Elefante uccide uomo, letale un possente colpo di proboscide

Un elefante uccide uomo nel corso di un normale intervento di routine. La tragedia avviene all’improvviso e senza potere fare niente.

elefante uccide uomo
Incidente elefante uccide uomo FOTO Getty Images

Elefante uccide uomo. La tragedia è accaduto all’interno di uno zoo, il Parco Naturale del Cabarceno. La struttura è situata in Cantabria, la regione della Spagna dove sorge la città di Santander. A morire è un uomo di 44 anni, dipendente dello zoo, rimasto ferito gravemente dopo uno scontro con il possente mammifero.

Leggi anche –> Tigre allo zoo assale ed uccide una dipendente | visitatori sgomenti

Il pachiderma ha colpito la vittima con la sua proboscide, assestandogli un colpo molto potente. Questo lo ha portato a sbattere con estrema violenza contro le sbarre di un recinto e la cosa lo ha ucciso poco tempo dopo il ricovero. Il trasferimento in codice rosso in ospedale non è servito a niente, con il decesso sopraggiunto qualche ora dopo. L’elefante uccide l’uomo durante il turno di lavoro. Lui era un addetto alla pulizia delle stalle degli elefanti. Su questo incidente si è espresso anche il ministro del Turismo del governo regionale della Cantabria.

Leggi anche –>Bambino ucciso | abbandonato e poi sbranato dai varani

Elefante uccide uomo, è in corso una indagine da parte delle autorità

Quest’ultimo ha definito quanto di tragico capitato frutto di un rapporto degli esseri umani con quelli che sono “animali imprevedibili”. Ora è in corso una indagine ufficiale da parte delle forze dell’ordine, che hanno accertato come il colpo inferto dall’enorme mammifero sia risultato essere estremamente tremendo.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Squalo uccide uomo | la vittima viola quarantena per fare surf | FOTO

La struttura in questione era molto visitata prima dello scoppiare della pandemia. In quello zoo trovano riparo anche altri maestosi animali selvatici che a quelle latitudini non si trovano e che sono invece tipici della savana africana. Il parco ha aperto nel 1990 e mai prima d’ora avevano avuto luogo degli incidenti.