Virus sintomi | studio italiano | “Colpisce anche l’apparato digerente”

Alcune osservazioni condotte da un istituto di Crema presentano degli aggiornamenti sulla situazione virus sintomi. Cosa hanno scoperto ricercatori italiani.

virus sintomi
Situazione virus sintomi Foto dal web

Uno studio italiano condotto dalla Federazione italiana delle società malattie dell’apparato digerente (Fismad) fornisce un importante aggiornamento su quella che è la situazione virus sintomi.

LEGGI ANCHE –> Congiunti | cosa si intende e chi possiamo incontrare nella Fase 2

Ne parla la dottoressa Elisabetta Buscarini, che di Fismad, che ha sede a Crema, è presidente. “Abbiamo riscontrato nel 10% di alcuni pazienti sottoposti ad attenta osservazione il sorgere di vomito e diarrea nelle fasi iniziali della malattia. Riteniamo che tali sintomi rappresentino un campanello d’allarme da tenere in considerazione”. Lo studio verrà pubblicato a breve. La struttura presieduta dalla dottoressa Buscarini è stata particolarmente provata negli scorsi mesi da quanto successo. Ed ora le conoscenze acquisite sulla pandemia sono decisamente aumentate. Sono serviti degli esami endoscopici per condurre queste osservazioni, in particolare su individui affetti da emorragia digestiva.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> Controlli Coronavirus | prende il sole in topless e insulta i carabinieri

Virus sintomi, il virus attacca anche l’apparato digestivo

Le lesioni individuate erano tutte dello stesso tipo, e tutte ascrivibili al virus. Nel frattempo è alle porte la partenza di quella che sarà la Fase 2. E di ciò ha parlato il dottor Silvio Brusaferro, direttore dell’Istituto Superiore di Sanità. Per Brusaferro, ora arriverà più che mai la necessità di dovere rispettare le regole di distanziamento sociale messe in atto da due mesi in Italia e nel mondo. La ripartenza di alcune attività annunciata in conferenza stampa dal primo ministro Giuseppe Conte inizierà a partire da lunedì 4 maggio 2020. E d’accordo con l’Iss, tale ripresa avrà luogo a scaglioni. A ripartire saranno prima alcune categorie e poi altre ed altre ancora. Fino ad arrivare al 1° giugno, quando l’intenzione per allora sarà quella di permettere anche a bar, parrucchieri, centri estetici ed altre attività di ricominciare a tenere le saracinesche aperte.

LEGGI ANCHE –> Festa di compleanno in piena quarantena | traditi dai social | FOTO