Controlli Coronavirus | fermati dai poliziotti reagiscono e scatta la rissa

Nell’ambito della situazione controlli Coronavirus, alcuni agenti fermano un gruppetto di persone a spasso come se niente fosse e finisce male.

Controlli Coronavirus
A Milano tre poliziotti aggrediti nei Controlli Coronavirus FOTO Getty Images

Deprecabile episodio quello capitato nell’ambito dei controlli Coronavirus. In giornata a Milano, in zona Colonne di San Lorenzo, tre tutori dell’ordine hanno dovuto domare una aggressione ricevuta da alcune persone trovate in giro senza alcuna valida motivazione.

LEGGI ANCHE –> Conte conferenza stampa Fase 2 | le principali novità

Si tratta di tre individui, a spasso senza mascherine e guanti sanitari nel centro del capoluogo lombardo. Allora degli agenti di polizia li hanno fermati chiedendogli la necessaria autocertificazione richiesta per uscire di casa. E solamente per motivazioni di stretta ed urgente necessità, come noto. I tre ne erano sprovvisti, ma a due di loro non è piaciuto l’essere fermati dai poliziotti. E così hanno reagito aggredendo tre agenti. I quali hanno riportato qualche leggera contusione. Ma nel giro di pochi secondi i rappresentanti della legge hanno avuto la meglio degli scalmanati e li hanno arrestati, per deferirli all’autorità giudiziaria.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> La conferenza stampa di Giuseppe Conte in video, rivedi la diretta

Controlli Coronavirus, diversi i reati contestati a due uomini

Sono diversi i capi di imputazione nei loro confronti, che tra l’altro hanno anche danneggiato la radio di uno degli agenti ed una loro volante. Il gruppo era composto da un 38enne ed un 61enne, entrambi italiani, e da una donna originaria della Finlandia. I due uomini hanno avuto una reazione scomposta (non una novità nell’ambito controlli Coronavirus, n.d.r.). Il più giovane ha ricevuto in particolare le accuse di resistenza a pubblico ufficiale, lesioni e danneggiamento. Per il 61enne le accuse sono sempre di resistenza ed anche di oltraggio a pubblico ufficiale. Inoltre per entrambi ecco anche una sanzione per violazione di decreto presidenziale e per il mancato rispetto delle norme anti epidemia. Quest’ultimo provvedimento è toccato anche alla donna.

LEGGI ANCHE –> “Riapertura scuole”, lo studio matematico del Politecnico di Milano