Roma, arrestato tassista per stupro: ha abusato di due clienti

0
5

A Roma è stato arrestato un tassista con l’accusa di violenza sessuale su due clienti. La sindaca Raggi si è esposta per rimuovergli la licenza.

Un tassista è stato arrestato a Roma per due episodi avvenuti ad aprile 2017 e a gennaio scorso nei confronti di due clienti, una giovane statunitense e una italiana. I Carabinieri della Stazione di Monte Mario hanno emesso l’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari.

LEGGI ANCHE -> Tassista salva donna, era stata rapita e infilata dentro una valigia dal’ex

LEGGI ANCHE -> Positiva al Coronavirus infrange la quarantena: prende due aerei e un taxi

Il Gip di Roma su richiesta della Procura ha messo agli arresti domiciliari un tassista di 46 anni di origini romane con l’accusa di violenza sessuale. Secondo le ricostruzioni dei Carabinieri, il primo episodio è avvenuto quando il tassista ha prelevato una ventenne americana e, dopo averla fatta accomodare sul sedile posteriore, avrebbe abusato di lei. Il secondo stupro è avvenuto nei confronti di una 34enne romana dopo averla accompagnata a casa mentre era completamente incosciente a causa del consumo eccessivo di alcol. Il giorno seguente il tassista avrebbe contattato la vittima con l’intento di rivederla.

LEGGI ANCHE -> Morto tassista, ha preso il Coronavirus tramite i soldi di un cliente

L’intervento della Sindaca Raggi: “Siamo vicini alle vittime di abusi”

La Sindaca di Roma Virginia Raggi ha reso noto su Twitter di aver avviato l’iter per revocare la licenza al tassista che ha abusato sessualmente di due clienti. Inoltre, i Pm della Procura di Roma pensano che il romano potrebbe essere stato autore di altri episodi simili. Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Maria Monteleone, la prima violenza sessuale è avvenuta nel 2017 nei confronti di una ragazza americana e il secondo abuso sarebbe avvenuto nei confronti di una giovane, sua passeggera, in completo stato di incoscienza per l’abuso di alcol. Il tassista è entrato in casa della ragazza e ha consumato lì la violenza e, il giorno dopo, l’ha ricontattata per cercare di incontrarla. Gli inquirenti vogliono accertare se in passato ci siano stati altri casi di abusi non denunciati dalle vittime salite a bordo del suo taxi.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI!