Mal di testa | ha dolori cronici per 7 anni | aveva un verme nel cervello

Sin dal 2013 soffriva di atroci mal di testa ed i medici non riuscivano a capire perché. Poi finalmente si è scoperta l’orrenda causa di tutto.

mal di testa verme nel cervello
Ha un verme ne cervello che le scatena mal di testa da 7 anni Foto dal web

Una ragazza ha dovuto sottostare a dei mal di testa tremendi e senza sosta per 7 lunghi anni. Ed in particolar modo questa condizione di malessere cronico si intensificava con una media di due o tre volte al mese. La vita per una giovane era diventata impossibile e ad un certo punto lei ed i suoi famigliari hanno anche temuto il peggio.

LEGGI ANCHE –> Ragazza mangia sashimi, i medici le rimuovono un verme dalle tonsille

Ovvero che la causa di tutto ciò potesse essere un brutto male, come un cancro al cervello. Questa vicenda giunge dall’Australia ed alla fine si è scoperto da dove i fortissimi mal di testa traevano origine. Il responsabile di tutto era un verme che si era insidiato nella testa della sfortunata giovane. Di questa situazione si è parlato sulla rivista specializzata di settore ‘American Journal of Tropical Medicine and Hygiene’. Infatti tutto ciò rappresenta un caso clinico che in Australia non ha precedenti. Il verme che scatenava i mal di testa era una tenia, che aveva depositato svariate larve nel cervello della 25enne.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Un verme di 12 cm gli “mangia” il cervello: “Attenzione a questi cibi”

Mal di testa, sembrava un tumore invece era un verme

Per attenuare il dolore i dottori le avevano prescritto degli antidolorifici e più di questo non era possibile fare. Ad un certo punto poi le si era offuscata la vista. Finalmente è giunta quindi la decisione di optare per degli accertamenti clinici più approfonditi. Ma invece di una massa tumorale – cosa che il personale sanitario dell’ospedale si aspettava – ecco comparire sulle lastre il parassita. La tenia si introduce nel corpo umano attraverso l’ingestione di carne cruda o poco cotta, o tramite cibo od acqua contaminati. La giovane lavorava come barista e si ritiene che questo possa avere contribuito a metterla in contatto con una situazione igienica precaria.

LEGGI ANCHE –> Treviso, appena tornato dalla vacanza in Thailandia: divorato da un parassita tropicale