Conte conferenza stampa Fase 2 | le principali novità

Giuseppe Conte conferenza stampa Fase 2, il presidente del Consiglio rende noti i provvedimenti studiati a partire dal 4 e 18 maggio per i vari settori.

Giuseppe Conte conferenza stampa Fase 2
Giuseppe Conte conferenza stampa Fase 2 Foto dal web

Sono diverse le novità comunicate dal premier Giuseppe Conte in conferenza stampa per la Fase 2. Il capo del Governo ha annunciato la partenza della Fase 2 a partire dal prossimo 4 maggio.

LEGGI ANCHE –> Vaccino Coronavirus | dalla Cina test incoraggianti su scimmie

Anzitutto l’Esecutivo ha varato l’introduzione del prezzo massimo per le mascherine sanitarie (quelle chirurgiche in particolare, come affermato proprio da Conte) sarà di 50 centesimi di euro. La mossa arriva per porre fine in maniera definitiva a qualsiasi speculazione, come fin troppe volte si è visto nel corso degli ultimi due mesi. Con anche l’abolizione totale dell’Iva. I funerali possono di nuovo essere celebrati, ma con la presenza di massimo 15 congiunti. E sempre rispettando le misure di distanziamento sociale. “Serviranno obbligatoriamente mascherine e distanza di almeno un metro tra i presenti.

Se vuoi seguire tutte le nostre notizie in tempo reale CLICCA QUI

LEGGI ANCHE –> La conferenza stampa di Giuseppe Conte in video, rivedi la diretta

Giuseppe Conte conferenza stampa Fase 2, chi riprenderà dal 4 maggio

Il comitato scientifico prevede un aumento dei contagi tra una o due settimane. Conseguenza diretta di questa parziale riapertura che serve per fare ripartire l’Italia”, ha affermato Conte in conferenza stampa. Si anche alle passeggiate con i figli al parco, ma con ingressi controllati. Qualora non si potesse fare niente per evitare gli assembramenti, allora i sindaci potranno chiudere i propri spazi pubblici. Si ad attività sportiva anche lontano da casa, ma al massimo in due. E con 2 metri di distanza in caso di movimento intenso, di un metro per la sola attività motoria. Riprendono le attività legate a manifattura, costruzioni e commercio all’ingrosso per questi due settori. Poi per la ristorazione ci saranno degli ingressi contingentati ad una persona per volta, per poter procedere con la preparazione di cibo da asporto. Resta il si per le consegne a domicilio.

LEGGI ANCHE –> “Riapertura scuole”, lo studio matematico del Politecnico di Milano

Dal 18 maggio, ripresa di musei e di allenamenti per società sportive

Disposta la riapertura, dal 18 maggio, di musei, biblioteche e mostre. Invece il 1° giugno l’obiettivo sarà riaprire parrucchieri, centri estetici e bar. La scuola invece prosegue con l’attività didattica a distanza. Allenamenti: dal 4 giugno si a quelli individuali per i professionisti, in centri sportivi appositi e con condizioni di sicurezza di distanziamento sociale. Dal 18 riprenderanno a lavorare anche le società sportive. E quindi anche i club calcistici. Per una ripresa del campionato si deciderà dopo questa data. Infine, restano le autocertificazioni per gli spostamenti. Che dovranno sempre essere motivati da bisogni strettamente necessari. E ci saranno permessi di spostamento congiunti per andare a trovare i propri famigliari.

LEGGI ANCHE –> Il governo brasiliano sta nascondendo il vero numero di contagi da coronavirus?

Gestione cookie