Meteo, Italia di fuoco: arriva il giorno più rovente, quando finisce il super caldo

Le previsioni meteo per i prossimi giorni: quando si abbassano le temperature. Cosa ci aspetta

quando finisce il caldo
Ondata rovente sull’Italia: ancora giorni con temperature alte. Ecco fino a quando

Condizionatori alla massima potenza, ventilatori puntati addosso, ghiaccio addosso. Si fa qualsiasi cosa pur di resistere all’ondata di caldo, la seconda dell’estate, che ha investito il nostro Paese. Le temperature sono bollenti e secondo le previsioni meteo diventeranno ancora più roventi nei prossimi giorni.

Ma quando finisce questo caldo? Secondo gli esperti stiamo entrando nella fase più intensa, poi finalmente la discesa che ci porterà a temperature meno incandescenti. Bisogna dunque resistere ancora qualche giorno.

Meteo: quando sarà il giorno più caldo

L’anticiclone Africano manda sul nostro Paese masse d’aria bollente che fanno schizzare in alto la colonnina di mercurio. L’Italia è dunque investita in pieno da questa ondata rovente proveniente dall’Africa Subsahariana che non solo fa salire le temperature, ma aumenta anche il grado di umidità.

L’afa unita alla persistenza di queste temperature per più giorni crea delle condizioni di rischio per la salute. Il Ministero della Salute ha così diramato i bollettini sulle ondate di calore indicando quelle città dove il rischio è più elevato.

Mercoledì 7 e giovedì 8 sono le giornate più calde in assoluto con ben 17 città in allerta di cui 8 con livello di allerta arancione, ovvero 2 su 3.
Proprio giovedì 8 luglio sarà la giornata più calda e a far registrare le temperature più elevate sarà ancora il Sud.

In Puglia sono attesi oltre 42 gradi nella provincia di Foggia. Non andrà molto meglio al Centro-Nord: a Firenze faranno 37 gradi. E se pensate che il Nord sia al riparo da tutto ciò vi sbagliate: a Bolzano il termometro toccherà i 35 gradi. Andrà meglio sui settori nord occidentali dove arriverà anche qualche temporale a riportare i valori intorno ai 30 gradi.

Quando finirà l’ondata di caldo

L‘estate 2021 sarà caratterizzata da ondate di caldo africane ravvicinate fra loro e interrotte ogni tanto da violenti temporali. Una condizione che renderà quest’estate particolarmente rovente ed estrema e purtroppo anche segnata dalla siccità.

Già dopo questo primo scorcio estivo la terra e i nostri fiumi iniziano a soffrire. I temporali che si creano in questo contesto rovente hanno solo un effetto distruttivo e non alimentano: il terreno è troppo secco e l’acqua cade con troppa violenza per poter essere assorbita.

Intanto però si guarda la colonnina di mercurio sperando che almeno scenda di qualche grado. Cosa che succederà già da venerdì 9 luglio quando l’Anticiclone Africano inizierà a perdere potenza. A Foggia nel giro di 24 ore ci sarà un calo di 4 gradi e in 48 ore se ne perderanno altre 3.

Il weekend sarà così in tutta Italia caldo ed estivo, ma meno rovente. All’inizio della prossima settimana potrà esserci un colpo di coda dell’Alta Pressione Africano con un ritorno di fiamma, ma comunque più contenuto e che non durerà più di 36 ore.

Poi le temperature si attesteranno al Sud sui 32/33 gradi, al Centro sui 31/32 e al Nord intorno ai 30 gradi. Valori da Alta Pressione delle Azzorre e da estate italiana. Almeno fino alla prossima ondata bollente.

Previous articleBorghi dove trovare il fresco in estate: ecco dove andare
Next articleSi possono portare i cani in treno? E i gatti? Costi, regole e consigli
Giornalista, laureata in Scienze della Comunicazione, web content editor e social media manager. Ho da sempre un'innata curiosità per tutto quello che mi circonda: da bambina mi immaginavo detective e indagavo su tutto per scoprire la verità, immaginandomi protagonista di casi polizieschi e di inchieste giornalistiche (e solitamente era peluche orso il colpevole!). Ho fondato il giornalino scolastico quando avevo 9 anni e da allora non ho mai smesso di scrivere. Ho sempre lo zaino in spalla: adoro viaggiare, scoprire nuove culture, nuovi posti e poterli raccontare. Qualsiasi posto infatti racconta una storia che io voglio conoscere. Quando non scrivo al pc o non sono in viaggio, mi trovate sul palco ad improvvisare oppure a fare trekking con il mio cane o nei reparti di pediatria come clowndottore.