Ormai è ovunque: avete visto anche voi questo insetto? E non è una farfalla

Probabilmente sarà comparsa sulle finestre o sui terrazzi di moltissimi di voi. E l’avrete scambiata per una farfalla nera con le ali bucherellate. In realtà non è per niente così.

Non è una farfalla
L’avete vista anche voi? Un insetto che sembra una farfalla nera – AdobeStock

L’avete notata anche voi? Di solito la troviamo attaccata alla nostra finestra o alle zanzariere e hanno una forma talmente strana che può ricordare quasi un teschio. Sembra una farfalla nera, per di più con le ali un po’ mordicchiate. Poi, a guardarla bene, ci si rende conto che non sono né rotte né mordicchiate da altri animali, ma semplicemente caratterizzate da macchie scure a altre trasparenti. Ma attenzione: non è una farfalla e soprattutto non è nemmeno nostrana. Si tratta di un insetto appartenente alla famiglia delle cimici e delle cicale che arriva dal Sud-Est dell’Asia.

Non è una farfalla: si chiama Ricania Speculum e fa parte delle cimici

Questo insetto si chiama Ricania Speculum ed è una new entry del mondo degli insetti italiani. Come vi abbiamo anticipato arriva infatti dalle zone meridionali dell’Asia ed è arrivata in Italia, soprattutto al Nord tramite l’esportazione di piante per il florovivaismo. Si nutre succhiando le essenze delle piante ed è particolarmente presente in questo periodo dell’anno. Proprio come le cimici. Questo fa pensare quindi che sia un insetto stagionale che in questo momento è nel pieno del ciclo riproduttivo e che le larve si sviluppano invece in primavera.

Cosa fare se la osservate nelle vostre case?

Per ora sembra che la Ricania Speculum non sia pericolosa e nemmeno aggressiva, ma può provocare la morte di alcune specie di piante da frutta. L’Osservatorio Ligure della Biodiversità, chiede quindi di inviare le segnalazioni di questi insetti per facilitarne la localizzazione mentre l’Arpal segnala che sul sito agriligurianet.it potete contattare il Servizio Fitosanitario Regionale per scoprire come debellarle in caso stiano attanagliando le vostre coltivazioni.

Così, dopo la cimice asiatica che infesta non solo campi e coltivazioni, ma anche le nostre case, ecco che arriva una nuova specie di insetto infestante proprio in questo stesso periodo dell’anno.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Franziska Bauer (@insectamini)

 

Vedremo se, a lungo termine, questa sua presenza potrebbe causare molti danni all’ambiente nostrano o se, piano piano, ci dovremo adattare anche a questa specie animale nuova per il nostro emisfero.