Uccide padre, 17enne finisce il genitore a colpi di machete

Adolescente uccide padre colpendolo più volte con un machete. Succede dopo una violenta discussione tra i due. Subito dopo lui fugge con una ragazza.

uccide padre polizia
Ragazzo uccide padre polizia FOTO Getty Images

Un giovane uccide il padre al culmine di una discussione dai toni accessi. L’omicidio è avvenuto in circostanze davvero tremende, con la vittima che è rimasta trafitta da un machete. Ad ammazzare Eddy Cavazza, 46 anni, è stato il figlio di 17 anni. Al momento l’adolescente risulta irreperibile dal momento che si è dato alla fuga subito dopo avere commesso il delitto.

Leggi anche –> Tare, pitbull lo azzanna durante la passeggiata: muore il suo cagnolino

La vicenda si è verificata a Sant’Apollinare, un piccolo centro abitato situato in provincia di Rovigo. Il giovanissimo, in base alla dinamica ricostruita da parte delle forze dell’ordine, uccide padre e fugge via in auto. Il 17enne ha rubato una Opel Zafira, presumibilmente appartenente proprio al papà appena ammazzato a sangue freddo. E con essa si è allontanato in tutta fretta. Le autorità hanno interrogato anche alcuni testimoni che hanno assistito alla scena. Assieme al giovane ha preso parte alla fuga anche una 20enne residente nella vicina Ceregnano.

Leggi anche –> Incidente mortale, si schianta di proposito per far abortire la compagna

Uccide padre, la polizia lo arresta nel cuore della notte

L’omicidio si è verificato nella serata di giovedì 4 febbraio 2021. Stanno indagando su quanto accaduto la polizia scientifica e gli agenti facenti parte della squadra mobile della città veneta. L’assassinio è avvenuto all’interno di un campo rom. Cavazza, colpito una prima volta all’interno della roulotte dove viveva, è uscito fuori nel tentativo di sfuggire all’ira di suo figlio.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Uccide la vicina con una vanga: lite tra donne finisce in tragedia

Ma questi lo ha raggiunto e finito, scagliandosi contro il genitore con diversi fendenti. Nonostante ciò, gli inquirenti sono dell’idea che il ragazzo non fosse consapevole di avere ucciso il padre una volta che si è dato alla fuga. La polizia lo ha fermato assieme alla ragazza a notte fonda presso Adria. Sembra che i due stessero cercando di raggiungere un parente di lei. Adesso l’assassino è detenuto alla Questura di Rovigo.