Covid in Italia: dati ancora in calo, zero morti in Lombardia

Covid in Italia: dati ancora in calo, zero morti in Lombardia per la prima volta da ottobre. Tutte le informazioni aggiornate.

covid italia dati
Covid in Italia: dati ancora in calo (Vaccinazioni al museo a Messina. Foto di Fabrizio Villa/Getty Images)

Continua la discesa della curva dei contagi di Covid-19 in Italia. I casi sono sempre meno, le terapie intensive si sono svuotate e anche il numero dei morti dopo mesi è sceso a circa 20 al giorno. Sempre troppi ma ancora a inizio maggio erano di circa 200 al giorno.

I dati del monitoraggio settimanale dei contagi in Italia, della Cabina di regia di Istituto Superiore di Sanità e Ministero della Salute, confermano questa tendenza, con ulteriori miglioramenti rispetto alla settimana scorsa. Continua il calo dell’incidenza settimanale dei contagi e torna a calare anche l’indice Rt dopo un mese di stabilità. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Meteo estate 2021: quando farà più caldo a luglio, agosto e settembre

Covid in Italia: dati ancora in calo, zero morti in Lombardia

Nonostante le preoccupazioni per la variante Delta (ex indiana) del Coronavirus, con l’allarme lanciato dall’OMS per il recente aumento di casi in Europa, e nonostante i casi di questa variante stiano aumentando anche da noi, al momento i dati sull’epidemia in Italia sono più che buoni.

Abbiamo meno di 250 ricoveri nelle terapie intensive di tutto il Paese, poco più di 1.500 persone ricoverate nei reparti non intensive e meno di 50mila in isolamento domiciliare. Numeri a cui prestare attenzione, certo, ma decisamente inferiori a quelli della scorsa primavera, quando in isolamento erano 500mila persone, ricoverati in ospedale 30mila e nelle terapie intensive quasi 4mila.

I dati dell’ultimo monitoraggio settimanale dei contagi in Italia confermano il calo.

L’incidenza settimanale dei contagi scende a 9 casi su 100mila, dagli 11 della scorsa settimana (corretto dagli iniziali 12). Per restare in zona bianca devono essere meno di 50 su 100mila. Dunque, l’Italia rimane ampiamente in zona bianca. Nonostante i recenti focolai di variante Delta in diverse regioni.

Soprattutto, per la prima volta dopo un mese torna a scendere l’indice di trasmissibilità Rt. Dai primi di giugno alla scorsa settimana, l’indice era oscillato tra 0,68 e 0,69, rimanendo sostanzialmente stabile. Dall’ultimo monitoraggio, invece, è sceso a 0,63 da 0,69 della scorsa settimana. A conferma del buon andamento della curva dei contagi. Salvo futuri imprevisti.

Leggi anche –> Green pass europeo entra in vigore: via libera ai viaggi

Questa settimana non uscirà la consueta ordinanza del Ministro della Salute sui colori delle Regioni, perché da lunedì 28 giugno tutta Italia è in zona bianca, compresa la Valle d’Aosta, l’ultima Regione che era rimasta in giallo. I dati epidemiologici confermano la zona bianca per tutte le Regioni.

In tutte le Regioni e Province autonome il rischio è basso. Inoltre, nessuna Regione o Provincia supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in area medica o in terapia intensiva.

A livello nazionale, il tasso di occupazione delle terapie intensive è al 3%, mentre la soglia critica è al 30%. Sempre al 3% è il tasso di occupazione dei posti letto in area medica, dove la soglia critica è al 40%.

In forte calo anche il numero delle vittime da Covid. In Lombardia, la regione più duramente colpita dall’epidemia, non c’è stato nessun morto nelle ultime 24 ore. Non accadeva dal 6 ottobre 2020. A dare l’annuncio è stata la vicepresidente e assessore al Welfare della Regione, Letizia Moratti.

Nel frattempo, in Italia sono state somministrate oltre 52milioni di dosi di vaccino. Mentre le persone completamente vaccinate, con due dosi o il monodose, hanno superato i 19 milioni, più del 35% degli italiani sopra i 12 anni (le persone vaccinabili in Italia).

Leggi anche –> Vaccini in vacanza: come fare la seconda dose in viaggio

zona bianca regioni
Covid in Italia (Turiste a Roma. Foto di Antonio Masiello/Getty Images)