Case vacanze: i consigli per evitare le truffe online

Case vacanze: i consigli della Polizia Postale per evitare le truffe online.

case vacanze truffe
Casa vacanze al mare (Adobe Stock)

Con l’estate ormai avviata e le ultime riaperture dopo il lockdown, sono tanti gli italiani che vogliono concedersi una bella vacanza di relax e divertimento, al mare, in montagna o al lago. La scelta in quest’anno di pandemia cadrà sull’Italia, per via delle limitazioni o le maggiori difficoltà di viaggiare all’estero e anche per sostenere il nostro turismo così duramente colpito dall’emergenza sanitaria.

La parola d’ordine per l’estate è turismo di prossimità e non è affatto una limitazione, visti i posti meravigliosi che il nostro Paese offre in tutto il suo territorio. C’è solo l’imbarazzo della scelta.

Per il proprio soggiorno, saranno in molti a scegliere di affittare una casa, dove trascorrere la vacanza con la propria famiglia. Una garanzia di sicurezza in più rispetto a strutture ricettive aperte al pubblico e frequentate da più persone insieme.

Come ogni anno, tuttavia, e a maggiore ragione quest’anno, occorre fare attenzione alle truffe. Infatti, puntuali si ripresentano gli annunci di case fantasma, che in realtà non esistono oppure non sono in affitto, con l’amara scoperta che viene fatta nel momento in cui si raggiunge la località di vacanza. Per evitare queste spiacevoli sorprese, la sezione Postale della Polizia di Stato ha elaborato un elenco di regole da seguire. Ecco quali sono.

Leggi anche –> Viaggi in Italia per l’estate 2020: il turismo e non solo riparte dai borghi

Case vacanze: come evitare le truffe online

In occasione delle vacanze estive tornano ogni anno, puntuali come un orologio svizzero, le truffe delle case in affitto sui siti web di annunci online. Tra case fantasma, o completamenti difformi dall’annuncio, e finti proprietari che fuggono con la caparra, gli aspiranti vacanzieri sono esposti a numerosi rischi, con amare sorprese che si manifestano proprio quando si raggiunge l’agognata località di vacanza.

Per evitare imbrogli e mettersi al riparo dagli annunci truffaldini online, la Polizia di Stato indica alcune regole fondamentali da seguire quando si decide di affittare una casa per le vacanze sul web tramite appositi siti di annunci.

L’iniziativa è della Polizia Postale, in collaborazione con l’Unione nazionale consumatori (Unc) e Subito.it, sito di annunci online molto utilizzato anche per la ricerca di case vacanze.

Leggi anche –> Spiagge libere e coronavirus, le regole: dall’app agli sport

Le regole per evitare le truffe in dettaglio

Di seguito trovate le 8 regole da seguire per affittare una casa per le vacanze online in sicurezza.

Immagini realistiche

Controllare che le immagini online delle case vacanze siano realistiche, complete e non troppo patinate. Per verificare la coerenza e veridicità delle foto pubblicate con gli annunci, si consiglia di utilizzare un motore di ricerca web di immagini (per es. Google immagini) su cui caricare le foto presenti nell’annuncio e controllare che non si tratti di immagini di repertorio. Le foto devono corrispondere esattamente a una casa esistente e che si tratti di una casa veramente in affitto (alcuni annunci possono avere le foto di case reali ma in realtà abitate da altre persone e non disponibili per l’affitto).

Descrizione completa e dettagliata dell’immobile

Per capire se la casa vacanza in affitto e la zona (distanza dal mare, posizione centrale…) corrispondono alla descrizione fatta nell’annuncio, la Polizia consiglia di cercare l’indirizzo sulle mappe disponibili nel web e, una volta trovato il luogo esatto, visualizzarlo tramite satellite (o Google Street View). In questo modo si potrà conoscere la reale posizione della casa e verificare anche la sua esistenza o che la foto nell’annuncio corrisponda a quella dell’indirizzo.

Contattare direttamente l’inserzionista via chat

Per avere conferme ulteriori, la Polizia consiglia di prendere contatto con l’inserzionista tramite la chat della piattaforma, chiedere informazioni e foto aggiuntive sulla casa e approfondire con una chiacchierata chiedendo il numero di telefono, possibilmente fisso.

Prezzo dell’immobile adeguato

Per capire se il prezzo di affitto di una casa per le vacanze è alto, basso o adeguato è opportuno fare una ricerca sulla zona tramite la piattaforma in cui è presente l’annuncio, utilizzando anche un motore di ricerca e controllando se il prezzo non sia troppo basso e quindi adeguato con la località e la struttura della casa.

Incontro con l’inserzionista

Per verificare che tutto sia in regola, si consiglia di incontrare ove possibile l’inserzionista, per una visita della casa e per consegnare l’importo dovuto di persona.

Richiesta e valore caparra

La richiesta di una caparra è legittima, purché non sia superiore al 20 per cento del totale.

Documenti di identità

La Polizia Postale consiglia di non inviare documenti personali: carta d’identità, patente o passaporto non devono mai essere condivisi in quanto potrebbero essere utilizzati per fini poco leciti (es. sostituzione di persona, furto di identità).

Pagamenti

Effettuare pagamenti solo su Iban o comunque con metodi tracciabili; l’Iban bancario deve essere riconducibile a un conto corrente italiano che è possibile verificare tramite strumenti online.

Ulteriori informazioni sul sito web della Polizia di Stato.

Leggi anche –> Case vacanze gratis in Molise: come fare per averle

case vacanze truffe
Viaggio con i bambini (iStock)