corridoi turistici: si torna a viaggiare alle Maldive e a Sharm El Sheikh Foto di Asad Photo Maldives da Pexels)

Per molti italiani un sogno che finalmente si avvera: dopo un anno e mezzo di stop ai viaggi intercontinentali, si torna viaggiare verso le mete esotiche e i paradisi tropicali.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato l’ordinanza che dà il via libera ai corridoi turistici Covid-free per viaggi verso destinazioni selezionate: Maldive, Seychelles, Repubblica Dominicana (Santo Domingo), Aruba, Mauritius e le località egiziane di Sharm El Sheikh e Marsa Alam.

I viaggi saranno sottoposti a regole rigidissime, con tampone prima della partenza e del ritorno, Green pass, assicurazione obbligatoria, mascherine, distanziamento nelle strutture ricettive. Ma non ci sarà più la quarantena al ritorno. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Gli USA riaprono ai turisti europei e italiani, ma solo vaccinati

Corridoi turistici: si torna a viaggiare alle Maldive, Seychelles e Sharm El Sheikh

Il ministro della Salute ha firmato l’ordinanza che in tanti aspettavano: la riapertura dei viaggi alle mete extraeuropee esotiche. Con il nuovo provvedimento, si permettono corridoi turistici Covid-free sottoposti a regole molto rigorose ma che consentiranno finalmente di viaggiare verso i paradisi tropicali.

Sarà obbligatorio il Green pass, già richiesto per viaggiare all’interno dell’Unione Europea e dell’area Schengen, e i viaggiatori dovranno sottoporsi a un tampone con risultato negativo prima della partenza e uno prima del viaggio di ritorno. Sarà sufficiente un tampone antigenico effettuato entro 48 ore dal viaggio. Un altro tampone, il terzo, sarà richiesto una volta rientrati in Italia. Non sarà richiesta la quarantena. Se il viaggio dura più di 7 giorni sarà necessario un altro tampone a cui sottoporsi durante il soggiorno all’estero. Come riporta il Corriere della Sera.

Le destinazioni verso cui saranno aperti i corridoi turistici sperimentali sono sette in sei Paesi: Aruba (Caraibi), Isole Maldive (Oceano Indiano), Mauritius (Oceano Indiano), Isole Seychelles (Oceano Indiano), Repubblica Dominicana e i resort di Sharm El Sheikh e Marsa Alam (le uniche località d’Egitto verso cui si potrà viaggiare).

Leggi anche –> Viaggi in Regno Unito: i vaccinati entrano senza tampone, anche dall’Italia

Regole sanitarie rigide

Mauritius (iStock)

Per viaggiare verso le mete esotiche tramite i nuovi corridoi turistici è necessaria l’osservanza di rigide regole di sicurezza sanitaria. Oltre al Green pass obbligatorio e al tampone prima della partenza, prima del rientro all’arrivo – e durante il viaggio se è di lunga durata – sarà obbligatorio indossare la mascherina protettiva in aereo, durante il volo, e cambiarla ogni 4 ore. L’obbligo di mascherina non si applica ai bambini sotto i 6 anni e alle persone esenti per motivi di salute.

A bordo degli aerei saranno obbligatorie anche la sanificazione delle mani e delle poltroncine e l’aerazione con filtri Hepa.

Le regole su tamponi e mascherina valgono sia per i voli diretti sia per quelli che fanno scalo. È previsto anche il check-in online. I tour operator, invece, sono chiamati ad osservare rigidi protocolli di sicurezza nelle strutture ricettive e di farli rispettare dai clienti.

Nelle strutture ricettive il personale di accoglienza dovrà essere vaccinato, ai clienti dovrà essere misurata la temperatura una volta al giorno, mentre i pasti nei ristoranti saranno serviti con orari differenziati per evitare gli assembramenti. I buffet sono consentiti solo con servizio dei camerieri. Nelle strutture dovrà essere assicurata la presenza di un medico per 24 ore. Come riporta Repubblica.

I viaggiatori dovranno stipulare un’assicurazione di viaggio obbligatoria, per le eventuali spese per il Covid e coprire i costi di un eventuale prolungamento del soggiorno e dell’assistenza medica nel caso in cui non potessero ripartire per l’Italia perché contagiati.

Il testo dell’ordinanza sul sito del Ministero della Salute: https://www.salute.gov.it/portale/nuovocoronavirus/dettaglioComunicatiNuovoCoronavirus.jsp?lingua=italiano&id=5831

Leggi anche –> Green pass sulle piste da sci: le nuove regole per l’apertura degli impianti

Maldive (iStock)