Home low cost EasyJet torna a volare in Italia: quando e dove

EasyJet torna a volare in Italia: quando e dove

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:56
CONDIVIDI

EasyJet torna a volare in Italia: ecco quando e dove. Tutte le informazioni utili.

easyjet volare italia
Boeing EasyJet (Fotto Wikipedia, pubblico dominio)

Ottime notizie per i viaggiatori italiani e i passeggeri dei voli low cost: è ufficiale, EasyJet torna a operare in Italia. La notizia è uscita oggi. La compagnia aerea sarà di nuovo operativa nel nostro Paese dal prossimo 15 giugno, data di ripartenza già annunciata per i voli in Regno Unito e Francia. Anche da noi i primi voli saranno nazionali, collegando l’aeroporto di Malpensa con alcuni scali del Sud Italia. In coerenza, del resto, con la riapertura dei confini regionali il prossimo 3 giugno e la possibilità per gli italiani di tornare a spostarsi su tutto il territorio nazionale. È previsto comunque anche un collegamento internazionale. Ecco tutto quello che bisogna sapere.

Leggi anche –> Ripartenza dei voli low cost: le offerte di Ryanair per l’estate

EasyJet torna a volare in Italia

Gli italiani che dal prossimo giugno torneranno a spostarsi su tutto il territorio nazionale, da Nord a Sud, grazie alla riapertura dei confini tra le regioni, non saranno lasciati a terra. In attesa del ritorno dei voli di Ryanair al 1° luglio, la compagnia aerea low cost EasyJet ripartirà con i suoi voli interni in Italia. La ripresa dei voli è stata fissata al prossimo 15 giugno. Nei giorni scorsi, alcune indiscrezioni provenienti dall’aeroporto di Malpensa l’avevano anticipata al 3 giugno e con meno voli di quelli invece annunciati oggi.

Come è comprensibile, la ripresa dei collegamenti aerei di EasyJet in Italia sarà graduale. I primi voli partiranno dall’aeroporto di Milano Malpensa verso 8 destinazioni del Sud Italia: Bari, Cagliari, Olbia, Catania, Palermo, Lamezia Terme e Napoli. Inoltre è previsto un collegamento internazionale da Brindisi a Ginevra.

La ripresa dei collegamenti di EasyJet in Italia sarà inaugurata dal volo Milano Malpensa-Lamezia Terme alle 7.00 del mattino del 15 giugno.

Leggi anche –> Voli low cost: come cambieranno dopo la pandemia

Il ritorno dei voli di EasyJet in Italia è una buona notizia, non solo per i passeggeri ma per l’economia in generale, segno di graduale ritorno alla normalità e ai viaggi, per motivi familiari, per studio,  lavoro e turismo. È importante che il Paese e le attività ripartano pur nel rispetto di tutte le precauzioni e le norme di sicurezza.

EasyJet ha fatto sapere che aumenterà le rotte mano a mano che i vari Paesi allenteranno le restrizioni ai viaggi e aumenterà anche la domanda dei viaggiatori. Già a luglio potrebbero riprendere i collegamenti dall’aeroporto di Venezia e da quello di Napoli. La compagnia punta anche a far ripartire i collegamenti internazionali, dall’Italia e anche dall’estero, con l’auspicio che i Paesi procedano in modo uniforme nell’adeguarsi alle nuove normative per la sicurezza dei voli.

Volo easyJet (iStock)

Le misure di sicurezza sui voli EasyJet

La compagnia aerea ha comunicato che i voli saranno effettuati nel rispetto delle misure di sicurezza sanitaria. Per la protezione dai rischi di contagio da Covid-19, EasyJet ha introdotto l’obbligo della mascherine a bordo e a terra per i passeggeri e per il personale in cabina. Sarà sospeso il servizio di ristorazione a bordo per limitare i contatti e gli spostamenti durante il volo.

Inoltre, gli aeromobili della compagnia saranno sottoposti tutti i giorni a pulizia approfondita, oltre a quella prevista normalmente, e a una sanificazione integrale della cabina per garantire la protezione delle superfici dai virus per almeno 24 ore.

Queste misure sono state individuate e definite in accordo con le autorità aeronautiche ICAO (International Civil Aviation Organization) ed EASA (European Union Aviation Safety Agency), nel rispetto delle indicazioni delle autorità nazionali e in linea con le norme di tutela della salute.

Altre misure di sicurezza sono state introdotte per le operazioni a terra, in aeroporto. Tra queste ci sono il sistema automatico di deposito bagagli per il check-in di quelli da riporre in stiva. In mancanza del sistema automatico, sono previsti schermi protettivi presso i check-in. Ai passeggeri verrà chiesto di scannerizzare autonomamente i propri documenti, in modo che il personale di terra e di cabina non debba maneggiarli al momento dell’imbarco. Inoltre, EasyJet invita i clienti ad effettuare il check-in online e a scaricare la carta d’imbarco sul proprio smartphone oppure a stamparla prima di arrivare in aeroporto. Inoltre, a bordo di tutti gli aerei saranno disponibili dispositivi sanitari di scorta, come mascherine, guanti e disinfettante per le mani, sia per i passeggeri che per l’equipaggio, in caso di necessità.

Gli aerei di EasyJet, poi, dispongono già di un sistema di avanguardia di filtraggio dell’aria. I filtri antiparticolato ad alta efficienza purificano il 99,97% dei contaminanti presenti nell’aria della cabina, compresi virus e batteri. Si tratta degli stessi sistemi di filtraggio utilizzati negli ospedali. Attraverso questi filtri l’aria della cabina viene cambiata ogni 3-4 minuti.

Oltre all’uso della mascherina, prima della partenza i passeggeri dovranno compilare e firmare dei moduli di autodichiarazione sul proprio stato di salute e sottoporsi alla misurazione della temperatura. Poi, a bordo i passeggeri che non viaggiano insieme verranno tenuti a distanza.

Leggi anche –> Voli low cost autunno 2020: le offerte di Ryanair e EasyJet

EasyJet (iStock)