Claudia Alivernini, minacce dai no vax: “Dai che adesso muori”

Lei è un esempio per tutti ma evidentemente non per i no vax: Claudia Alivernini riceve insulti e minacce della peggiore specie dai soliti idioti.

Claudia Alivernini vaccino minacce
Deprecabili minacce dei no vax a Claudia Alivernini Foto dal web

Deve essere additata come un esempio da seguire, Claudia Alivernini. Eppure c’è chi le attacca ed addirittura immagina o si augura che la infermiera romana, prima persona in Italia a ricevere il vaccino contro il Covid, vada incontro a delle spiacevoli situazioni. I soliti no vax la ricoprono di insulti e di auguri della peggiore specie.

Leggi anche –> Maltempo blocca l’arrivo del vaccino: 470mila dosi bloccate in Belgio

“Adesso vediamo quando muori”, ha il coraggio di scriverle sul web qualcuno che evidentemente non sa dare peso alle proprie parole e non è dotato di sensibilità, senso del rispetto e civiltà richieste per potere dare inizio ad un dibattito. Gli insulti a Claudia Alivernini sono giunti sulla pagina Facebook di quest’ultima, e non mancano anche le minacce. L’infermiera che lavora all’ospedale ‘Lazzaro Spallanzani’ di Roma, specializzato nella cura delle malattie infettive, ha dovuto chiudere il proprio profilo. Troppi i comportamenti e le attenzioni da parte di facinorosi che hanno tirato in ballo pure la sua famiglia.

Leggi anche –> Cosa posso fare oggi 29 Dicembre: viaggi e spostamenti in base al Dpcm Natale

Claudia Alivernini, lei è orgogliosa di essere la prima vaccinata in Italia

E si che lei aveva parlato di orgoglio e di senso di responsabilità, sensazioni che sentiva e che aveva fatto sue dopo avere ricevuto il vaccino domenica mattina, 27 dicembre 2020. La Alivernini, che merita solo complimenti ed elogi per le parole di speranza che ha dato a milioni di persone che soffrono a vario titolo a causa della pandemia in corso, ha parlato di un gesto “semplice, piccolo all’atto pratico ma enorme come significato”.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Positivo al Covid-19, si suicida con spari alla testa: è successo a Roma

E si è fatta portavoce della categoria degli esponenti del mondo del lavoro del settore medico e sanitario. Che è in prima linea da quando questa lotta è iniziata, ad inizio 2020.