Avezzano, sacerdote contagia 70 persone in una residenza per anziani

Ad Avezzano, nella Rsa dell’Istituto Don Orione si è creato un focolaio Covid dopo che un sacerdote ha contagiato circa settanta persone. 

Il responso dei test è stato subito chiaro: boom di positivi non solo tra gli ospiti della residenza ma anche tra gli operatori. Inizialmente si pensava che le persone infette da Covid fossero solo quattro anziani e un sacerdote. Presto, però, la situazione è degenerata e la curva dei contagi ha cominciato a non fermarsi.

Leggi anche -> Covid, i medici in allarme: “Se i casi aumentano gli ospedali non reggeranno”

Leggi anche -> Focolaio Covid | flagellato un convento in provincia di Pavia

In attesa del risultato di altri tamponi, all’interno della Rsa, si è attuata una manovra di isolamento dei pazienti ancora negativi. Secondo le indiscrezioni, a causare il focolaio sarebbe stato un sacerdote: avrebbe visitato la struttura con la febbre.

Aumenta la preoccupazione per il Covid ad Avezzano

Anche l’Als provinciale sta aiutando l’Istituto Don Orione a far fronte all’emergenza. Tramite il monitoraggio e una visita ispettiva la situazione appare sotto controllo. La struttura è stata chiusa all’esterno, ma si teme comunque un aumento dei contagi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie CLICCA QUI 

C’è comunque forte tensione dato che gli ospedali e i reparti Covid iniziano ad essere congestionati. Il boom dei contagi negli ultimi giorni ha messo a dura prova la provincia abruzzese che anche ieri ha registrato il record di contagi.

Leggi anche -> Focolaio Covid | 59 positivi su 63 in Rsa | il sindaco chiude tutto

Leggi anche -> Covid, Guerra dell’Oms: “In Italia situazione sotto controllo, ma il rischio esiste”