Controlli Covid, multe e chiusure dopo il primo giorno di zona arancione

Nel primo dei tre giorni di fine anno nei quali l’Italia esce dalla zona rossa si intensificano i controlli Covid. E non mancano le sanzioni.

controlli Covid multe
Tantissimi i controlli Covid nel primo giorno di zona arancione FOTO Getty Images

L’Italia è tornata in zona arancione dalla giornata di lunedì 29 dicembre. Ma anche in questa provvisoria situazione di allerta i controlli Covid proseguono a ritmo serrato su tutto il territorio. Trascorsa anche la giornata di mercoledì 30 dicembre 2020, dal giorno 31 si ritornerà di nuovo in zona rossa.

Leggi anche –> Vaccino Pfizer Biontech, consegna in Italia stanotte: AstraZeneca in ritardo

Ci sarà una unica eccezione prevista per il 4 gennaio 2021, poi il 5 e 6 permarrà di nuovo lo stato di zona rossa da nord a sud del Paese. Tutto questo è riscontrabile nel contenuto dell’ordinanza generale emessa dall’ultimo Dpcm risalente allo scorso 18 dicembre. Il periodo delle festività natalizie da mesi veniva inquadrato come potenzialmente pericoloso per via dell’abitudine di fare shopping per i regali da scambiarsi sotto l’albero nel corso delle festività. Da qui la necessità di limitare gli spostamenti, limitandoli alle sole situazioni di emergenza o di impellenza e che non potevano essere rimandate.

Leggi anche –> Terza ondata, il fisico Battiston pessimista: perché avverrà presto

Controlli Covid, i numeri ufficiali diffusi dal Viminale

Nella sola giornata di lunedì 28 dicembre, il primo dei tre giorni di zona arancione di fine 2020, in tutta Italia i controlli Covid hanno raggiunto la ragguardevole cifra di 77.198. A seguito di queste ispezioni messe in atto in particolar modo con dei posti di blocco (ma non mancano visite delle forze dell’ordine a locali di vario tipo e controlli in strada ai semplici passanti) risultano emesse 8 denunce e 732 multe.

Se vuoi seguire tutte le notizie scelte dalla nostra redazione in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Claudia Alivernini, minacce dai no vax: “Dai che adesso muori”

Tutti questi provvedimenti hanno come destinatarie persone che, a titolo diverso, hanno trasgredito le norme sulla sicurezza contenute nel Dpcm. Si tratta di dati ufficiali comunicati in maniera diretta dal Ministero dell’Interno. Il Viminale fa sapere anche che i controlli sulle attività commerciali ammontano a 12.774, con 47 ammende amministrative e 13 provvedimenti di chiusura per violazioni varie.