Festa di compleanno, arrivano torta e pure i carabinieri: multa da 5200 €

Diversi partecipanti ad una festa di compleanno non autorizzata ricevono la visita delle forze dell’ordine, proprio mentre arriva anche la torta.

festa di compleanno carabinieri
Ad una festa di compleanno vietata arrivano i carabinieri FOTO Getty Images

Una festa di compleanno in casa, svolta senza prendere alcuna precauzione e senza rispettare le normative contenute nell’ultimo dei tanti Dpcm emanati nel corso del 2020 in materia di sicurezza, ha visto l’interruzione improvvisa a causa dell’intervento dei carabinieri. La vicenda giunge da Alcamo, in provincia di Trapani.

Leggi anche –> Festa in casa, alcolici e musica alta in piena pandemia: 5280 euro di multa

All’interno di una villetta del posto diversi giovani avevano organizzato questa festa di compleanno. Ma oltre a non rispettare alcuna misura volta a garantire l’incolumità di sé stessi e degli altri, gli improvvidi ragazzi non hanno neppure avuto l’accortezza di agire con discrezione. Infatti le tante automobili parcheggiate in maniera insolita davanti all’immobile teatro del party vietato, così come la musica tenuta costantemente ad alto volume, hanno provveduto a fare insospettire alcuni vicini di casa. Non ci è voluto molto per capire costa stesse succedendo, così i cittadini infastiditi hanno allertato subito le forze dell’ordine.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Leggi anche –> Festa vietata, 34 studenti si scatenano in piccolo appartamento

Festa di compleanno, la torta ‘la portano’ i carabinieri

Curiosamente l’arrivo dei carabinieri si è verificato in concomitanza con la consegna della torta destinata al festeggiato. E come ‘regalo’ collettivo le 13 persone coinvolte hanno ricevuto tutte delle multe per violazione delle normative sulla sicurezza, a pandemia in corso. In totale il gruppo deve versare 5200 euro di ammenda. Pari a 400 euro a testa. Nessuno di loro ha protestato o ha tentato di giustificarsi. I partecipanti a questa festa in casa non autorizzata hanno tutti una età compresa fra i 20 ed i 30 anni. Nessuno di loro indossava delle mascherine né aveva tenuto a cuore di rispettare il distanziamento sociale.

Leggi anche –> Bebe Vio, festa in locale durante il coprifuoco: scatta la multa

A Riccione assembramento per le luci di Natale

Ma non è il solo episodio di irresponsabilità diffusa che ha avuto luogo in questi giorni ed in generale nel 2020. Limitatamente agli ultimi giorni, da nord a sud ci sono stati diversi episodi come questo. A Riccione nella giornata di sabato 5 dicembre 2020 l’accensione delle luci di Natale ha dato adito ad un corposo assembramento di persone in strada. Con non pochi individui sprovvisti di mascherina. Il governatore dell’Emilia-Romagna, Stefano Bonaccini, ha duramente condannato l’episodio.

Leggi anche –> Festa no mask, centinaia i partecipanti: agenti aggrediti – VIDEO