Home News Un verme di 12 cm gli “mangia” il cervello: “Attenzione a questi...

Un verme di 12 cm gli “mangia” il cervello: “Attenzione a questi cibi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 22:14
CONDIVIDI

Wang Lei aveva in testa un verme lungo 12 cm che gli ha letteralmente mangiato il cervello per 15 anni. Ecco come se n’è accorto. 

Era il 2007 quando Wang Lei ha iniziato ad avvertire uno intorpidimento, e da allora ha continuato a soffrire di problemi di salute. E’ stato visitato da diversi specialisti e gli è stata anche somministrata una cura post diagnosi di tumore maligno al cervello. Ma i medici non riuscivano a trovare una spiegazione ai suoi problemi. Le condizioni del giovane hanno continuato a peggiorare con tanto di convulsioni e svenimenti. Fino al 2018, quando è stata scoperta una tenia che viveva nel suo cervello. I medici gli hanno consigliato di sottoporsi a un trattamento non chirurgico, poiché il verme si trovava su un’area troppo pericolosa da operare.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

Il verme che è (quasi) costato la vita al signor Wang

Al signor Wang è stato rimosso dalla testa un verme lungo 12 cm che gli ha letteralmente mangiato il cervello per ben 15 anni. SOlo di recente l’uomo si è sottoposto a un’operazione presso l’ospedale di Sanjiu, nella provincia cinese del Guangdong, per rimuoverlo.

Dopo l’intervento, durato due ore, i medici hanno rimosso un parassita che si trova comunemente nell’intestino di cani e gatti, ma raramente nelle persone. Il dottor Gu ha spiegato ai media locali che “l’intervento chirurgico è stato rischioso”, visto che “la tenia dal vivo si stava muovendo nel suo cervello e abbiamo dovuto rimuovere tutto altrimenti la parte rimanente avrebbe potuto ricrescere”.

“Non è l’unico caso – ha aggiunto il medico -, il nostro ospedale ha curato quattro pazienti quest’anno. Le persone dovrebbero fare attenzione quando cucinano rane, lumache e bisce, che devono essere ben cotte. Inoltre, non bere acqua da fonti presenti in natura a meno che non sia stata bollita”. Il signor Wang, della città di Guangzhou, nel sud-est della Cina, è ora in fase di convalescenza post intervento chirurgico.

EDS